Alla ViviBarletta raccolta di fondi “pro-Siria” e sostegno a Vincenza Sicari

Matteo SIMONE

www.mjmeditore.it/autori/matteo-simone

 

La ViviBarletta avrà luogo l’8 maggio per le strade di Barletta partenza ed arrivo Lungomare Pietro Mennea. La manifestazione è valida anche come settimo step del campionato Corripuglia Fidal ed oltre ad essere un evento sportiva sarà anche un evento di promozione sociale e culturale. Tra le finalità della ViviBarletta vi è l’intento “pro-Siria”, infatti sarà organizzata una raccolta di fondi a cura della Homme&Homme di Badr Fakhouri sostenuta da Ciemme e ASD Barletta Sportiva, a favore della popolazione di Aleppo, martoriata dalla guerra civile.

13179328_10204785131427705_3944911269431586001_n.jpgDurante la conferenza di presentazione sono intervenuti: Enzo Cascella, organizzatore dell’evento e presidente dell’ASD Barletta Sportiva; Vincenza Dimaggio, assessore alle Politiche Istituzionali, per l’istruzione, i giovani e lo sport; Bartolomeo Antonio Palmieri, proprietario dell’azienda Ciemme; Mariella Dileo; Badr Fakhouri; Antonio Gorgoglione, presidente di AIBI e Marcello Degennaro, segretario del CONI.

Durante la manifestazione sarà inoltre possibile acquistare bracciali e bandane ed il ricavato delle vendite sarà devoluto a sostegno di Vincenza Sicari, ex atleta che qualche giorno ha raccontato la sua situazione attuale rispondendo ad un’intervista a cura di Francesca Monti del Giornale Il Popolo Veneto “Sono all’ospedale di Padova da 15 giorni e sono seguita dalla Dott.ssa Pegoraro e dal Dottor Gianni Sorarù. Abbiamo parlato tanto, perché la mia situazione peggiora giorno per giorno. La Dott.ssa Pegoraro è una persona splendida, dolcissima e ha preso molto a cuore la mia situazione e mi ha detto che anche attraverso le sue conoscenze farà il possibile per aiutarmi. Dopodiché se non si riuscirà a trovare una soluzione, voglio andare all’estero, perché in Italia le ho provate tutte. Ho fiducia nella Dott.ssa Pegoraro, lei è molto brava e poi di qualcuno mi devo fidare, anche se io vorrei che tutti i giorni facessero qualcosa. La Fidal ha già contattato un centro a Houston, inoltre stanno facendo una raccolta fondi per pagare le spese di un eventuale viaggio all’estero. Voglio potermi fidare dei medici anche se non aspetterò tanto, a Pisa sono stata due mesi a letto senza fare nulla”.

Vincenza non molla, si piega ma non si spegne, ecco cosa riporta al Giornale Il Popolo Veneto: “Se sono viva è grazie a loro, mi vengono a trovare, mi scrivono. E’ brutto dirlo, ma mi sto spegnendo, invece loro con un messaggio, una telefonata, mi danno la forza di reagire. Hanno fatto i braccialetti con il mio nome, ieri è venuto a trovarmi l’organizzatore della gara RunforVincenza che si terrà il 29 maggio a Torino, Manuela Levorato e Barbara Lai vengono sempre a farmi visita, tra l’altro la scorsa domenica Manuela si è fatta fotografare con la mia maglietta alla Maratona di Padova, città a cui sono legata perché qui ho vinto la mia prima maratona nel 2007.” Continua a leggere

Annunci