L’attività sportiva richiede una sana e oculata integrazione alimentare

etixx-post_prodotto3

Per tutti gli sportivi è fondamentale avere a disposizione energie spendibili prima di un allenamento o una gara, durante l’attività fisica può essere richiesto un’integrazione alimentare a causa di una temperatura atmosferica molto calda o per uno sforzo fisico proloungato nel tempo ed anche a fine allenamento o gara è importante reintegrare gli elettroliti persi, le calorie consumate, le proteine, ricostruire le scorte di glicogeno, tutto ciò comporta un allenamento sulla nutrizione, sulla sana integrazione che va personalizzata in base alle carateristiche dell’individuo. Continua a leggere

Annunci

Il treno dello sport a volte passa e bisogna prenderlo al volo

Matteo SIMONE

http://www.psicologiadellosport.net

 

Il treno dello Sport raccoglie gente e le porta in giro per allenamenti e gare, per faticare e divertirsi insieme, per sperimentarsi e mettersi in gioco, condividere partenze, percorsi e arrivi. Questo è lo sport che vogliamo, uno sport che rende felici nonostante la fatica, nonostante le avverse condizioni climatiche.

IMG_6382Puoi salire quando vuoi sul treno dello sport, puoi stare davanti o dietro, non c’è un età per iniziare o per smettere, non c’è un’esatta modalità per partecipare al treno dello sport, puoi sperimentare benessere o performance o entrambi. Il treno dello sport a volte passa e bisogna prenderlo al volo e lasciarsi trasportare per strade, ville, parchi e monti.

Continua a leggere

Lo sport diventa una terapia naturale meglio di tanti farmaci

Matteo SIMONE

http://www.psicologiadellosport.net

 

Lo sport diventa una terapia naturale meglio di tanti farmaci, diventa un addestramento alla vita, incrementa consapevolezza nei propri mezzi e proprie capacità, incrementa fiducia in sé, aiuta a stare al mondo con una visione positiva e propositiva, l’esercizio fisico attraverso lo sport ti permette di elaborare pensieri e problemi, prendere decisioni ragionate, aiuta a pianificare progetti e mete, a stare con gli altri confrontandoti e condividendo gioia e fatica.

IMG_6301Lo sport rende felici, incrementa consapevolezza, sviluppa autoefficacia consolidando la fiducia in se stessi di poter far qualcosa, di riuscire in qualcosa, inoltre lo sport incrementa la Resilienza, si affrontano e si superano meglio i problemi, le crisi, le difficoltà, si è più attenti e gentili.

E’ importante porre tanta attenzione nelle cose che si fanno e sviluppare consapevolezza di sé e fiducia in se stessi. La motivazione deve essere solida. E’ necessario attingere alle risorse interne per perseguire le mete desiderate e cavalcare l’onda del cambiamento per seguire la direzione che porta a trasformare sogni in realtà e raggiungere obiettivi sfidanti ma non impossibili. Siamo tutti in grado di perseguire i nostri sogni.

Continua a leggere

Lo sport rende felici, libera la mente, sviluppa resilienza

Matteo SIMONE

http://www.psicologiadellosport.net

 

E’ risaputo e sperimentato che lo sport incrementa consapevolezza, sviluppa autoefficacia consolidando la fiducia in se stessi di poter far qualcosa, di riuscire in qualcosa; inoltre lo sport incrementa la Resilienza, si affrontano e si superano meglio i problemi, le crisi, le difficoltà, si è più attenti e gentili.

IMG_6274Si possono fare grandi cose e se arriva un impedimento per qualsiasi motivo bisogna essere resilienti e pronti al cambiamento, non abbattersi ma cambiare solamente gli obiettivi, rimodularli in base alle proprie condizioni fisiche attuali. Per ogni problema c’è almeno una soluzione, chiuso un portone se ne possono aprire tanti altri, comunque l’esperienza fatta fa parte del bagaglio culturale ed esperienziale dell’individuo e serve nel futuro a darti sempre una mano per andare avanti con pazienza, un passo alla volta, con consapevolezza e rispettando i propri limiti.

Continua a leggere

Rinaldo Marioli: La gara più difficile la Polardistans 2015, 170 km Pulka 2 cani

Le crisi sono “mentali” quando gareggi in continuazione per 24/30 ore

Matteo SIMONE

Psicologo, Psicoterapeuta

 

Il mondo dello sport è molto variegato e sorprendente, ci sono tante modalità di fare sport, dagli sport individuali a quelli di squadra, ci sono sport al chiuso e all’aperto, sport con mezzi, strumenti, attrezzature e sport con animali dove l’uomo collabora con l’animale per raggiungere obiettivi insieme conoscendosi sempre di più, affiatandosi, diventando team insieme.

IMG_5929Di seguito Rinaldo Marioli, Presidente Associazione Italiana Mushers, racconta le sue esperienze rispondendo ad alcune mie domande.

Qual è stato il tuo percorso per diventare un Atleta? “È stato un processo naturale dettato dalla passione per la montagna, i cani, il vivere la natura, vivere fuori dai soliti schemi quotidiani e dettati dalla nostra società.” Continua a leggere

La maratona è emozionante e piena di sensazioni positive

Matteo SIMONE

http://www.psicologiadellosport.net

 

La maratona permette di sperimentare sensazioni uniche. Di seguito alcune testimonianze di maratoneti che rispondono alla domanda: Qual è stata la gara della tua vita, dove hai sperimentato le emozioni più belle?

FullSizeRenderAlberto Di Muzio, presidente dell’associazione “Andrea e i corsari della maratona” i cui volontari spingono le carrozzine in occasione delle gare podistiche vestiti da clown: Qual è stata la gara della tua vita? La gara più difficile? “La mia prima maratona a Reggio Emilia, anno 2007, dedicatissima al mio Andrea, scomparso da pochi mesi, è stata emozionante e piena di sensazioni positive….la più bella. La più difficile deve ancora venire e penso sarà quella in cui capirò che è arrivato il momento di smettere.”

Carlo Poddighe:  “Io direi che ogni maratona mi ha regalato forti emozioni. La prima, fine 2013. Arrivai in 3h.29′. Poi la soddisfazione provata quando sono riuscito a tagliare il traguardo in 3h.13′ lo scorso ottobre.” Continua a leggere

Federica Sicignano, Maratona di Parigi 8 Aprile: Pronta e carica come una molla

Lo sport non è solo attività fisica ma anche allenamento mentale e crescita personale

Matteo SIMONE

 

Tanti dubbi posso assalire l’atleta, nella sua testa fanno a cazzotti sabotatori e aiutatori, chi ti dice che non vali, che te la rischi, che non ce la farai e chi ti stimola, ti carica, ti invoglia. Di seguito, Federica racconta le sue impressioni e sensazioni pre maratona rispondendo ad alcune mie domande.

Quale ritieni sia la tua prossima gara importante? “Maratona di Parigi 8 Aprile.”

Ti senti pronta? “Pronta e carica come una molla.”

5e15af7f-2ee2-4608-8fab-2b53dac8b68fSensazioni, emozioni, pensieri prima della prossima gara importante? “Mi si è aperto di nuovo il piede. Reggerà il ginocchio? Speriamo non mi venga il mal di schiena. Sono stanca ce la farò? Poi il miracolo! La mente si libera e il tuo corpo si carica di energia. Rimangono solo la determinazione e la voglia di sentire i piedi dentro le miua amate scarpe. Guardo per l’ennesima volta il video del percorso e mi metto le cuffie per tuffarmi nel mio mondo insieme alla musica. Si parte! Con una squadra speciale di spettatori ad accompagnarmi. Papà guida e Valeria pensa alla compilation per il viaggio. Mamma a casa con Kikko a fare il tifo per me. Senza dimenticare di chi ti chiama per assicurarsi che sia pronta e di chi invece attraverso un sms lascia il segno. Io dormo con i piedi all’aria intanto, per riposare le gambe. Stiamo andando a Parigi! Semplicemente emozionate!” Continua a leggere

La maratona è il coronamento di un sogno

Matteo SIMONE

http://www.psicologiadellosport.net

 

La corsa ti fa faticare ma ti rende felice. La maratona è il coronamento di un sogno, il resoconto di un periodo di lavoro dove si raccolgono i frutti. Correre una maratona diventa un’impresa poi quando ne corri una fatta bene diventa una soddisfazione personale che corona il periodo di allenamenti, impegno, fatica.

2ba3e40e-1832-4871-bc1b-cbb29323906aCarlo Poddighe: Quali sono i sogni che hai realizzato? “Ho realizzato il sogno di correre maratone. Poi quello di farlo migliorando i miei tempi.”

Vito Cafaro: Quali sono i sogni realizzati: “Un sogno realizzato è sicuramente la maratona.”

Benedetto Scarpellino: Quali sono i tuoi pensieri? “I pensieri più belli e forti sono nel rettilineo finale di una maratona, quando ti rendi conto di aver raccolto quanto seminato nei mesi precedenti.” Continua a leggere

Riccardo Borgialli: Non nascondo un po’ di emozione per l’esordio in Azzurro

Matteo SIMONE

http://www.psicologiadellosport.net

 

In occasione del prossimo Campionato Mondiale di Trail Running 2018 che si disputerà a Penyagolosa (Spagna) il 12 maggio 2018, 85 Km (D+ 4000 mt), la FIDAL ha comunicato i seguenti nominati degli atleti selezionati: Riccardo Borgialli (Asd Bognanco), Stefano Fantuz (Ssr La Colfranculana), Andrea Macchi (Atl. Gavirate), Christian Pizzatti (TRM Team), Simone Wegher (Tornado), Marco Zanchi (Gs Marinelli Comeduno), Chiara Bertino (Asd Podistica Torino), Alessandra Boifava (Ultrabericus Team ASD), Lisa Borzani (Bergamo Stars Atletica), Lidia Mongelli (Atl. Correrepollino).

Di seguito, Riccardo racconta le sue impressioni prima del grande appuntamento rispondendo ad alcune mie domande.

IMG_5245Quale ritieni sia la tua prossima gara importante? “Il mio prossimo grande appuntamento sarà il Campionato Mondiale di Ultra Trail, a Penyagolosa (Spagna), dove si correrà su un percorso di 85km e 5000m di dislivello positivo.” Continua a leggere

Federica Sicignano, runner: Una delle esperienze più belle dei miei ultimi anni

Matteo SIMONE

Quello che ci dicono gli accompagnatori in Kenya è di vivere nel momento approfondendo la conoscenza di noi stessi, di quello che ci circonda, degli altri; di allenarci gradualmente con impegno e divertimento, di assaporare il cibo che ci preparano con cura con i prodotti della terra e degli alberi tanto profumati e colorati, di riposare e goderci le pause, di socializzare e poi se avanza tempo ci possiamo dedicare al wifi per contattare il mondo. Di seguito, Federica (Viola) racconta la sua esperienza di running camp in Kenya rispondendo ad alcune mie domande.

09150f6f-cc1d-437e-80e7-b61875caf7abChe sapore ti ha lasciato questo stage? “Mi ha lasciato un sapore dolce. Di quelli che rimangono impressi e che vorresti sempre assaporare. Un sapore soffice come una torta fatta in casa e appena sfornata che ti avvolge con il suo profumo. Naturale, sana, di quelle che fanno bene sia al corpo che allo spirito.”

Continua a leggere

Riccardo Borgialli, ultratrail: La forza di volontà forse è il mio più grande pregio

Matteo SIMONE

 

A volte sono importanti gli incontri che si fanno, a volte gli amici ti portano sulla strada giusta come è quella dei sentieri e dei trail in montagna e ti fa scoprire il meglio di te, ti fa scoprire una passione per lo sport, per la natura, per la montagna e allora ti accorgi che la fatica della corsa con dislivelli è compensata dalle sensazioni che si sperimentano e dalle emozioni quando arrivi al traguardo contento e soddisfatto e sempre di più vuoi far meglio e ottenere successi che ti portano sempre più in alto fino ad ambire a una convocazione in nazionale per poter indossare una maglia azzurra.

Di seguito, Riccardo racconta la sua esperienza di atleta rispondendo ad alcune mie domande un po’ di tempo fa.

riccardo borgialli - cr CLAUDIO BELLOSTA 1 (2)Ti puoi definire ultramaratoneta? “Direi di sì, corro distanze superiori a quelle della maratona con l’aggiunta del dislivello dovuto ai continui sali-scendi delle montagne.” Continua a leggere