Non so ancora il perché, ma la mia prima gara fu un Trail di 135 km

Matteo SIMONE

 

A volte ci si accorge che si può stravolgere il sensato, l’ordinario, le cose scontate, Massimo ci racconta come è passato da uno sport semi-professinistico come la canoa ad un altro faticoso ma gioioso come la corsa di lunghe distanze.

10628463_10204672644597027_6844442996137630992_nCosa significa per te essere ultramaratoneta? “Significa correre distanze un po’ fuori da quelle convenzionali, senza preoccuparsi troppo.”

Qual è stato il tuo percorso per diventare un ultramaratoneta? “Vengo dal canottaggio semi-professionistico. Dovendo smettere per motivi di lavoro, inizio a correre per mantenere la forma. Non so ancora il perché ma la mia prima gara fu un Trail di 135 km (a quei tempi in Italia non esistevano quindi dovetti andare in Francia dove ne esistevano 3 o 4) iscritto con una preparazione sommaria, solo con l’idea di andare all’avventura. Fu invece l’inizio.”

 

Quando c’è la passione puoi fare tutto e vuoi andare ovunque, ti senti invincibile ed inarrestabile.

Cosa ti motiva ad essere ultramaratoneta? “Ho la fortuna di avere un fisico che mi permette di venir fuori sulla distanza. Soffro i primi 40 km, poi inizio a stare bene (di solito) ed entro nella mia dimensione.”

Massimo ha scoperto un mondo parallelo, una sorta di rifugio dalla vita ordinaria per immergersi nella straordinarietà della corsa di lunga distanza.

Hai mai rischiato per infortuni o altri problemi di smettere di essere ultramaratoneta? “Si, più volte. Un tendine di Achille operato, una frattura al perone, una alla tibia, varie fasciti, pubalgie ecc… ma alla fine sono sempre riuscito a recuperare.”

12003957_1000032410047814_1390876849999217259_nSembra alquanto resiliente Massimo, tanti fermi ma sempre rialzato e sempre pronto a ripartire per le imprese più ardue ma allo stesso tempo gioiose dove si ha la possibilità di sperimentare la vera essenza della vita.

Cosa ti spinge a continuare ad essere ultramaratoneta? “Onestamente? Il fatto che dopo tanti anni (più di 15…) riesco ancora a vincere o ottenere buoni risultati.”

Il vantaggio per Massimo è duplice non solo ha la passione, si diverte, ma riesce anche talmente bene che i risultati lo portano alla vittoria e quindi tutto diventa, oltre che più semplice, anche più allettante. Si evince una duplice motivazione: intrinseca per il divertimento, la passione e la sfida in se; e estrinseca per i riconoscimenti ricevuti.

Hai sperimentato l’esperienza del limite nelle tue gare? “Molte volte, fortunatamente però la testa è intervenuta sempre in tempo, facendomi desistere. E ne sono ben contento.”

12072758_1015003101884078_2687603839176339084_nMassimo riesce a far funzionare non solo le gambe ma anche la testa ed in questo modo non ci sono crisi che riescono a piegarlo o ad arrestarlo, con la testa allenata si va avanti, si trovano le modalità giuste per continuare la strada che ti porta al traguardo.

Quali i meccanismi psicologici ritieni ti aiutano a partecipare a gare estreme? “Sinceramente non l’ho mai capito. Vasco diceva che ‘è tutto un equilibrio sopra la follia’. Sono pienamente d’accordo. Il cervello dopo tante ore o tanti km, si stabilizza in una dimensione propria, non si pensa più alla fatica o allo stress psico-fisico, si va avanti e basta senza quasi rendersene conto.”

Gli viene facile a Massimo, basta assecondare la follia e non preoccuparsi, tutto diventa più facile. L’importante è partire convinti e determinati e fidarsi di se stessi, il resto viene da solo. Si entra in una dimensione speciale che ti porta comodamente e gioiosamente avanti senza farsi arrestare dalle fantasie catastrofiche o limitanti.

Quale è stata la tua gara più estrema o più difficile? “Sicuramente la Diagonale des Fous a La Reunion. Tecnicissima e durissima: 2 partecipazioni e due ritiri, l’ultimo a pochi km dalla fine.”

Quale è una gara estrema che ritieni non poterci mai riuscire a portarla a termine? “La diagonale des Fous. Psicologicamente penso che partirei già che l’idea di non finirla: l’approccio più sbagliato che ci possa essere.

 

12066064_10153675835609581_4050604619785149833_nImportante avere la consapevolezza dei propri limiti, è bene rispettarli e decidere quello che si può o non si può fare per evitare l’irrimediabile.

Ti va di raccontare un aneddoto? “In 15 anni me ne sono successi tantissimi, uno dei più recenti mi è successo lo scorso mese in Cina. Stavo correndo in pieno deserto, in autonavigazione. Ero in mezzo al nulla e vedo in lontananza una tenda con delle bandiere rosse simili a quelle dei C.P. della gara. Smetto di guardare il GPS e punto dritto lì. Quando arrivo mi accorgo di che è una venditrice di meloni ed io ho fatto un errore che mi costerà 2 ore di gara in più! Ma la mia domanda fu: ma a chi cavolo questa vende i meloni in pieno deserto!!! Ma forse era solo un miraggio.”

 

Questo tipo di gare ti fanno sperimentare anche miraggi, è importante fare attenzione ed ascoltare i segnali del proprio corpo e rimanere sempre nel qui e ora attimo per attimo, presenti a se stessi, per non trovarsi fuori pista soprattutto in posti sconosciuti o dove le temperature cambiano nel giro di poche ore o dove non si ha la possibilità di rifornirsi.

Tanta attenzione è importante per il proprio benessere.

Cosa hai scoperto del tuo carattere nel diventare ultramaratoneta? “A volte mi sorprendo ancora, quando sto per mollare c’è un qualcosa che mi spinge a non farlo. Questa cosa mi è servita moltissimo anche nella vita.”

 

12009595_921916437895852_897278356383968846_nE’ importante fare affidamento sulle proprie risorse che si è mostrato di possedere nel passato, le tante crisi superate servono a fondare le basi per un incremento di autoefficacia nel superare eventuali crisi nella vita, le esperienze diventano la piattaforma ed il trampolino per nuove esperienze.

Come è cambiata la tua vita famigliare, lavorativa? “Ho fatto dell’ultra-maratona una ragione di vita. Chi mi è stato o chi mi è accanto non mi ha mai fatto pesare la cosa e lavorando in proprio sono quasi sempre riuscito a gestire bene la situazione.”

 

Amare qualcuno o qualcosa, significa saper gestire momenti di vita individuali e comuni per prolungare la gioia della condivisione e la passione per qualcosa di importante.

Ai fini del certificato per attività agonistica, fai indagini più accurate? Quali? “Da quando sono nella squadra Nazionale di Ultramaratona, ho la fortuna di essere monitorato in una clinica che ci supporta, il cuore soprattutto è la parte che viene più tenuta sotto controllo.”

12096132_10206078195087384_2499850082610243411_nMassimo è in buone mani, si può affidare al team messo a disposizione dalla Nazionale, così può esprimersi al meglio della sua forma fisica nelle dure imprese di gare di corsa di ultra distanza.

Hai un sogno nel cassetto? “Si mi piacerebbe, in futuro insegnare e trasmettere agli altri quello che l’ultra mi ha fatto imparare e dato in tutti questi anni.”

Il sogno di Massimo non è una gara da vincere o da portare a termine perché considerata forse impossibile, ma di continuare a star bene con se stesso trasmettendo insegnamenti di vita appresi durante la sua lunga carriera sportiva. Grande merito a Massimo per le sue gesta sportive ed i suoi intenti encomiabili.

 

Matteo SIMONE

http://edizionifs.com/autori/matteo-simone/

http://www.arasedizioni.com/files/catalogo/popup.php?cID=1&pID=266

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...