Patrick Kahoro, runner: ogni paio di scarpe è utilizzato da due atleti

Please try to help us just a little bit, as our team is lacking gears most shoes

Matteo SIMONE

 

Inizio questo articolo con una richiesta di aiuto per un gruppo di corridori del Kenya che chiedono scarpe per allenarsi, ecco la loro richiesta: “Please try to help us just a little bit, as our team is lacking gears most shoes. In Kenya one new pair costs 55€”

13714414_939434122832788_66457228_nAdriano Celentano cantava: “questa è la storia di uno di noi”, ed io ora dico: “questa che state leggendo è la storia di uno di loro”. Trattasi di un atleta del Kenya che racconta la vita degli amici runner che amano fare sport, che attraverso lo sport guadagnano per vivere, che attraverso lo sport stanno lontano dalla droga e prevengono anche l’obesità. Ma per fare tutto ciò è importante avere almeno un paio di scarpe ed anche dei medici ben formati per risolvere i problemi di salute che ogni tanto nella carriera di sportivo atleta si va incontro, di seguito la storia di Patrick.

Ti sei sentito campione nello sport almeno un giorno della tua vita? “Si ho vinto molti eventi in Kenya e paesi confinanti come la Tanzania, ho creduto in me stesso, vincere una gara in Kenya è molto molto duro e pertanto sento che sono un campione, vincere una gara in Kenya non è possibile.”

Come hai scelto il tuo sport? “Fin da piccolo ho avuto una marcia in più rispetto agli altri bambini, sentivo il piacere di correre che man mano che crescevo aumentava sempre di più e correvo ovunque senza sapere che era il mio talento migliore.”

Nel tuo sport quali sono le difficoltà e i rischi, a cosa devi prestare attenzione? “Ci sono molti infortuni in Kenya e causa di strade dissestate e pietre dappertutto, vi è mancanza di scarpe. La mia squadra ha un numero di scarpe limitate, ogni paio di scarpe è utilizzato da due atleti, uno corre molto presto la mattina e riporta le scarpe al prossimo gruppo di atleti, Matteo ciò è incredibile tu puoi solo immaginare, ma questo succede nella nostra squadra.”

Quali sono le condizioni fisiche o ambientali che ti hanno portato a fare una cattiva performance? “Se gareggiamo o ci alleniamo per un tempo prolungato con maltempo e pioggia insistente, allora calano le nostre prestazioni, le zone collinari sono buone per i nostri allenamenti ma non buone per le gare, ecco perchè nelle grandi città del mondo i Kenyani vincono le gare. I crampi sono tanti nella corsa, sono la causa della maggior parte delle scarse prestazioni degli atleti.”

1545925_483165155126356_1025078928_n.jpgCome e quali le persone hanno contribuito al tuo benessere nello sport ed alla performance? “Dandoci ricompense per lo più scarpe, così abbiamo tanto successo, ma la nostra squadra attuale non ha sponsor.”

Qual è stata la gara della tua vita dove hai sperimentato le più belle emozioni? “La maratona selvaggia, la chiamano Lewa maratona in Kenya, dove si corre nel parco giochi Masai, si corre con gli animali selvatici, bello!”

La gara di durata 42.195 chilometri (26,219 mi) è sponsorizzata da Safaricom, in collaborazione con il Lewa Wildlife Conservancy, al fine di raccogliere fondi per lo sviluppo della comunità e conservazione della fauna selvatica. Non ci sono barriere fisiche che separano i corridori dalla fauna selvatica, rendendo Lewa un’esperienza unica al mondo. La Lewa Conservancy ospita diversi grandi predatori africani che includono i leoni, leopardi, iene, cani selvatici, e ghepardi. Pattuglie di sicurezza di esperti, rangers armati della Wildlife Service del Kenya sorvegliano il percorso per garantire la sicurezza dei corridori. Due elicotteri ed un aereo tengono d’occhio per prevenire eventuali possibili minacce. Alcuni dei concorrenti più importanti sono stati la medaglia d’argento olimpica Catherine Ndereba e l’ex detentore del record mondiale di maratona Paul Tergat.

10653601_603910096385194_772531192113993701_n.jpgL’impatto della Maratona Lewa sulla comunità keniana locale diventa più forte ogni anno. Nel 2007, più di $ 60,000 USD sono stati forniti in una scuola locale, al fine di costruire e arredare due nuove aule, una biblioteca e un cancello per il complesso scolastico. Più di $ 30.000 è stato utilizzato per acquistare forniture mediche e apparecchiature come macchine digitali pressione sanguigna, barelle e posti letto per gli ospedali locali. Ogni anno i fondi della maratona sono attribuiti al Nanyuki Cottage Hospital specificamente per fornire assistenza per le vittime di lesioni animale. Il suo scopo principale è quello di sostenere la conservazione della fauna selvatica. I fondi raccolti supportano uno staff di oltre 140 ranger che proteggono gli abitanti dagli animali del Lewa Conservancy. Lewa è la casa di oltre 80 rinoceronti bianchi e neri, entrambi i quali sono in pericolo. La riserva vanta anche una vasta popolazione di zebra di Grevy in via di estinzione.

Quali sono i meccanismi psicologici si sente il bisogno di aiuto nello sport? “Portando giovani atleti nel mondo dello sport e rendendoli nuove persone, per lo più lontano dalla droga.”

Cosa hai imparato su di te nello sport? “Che posso correre oltre i 42km della maratona, più miglia oltre, e veloce anche, ho anche imparato che posso correre per ancora molti anni.”

Quali sensazioni sperimenti o hai sperimentato nello sport: allenamento, pre gara, gara, post gara? “Tensione, prima delle gare è un ‘must’, i muscoli doloranti dopo le gare è anche un ‘must’, ma ti senti grande ad ogni gara che finisci.”

Qual’è stata la gara più difficile? “La maratona Internazionale di Nairobi, grande gara e dura, si corre ad un’altitidine di 5800 sul livello del mare rendendola difficile per tutti gli atleti.”

12742291_848008445308690_3418976925392253866_nCome ha affrontato le crisi, le perdite, le lesioni? “Semplicemente con il rilassamento e la meditazione, abbiamo perso molti atleti a causa delle auto mentre correvano, ed anche gli infortuni vengono sempre quando si è in buona forma per gareggiare e vincere, semplicemente rilassamento e massaggio, se possibile.”

Hai mai rischiato per infortunio o altro di smettere di essere un atleta? “Si molti atleti stanno molando per infortuni che non riescono a guarire, il Kenya non ha specialisti che sanno trattare infortuni e ciò mette fuori uso molti atleti talenti.”

Quale può essere il tuo messaggio per i ragazzi per avvicinarsi a questo sport? “Benvenuti nel mondo della vita più sana.”

Quali sono i tuoi prossimi obiettivi? Quali i sogni realizzati e da realizzare? “Record del mondo presto e senza infortuni, far in modo che molte persone facciano sport in quanto nel mondo aumentano gli obesi, fare in modo che le scuole inizino programmi sportivi.”

13689481_939434606166073_129955528_nIntanto il mondo si mobilita, e si vedono i primi risultati, ecco cosa ci racconta Patrick: “Matteo we received shoes last week, new and used shoes, from Denmark. Almost 57 to 60 pairs, but we are not yet get them due of lack money as we are required to pay for custom fee of  €1800 as tax. Its €180 not €1800 no (Matteo abbiamo ricevuto le scarpe la settimana scorsa, le scarpe nuove e usate, dalla Danimarca. Quasi 57-60 paia, ma non siamo ancora riusciti ad averle a causa della mancanza di denaro, ci viene chiesto di pagare una tassa di 1800 € a titolo di imposta. 180 € non 1800 € no).”

 

Patrick Kahoro, runner: one shoes is wear by two athletes

 

Did you feel champion in sport at least one day of your life? “Yes have won many events in kenya and neighbouring country such as Tanzania, I did beleive myself as winning a race in kenya its very very hard and thats where I feel that I am a champion, winning a race in kenya it’s not possible.”

13689418_939434926166041_2092015440_nHow did you choose your sport? “From my younger age I had that thing in my blood that in every walking many other children doing, I was just feeling like I want to run, and as I grow up, then it develop hard and I was running everywhere without knowing that this was my best talent.”

In your sport what are the difficulties and risks, what to watch out for? “There many INJURY is major in kenya and due to bad roads and stones all over, but next is lack of trainings gears mostly shoes. Current my team has limited shoes that we do share, one shoes is wear by two athletes, one should run with it very earlier in the morning and bring it back to give the next group of athlete, Matteo that is unbelievable you can just imagine, but its here in our team.”

What are the physical or environmental conditions that led you to make a bad performance? “If we race or trains in the prolong of bad weather mostly heavy rain , then it will decrease our performances, hilly area too are good for trainings but bad for races, that why big city of the world Kenyan win, as its flats area. Cramps are majors in running, are most poor performance being with athletes.”

How and which people have contributed to your well-being in the sport or to your performance? “By giving us sports gears mostly shoes, we succeed so much, but current our team has no sponsors.”

What was the race of your life where you have experienced the most beautiful emotions? “Wild marathon, call it lewa marathon in kenya, where you race in game park Masai marathon too, you race with wild animals, beautiful!”

13664467_939435309499336_1134691765_nWhat are the psychological mechanisms you feel you have help in sports)? “Portando giovani atleti nel mondo dello sport e rendendoli nuove persone, per lo più lontano dalla droga. (By bringing young athletes in the world of sport and making them new people, away mostly from drugs).”

Cosa hai imparato su di te nello sport (What did you learn about yourself in sports)? “Che posso correre oltre i 42km della maratona, più miglia oltre, e veloce anche, ho anche imparato che posso correre per ancora molti anni. (That I can run beyond 42km marathon more miles ahead, and faster too, have also learn that I can run more many years to come.”

What sensations you experience or have experienced in sports: training, pre race, race after race? “Tension, before races is a must, sore muscles after races is a must too, but you feel great as you finished every race.”

What has been your most difficult race? “Nairobi international marathon the great race and hard race, it is run at an altitude of 5800 above sea level making it hard for every athletes.”

13664661_939434752832725_972413921_nHow did you deal with crises, losses, injuries? “Just relaxing, and meditating, we lost many athletes by car in running, and as injury always come when you are in good shape to race and win, just relax and massage if possible.”

Have you ever risked to injury or other to stop being an athlete? “Yes many athletes are giving up to injury as its not healing, Kenya has no specialist to deal with injury that kills many athletes targets.”

What can be your message to the guys to approach this sport? “Welcome to the world of healthier life.”

What are your next goals? What are the realized dreams and to realize? “Breaking world record soon and injury free, make many many people join sports as world is going obese, making schools start sports programs.

 

Matteo SIMONE

Psicologia dello sport, psicoterapeuta

380-4337230 – 21163@tiscali.it

http://www.psicologiadellosport.net

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...