Ho realizzato il sogno di vincere un Campionato Italiano con tanto di record

Matteo SIMONE

www.psicologiadellosport.net

 

483364_3911069147284_1124626211_nL’anno scorso ho partecipato alla mia prima gara di nuoto un 1.500, per molti una gara lunghissima, ma per me abituato alle utramaratone si trattava solamente di 60 vasche non avevo fretta, gli altri si e infatti quest’anno hanno eliminato questa gara lunghissima perchè ci ho impiegato 40’ mentre è stata vinta da Roberto Brunori in 18’ e lì che l’ho conosciuto ed ho scoperto che era un fenomeno di fama Mondiale. Leggiamo come si racconta.

Ti sei sentito campione nello sport almeno un giorno della tua vita? “Mi sono sentito un campione ogni volta che ho stabilito un record Italiano, anche se di categoria, sensazione bellissima e indispensabile per continuare ad allenarsi con voglia e metodo.”

Qual è stato il tuo percorso per diventare un Atleta? “Figlio di un padre sportivo e amante del nuoto ho iniziato a praticare sport fin da piccolissimo, sci , judo e nuoto, a circa 7 anni ho iniziato con le prime garette di nuoto e Judo mentre lo sci solo per divertimento domenicale quando non ero impegnato. Non ho fatto passaggi particolari dato che I 2 sport praticati agonisticamente li facevo contemporaneamente, poi a 14 anni mi dedicai solo al nuoto.”

Hai dovuto scegliere nella tua vita di abbandonare uno sport a causa di una carriera scolastica o lavorativa? “Lasciai lo judo scegliendo il nuoto poi a 16/17 anni lasciai anche il nuoto per intraprendere la carriera militare in A.M.” Continua a leggere