Golden Gala, i protagonisti: Bondarenko, Tamberi, Ayana, Gatlin, Kipruto

Matteo SIMONE

Psicologo, Psicoterapeuta

 

13327649_1054384984641031_5306892326188339021_nL’ucraino Bondarenko vince il salto in alto con la sua rincorsa in senso orario scavalcando l’asticella a 2.33 e precedendo il britannico Grabarz che salta 2.30 al primo tentativo, segue al terzo posto, con 2.30 al secondo tentativo, il campione del mondo indoor Gianmarco Tamberi, , quarto il cinese Zhang Guowei con 2.30, mentre Marco Fassinotti si classifica quinto saltando 2.27.

Bohdan Viktorovyč Bondarenko, silenziosamente e con la sua rincorsa in senso orario vince la gara saltando 3 centimetri più degli altri. L’ucraino ha conseguito il titolo di campione del mondo nel 2013 a Mosca saltando 2,41 m. Nel 2014, a New York salta 2,42 m, eguagliando il record europeo che apparteneva allo svedese Patrik Sjöberg, e resisteva da ben 27 anni.

Tanta partecipazione del pubblico in curva sud dove è stato possibile osservare il comportamento in gara dei saltatori ma anche le loro modalità di relazionarsi con il pubblico, con gli allenatori, con gli altri atleti, in particolare dava all’occhio lo show di Tamberi che cercava di animare il pubblico, di aizzarli ad applaudire. Tamberi ad ogni salto andava dal suo allenatore per consultarsi, incitava l’altro italiano in gara Frassinotti, scherzava con il pubblico. Particolare era anche il comportamento del cinese Zhang Guowei, vice campione del Mondo 2015, che indossava un lunghissimo e larghissimo piumone, cercava di competere nello show con Tamberi, anche lui si rivolgeva al suo allenatore che con il telefonino riprendeva i suoi salti ed a volte glieli mostrava.

A fine gara continua lo show di Tamberi che sembra contentissimo, salta le transenne e si fionda tra il pubblico facendosi selfie.

article-urn-publicid-ap.org-0b0804407c2f47858b2ac998c5f73cfd-1s7EEwLZ9n9f6bef26d0eaf3c909-527_634x422.jpgCoinvolgente la gare dei 5000 femminili dove dopo alcuni giri di pista tutte le donne inseguivano a distanza la fortissima etiope Almaz Ayana che chiudendo in 14’12″59 stabilendo il nuovo record del meeting, il proprio personale best, la miglior prestazione del 2016 e sfiorando la miglior prestazione mondiale della connazionale Dibaba 14’11”15 che resiste dal 2008.

La fortissima sudafricana Caster Semenya vince gli 800 metri in 1’56″64 facendo il vuoto nei 100 metri che precedono l’arrivo.

Altro successo di un atleta sudafricano ad opera del campione del mondo Wayde van Niekerk, con il tempo di 44”19, secondo nella storia del Golden. Wayde van Niekerk con il titolo mondiale a Pechino 2015 è stato il primo atleta africano capace di conquistare il titolo mopndiale sui 400 m piani con la quarta migliore prestazione di sempre della specialità. Il 12 marzo 2016 Wayde van Niekerk, stabilendo il record personale sui 100 m con 9″98, entra nella storia dello sprint diventando il primo velocista nella storia a scendere sotto i 10″ nei 100 m, sotto i 20″ nei 200 m e sotto i 44″ nei 400 m.

gettyimages-537652584_master.jpgNei 3000 siepi resta da solo Conseslus Kipruto che dopo la caduta del diretto inseguitore va a stra vincere con il tempo di 8’01″41, miglior prestazione mondiale dell’anno.

La britannica Sophie Kamlish vince la gara femminile dei 100 metri paralimpici in 13.36 precedendo la sua connazionale Laura Sugar (13.58). E’ stata una gara-esibizione a categorie accorpate.

Bella prova in vista dei prossimi Europei paralimpici in programma a Grosseto dal 10 al 16 giugno, da parte delle atlete italiane convocate in nazionale. Maria Lyle (14.12) si piazza al terzo posto precedendo Federica Maspero (14.49) che realizza la sua migliore prestazione personale T43, a soli cinque centesimi di secondo dal record italiano.

Oxana Corso (15.27) già argento T35 alle Paralimpiadi di Londra 2012 e oro iridato a Lione l’anno successivo, ha provato a fare la partenza dai blocchi chiudendo in 15.27 che non è un gran tempo ma ci sono margini di miglioramento. Alina Alexandra Simion conclude in 15.73.

Giusy Versace e Alessia Donizetti sono state tenute ferme in via precauzionale per problemi con le protesi.

13335624_1071102219623803_7201390298002459801_n.jpgJustin Gatlin, campione olimpico nei 100 metri piani ad Atene 2004, fa poker vincendo con 9″93 al Golden Gala i 100 metri per la quinta volta e quarta volta consecutiva e precedendo Ameer Webb che era già appagato per aver vinto poco prima i 200metri con 20″04.

Justin Gatlin il 12 maggio 2006 eguaglia il primato mondiale dei 100 metri, all’epoca detenuto da Asafa Powell con 9″77, in occasione del Grand Prix di Doha. Ai Mondiali di Mosca 2013 vince l’argento nei 100 metri (9″85) e nella staffetta veloce (37″66). Nei 200 metri ha un personale di 19″57, stabilito il 28 giugno 2015 in occasione dei campionati nazionali di cui ha vinto il titolo.

232602570-801b4336-45a5-4ef4-9378-f957ac8acd85.jpgIl 29 luglio 2006 viene resa pubblica la sua positività per testosterone ed essendo recidivo poiché già risultato positivo anni prima per anfetamine viene squalificato per otto anni. Il suo primato mondiale sui 100 metri è conseguentemente cancellato. Successivamente presenta ricorso alla Commissione d’arbitrato statunitense che dimezza la squalifica portandola così a 4 anni.

Terminato il periodo di squalifica, il 21 giugno 2011, ottiene il passi per i Mondiali di Daegu con il tempo di 9″95. Nel 2012, ai Giochi olimpici di Londra, con l’ottimo di 9″79 vince solamente la medaglia di bronzo sui 100 metri, dietro ai fortissimi giamaicani Yohan Blake 9″75 e Usain Bolt 9″63. Nel 2013 ai campionati mondiali di Mosca, vince l’argento sui 100 m dietro a Usain Bolt con il tempo di 9″85. La stagione del 2014 alla tappa di Eugene della Diamond League che ottiene una prestazione inferiore al suo primato personale correndo in 9″76, tempo però con un vento di +2,7 m/s che ne invalida l’omologazione come primato personale.

Per quanto riguarda la gara dei Master, Mario Longo M50 stabilisce il record europeo sui 100 metri vincendo la gara in 11.13 migliorando il primato del francese Dupyu (11.29). Inoltre degno di nota il Record italiano M50 sugli 800 metri di Francesco D’Agostino 2:02.82.

 

Matteo SIMONE Psicologo, Psicoterapeuta 3804337230 – 21163@tiscali.it http://www.psicologiadellosport.net

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...