Lo stretching

16BIS

L’utilizzo dello stretching all’interno delle sedute di allenamento è una pratica ormai ampiamente diffusa nella stragrande maggioranza degli sport.

Esso viene utilizzato sia per completare il riscaldamento e prepararsi alla performance , sia durante il defaticamento, per
favorire il recupero .

Alcune definizioni:

Flessibilità:

E’ l’abilità di piegarsi, di flettersi, di essere flessibile, dunque, questo termine indica la mobilità articolare di una o più articolazioni.

Stretching:

Lo stretching è l’esecuzione di particolari esercizi che hanno lo scopo di migliorare la flessibilità.

Articolarità:

Non va confusa con la flessibilità , con la quale, invece, si intende il risultato della forma dei capi articolari,quindi i gradi di libertà che essi permettono all’articolazione.

In molti sport la flessibilità è una determinante fondamentale della performance: numerosi gesti sportivi non sarebbero possibili senza adeguati livelli di mobilità articolare (si pensi, ad esempio, alla tecnica di passaggio dell’ostacolo). Dunque uno sviluppo inadeguato della mobilità articolare spesso rappresenta un ostacolo per l’ulteriore miglioramento tecnico-coordinativo e potrebbe portare ad un rallentamento nel processo di miglioramento della performance. Durante l’allenamento è quindi importante lavorare anche per mantenere un adeguato livello di flessibilità, ma bisogna ben comprendere quali siano i mezzi e le metodiche più idonei a tale scopo.

Lo stretching rappresenta una metodica di allenamento utilizzata principalmente per migliorare la flessibilità o, laddove ce ne fosse un deficit, recuperarla.

Principali metodiche di allungamento
Esistono diverse tipologie di stretching, tra queste lo stretching statico è di certo la più diffusa ed utilizzata,
sia perché ha una bassissima associazione col rischio di infortuni, sia perché sembra essere la più efficace per il miglioramento della flessibilità; questa metodica consiste nell’allungare un gruppo muscolare e mantenere la posizione raggiunta per un periodo di tempo più o meno lungo .Più semplicemente si assume una posizione che sia possibile mantenere senza dolore.

Lo stretching balistico consiste in una serie di allungamenti ripetuti in maniera ritmica, con moleggi chiamato anche stretching
dinamico¹ è definito, in maniera più precisa, come un movimento controllato attraverso il range di mobilità articolare
attivo di un’articolazione ,questa metodica sembra essere meno utile in termini di miglioramento della flessibilità e secondo alcuni  maggiormente associata col rischio di infortuni, mentre secondo altri autori non esistono maggiori rischi associati a questa metodica.

Lo stretching è ampiamente utilizzato nelle sedute di allenamento, nel riscaldamento e nel defaticamento.
Molti allenatori ne sottolineano l’importanza, per il miglioramento della performance e la prevenzione degli infortuni, ma recentemente diversi studi hannomesso in discussione questi punti di vista.

Al momento non esistono evidenze che giustifichino l’utilizzo dello stretching nel riscaldamento precedente una performance di forza e/o potenza, in quanto molti studi hanno rilevato un effetto negativo  dello stretching  o, in altri casi, nessuna variazione dei parametri indagati .

29

Per ciò che riguarda gli effetti cronici dello stretching,la situazione è ancora piuttosto dibattuta, sembra tuttavia che la combinazione di esercizi di stretching con esercizi di forza porti ad un buon miglioramento  sia della forza che della flessibilità .
L’esecuzione costante di esercizi di stretching può offrire una maggiore protezione dagli infortuni , purché non si esegua l’allungamento fino ad aumentare il range di mobilità articolare oltre il livello necessario per lo svolgimento di una determinata attività fisica .

Da un punto di vista pratico è accettabile l’utilizzo del solo stretching dinamico in fase di riscaldamento,
in quanto, per la performance, esso è meno dannoso dello stretching statico, soprattutto se si eseguono esercizi che riprendono il gesto tecnico di gara .

Tuttavia è consigliabile evitare l’esecuzione di esercizi di stretching durante il riscaldamento, perché questo comporta un decadimento della performance  ed un rischio di infortuni identico  o addirittura aumentato ; viceversa lo stretching eseguito dopo l’allenamento o la performance di gara risulta efficace in termini di prevenzione degli infortuni e non incide negativamente sui guadagni di forza e potenza nel lungo termine .

Si ricorda inoltre come sia stato dimostrato che non ci sono differenze in guadagno di flessibilità nell’eseguire lo stretching statico prima o dopo l’esercizio fisico dunque è sicuramente più conveniente porre lo stretching a fine allenamento e dopo la gara, ma non prima.

1.Lo Stretching dinamico prevede movimenti la cui escursione articolare aumenta progressivamente, così come la velocità d’esecuzione, o entrambe.Tuttavia in letteratura vengono distinte le definizioni di stretching balistico e dinamico.
Lo stretching dinamico s’utilizza prevalentemente nel riscaldamento, infatti con oscillazioni controllate, si arriva dolcemente e progressivamente ai limiti della propria capacità di escursione articolare.
Il metodo dello stretching balistico è molto semplice, si arriva in posizione di massimo allungamento e poi si tenta di andare oltre questa posizione con un movimento brusco e violento.

 

FONTE :

Estratti dell’articolo : “Lo stretching ed i suoi effetti su performance ed infortuni Una revisione critica della letteratura scientifica”
Fabio Rastelli, Serena Chiavaroli

SE VUOI SAPERNE DI PIU’:

Partecipa ai workshop organizzati dalla SSML San Domenico Roma.

Per informazioni sulle date e sulle certificazioni rilasciate contattare:

comunicazione@ssmlsandomenico.it

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...