La maratona come metafora della vita, un passo alla volta

Matteo SIMONE

www.psicologiadellosport.net

 

 

Lo sport, un mondo meraviglioso che tutti dovrebbero provare, allena fisico, cuore e mente. Fortifica il carattere. Ti fa star bene, sviluppa autoconsapevolezza, autoefficacia e resilienza. Crea rete tra persone anche di culture diverse, nella sofferenza ci si avvicina.

12973369_10154022689591211_679941230499116896_o.jpgLo sport che rende felice, fa ringraziare a te stesso, a chi ti ha seguito nel lungo periodo di preparazione, a chi ti ha sostenuto in gara, fa ringraziare a qualcuno di superiore. Se riesci nello sport riesci anche nella vita ad aiutare te stesso e gli altri.

L’esordiente ventitreenne Amos Kipruto (Kenya) vince la 22^ Maratona di Roma in 2:08.12!!

Primi 10 6 keniani e 4 Etiopi primo arrivato 2.08.12 Amos Kipruto , primo Italiano Dematteis Martis 2.18.20 a seguire Guadi Giovanni Fiamme Gialle 2.18.20 e Dario Santoro Atl. Potenza Picena, atleta di Manfredonia. Ultimo uomo arrivato Lomuscio Eligio Barletta Sportiva 7.30.45.

Donne vince l’Etiope Tusa Rahma 2.28.49, seconda la connnazionale Duru Mulu Melka 2.29.59, terza Algerina Dahmani Kenza 2.33.53, quarta Epis Giovanna G.S. Forestale 2.38.20. Ultima donna arrivata Soli Francesca UISP Reggio Emilia 7.30.20.

Alex Zanardi per la quinta volta è re di Roma, con il record del percorso!! (1:09.15).

Continua a leggere