Ubaldo Galli: ogni volta che metto le scarpe da corsa mi sento campione

Matteo SIMONE

http://www.mjmeditore.it/autori/matteo-simone

 

 

Ubaldo Galli, una vita dedicata allo sport, prima come calciatore e poi diventando un forte runner e maratoneta e tutt’ora all’età di 65 anni continua ad allenarsi ed a competere trascinando tanti altri amici della sua squadra e frequentatori del parco degli acquedotti dove di solito si allena. Tra atleti ci si conosce ma mai abbastanza, ed ora è la volta buona per approfondire la conoscenza di Ubaldo, che si diverte facendo sport ma quando si tratta di allenarsi duramente lo fa seriamente così come in gara è il momento di focalizzare l’attenzione sulla gara e su eventuali avversari di categoria.

13883809_920885934689762_389045142_n.jpgTi sei sentito campione nello sport almeno un giorno della tua vita? “Si ogni volta che metto le scarpe da corsa mi sento campione poi quando supero i miei record personali o vado sul podio della mia categoria.”

Qual è stato il tuo percorso per diventare un Atleta? “Giocavo al calcio, poi il matrimonio ed è banale ma la pancetta cominciava ad aumentare, non stavo bene così, quindi decisi di cominciare a correre e da quel giorno non ho più smesso, ormai sono 36 anni.”

Nello sport, soprattutto nella corsa non arriva mai l’età della pensione sono tanti gli ultraottantenni che continuano a correre, ad allenarsi ed a gareggiare con attenzione. E come tanti altri runner anche Ubaldo è stato preso dalla corsa, ha scoperto i benefici ed ora la corsa è diventata la sua cura e prevenzione fisica e mentale.

Hai dovuto scegliere nella tua vita di lasciare uno sport a causa di una carriera scolastica o lavorativa? “No ho sempre abbinato lavoro a sport e tempo libero.”

13884304_920885134689842_1716661717_n.jpgQuali sono i fattori che hanno contribuito al tuo benessere o alla tua performance? “Penso che il motivo sia stato sicuramente il mio carattere competitivo.”

Quale alimentazione segui prima, durante e dopo una gara? Usi farmaci, integratori? Per quale motivo? “Non ho mai usato reintegratori di alcun genere, ovviamente seguo un’alimentazione controllata.”

Qual è stata la gara della tua vita, dove hai sperimentato le emozioni più belle? “Era la maratona di Roma, dove feci il personale di 2 ore 45 minuti 34 secondi, piansi.”

13866877_920885034689852_803837052_nLe emozioni dello sport sono ineguagliabili, è come l’amore, ti fa faticare, ti fa sudare, ti fa andare in crisi, ma quando ottieni quello che vuoi, ti puoi rilassare, puoi piangere, sorridere, gioire e ricordarlo a vita e raccontare ad amici e nipoti.

Cosa pensano i tuoi famigliari ed amici della tua attività? “Ne sono orgogliosi.”

Ti va di descrivere un episodio curioso o divertente della tua attività sportiva? “24x1ora feci 40 giri trovai una lepre adatta al mio passo mi misi dietro, solo che questo runner ogni volta che faceva la curva usciva un po’ di pista per tagliare qualche metro, ahahahah mancavano pochi minuti alla fine misi un’altra marcia e lo lasciai là.”

Cosa hai scoperto del tuo carattere praticando sport? “La mia grinta.”

Quali sono le capacità, risorse, caratteristiche, qualità che hai dimostrato di possedere? “Penso che la corsa sia stata una cosa naturale per me ce l’avevo da bambino, fatico più a camminare che a correre, e ha temprato il mio carattere.”

Che significa per te partecipare ad una gara sportiva? “Partecipare ad una gara è competere con altre persone ma nello stesso tempo starci insieme.”

13874548_920884404689915_2078434050_nE’ vero, la competizione è sana quando dopo la gara gli avversari restano amici e si condividono pensieri ed impressioni, l’avversario diventa un riferimento ed a ogni gara ci si rivede, ci si parla, ci si scruta, e poi ognuno fa la sua gara.

Hai sperimentato l’esperienza del limite nelle tue gare? “Ogni età ha avuto un limite per me a 30 anni il mio limite era 3’30” ora è intorno ai 4′ ho sempre saputo i miei limiti.”

Importante avere la consapevolezza delle proprie capacità e dei propri limiti, sapere come e fino a quando puoi spingere, è importante per far meglio e per tutelare la propria salute fisica e mentale.

Quali sensazioni sperimenti facendo sport: allenamento, raduni, pre gara, gara, post gara? “Le sensazioni la maggior parte delle volte sono buone quando riesco a fare dei lavori che so mi porteranno ad una prestazione migliore.”

Quali sono i tuoi pensieri in allenamento, in gara? “In allenamento penso che ciò che sto facendo mi farà essere più veloce ed in gara delle volte penso di non farcela ma poi supero e finisco.”

Quale è stata la tua gara più estrema o più difficile e quale ritieni non poter riuscire a portarla a termine? “La mia gara più difficile anche se l’ho terminata con un buon tempo e classificandomi di categoria è stata l’ecomaratona dei marsi, infatti non l’ho più fatta.”

13866956_920884584689897_788170337_nQuali sono le difficoltà, i rischi, a cosa devi fare attenzione nella tua disciplina sportiva? “Le difficoltà ed i rischi alla mia età ci sono con questo sport, dovrei prenderla più alla leggera, ma non ci riesco è più forte di me.”

Quando lo vedi allenare Ubaldo sembra sempre un ragazzino, sempre in forma, scattante, pronto, davanti ad uno sciame di altri amici atleti della sua squadra Podistica 2007 Tor Tre Teste.

Quali sono le condizioni fisiche o ambientali che ti hanno indotto a fare una prestazione non ottimale? “Condizioni fisiche ed ambientali non ci sono state, è successo quando avevo problemi ed altro da pensare, insomma non avevo la testa per gareggiare.”

Per fare sport ad alto livello bisogna essere sereni, concentrati, attenti, pensare a quel preciso momento, a quella particolare gara, dare il massimo in quel momento, quella giornata.

Cosa ti ha fatto mollare o cosa ti fa continuare a fare sport? “Continuerò a fare sport finchè potrò perchè mi fa stare bene, se non corro sclero.”

Lo sport diventa terapia, aiuta ad elaborare pensieri e situazioni, importante avere la giusta dose che per ognuno è diversa, può essere anche giornaliera.

Come hai superato eventuali crisi, sconfitte, infortuni? “Le ho superate con pazienza in 4 anni 2 operazioni, però ne sto venendo fuori.”

Ti hanno consigliato di ridurre la tua attività sportiva, hai mai pensato di smettere di essere atleta? “Si molti mi dicono di rallentare, ma non lo faccio. Non ho mai pensato di smettere.”

Quale può essere un tuo messaggio rivolto ai ragazzi per avvicinarsi allo sport? “Consiglio l’atletica a tutti i ragazzi, ma sono di parte, comunque aiuta a crescere in tutto, e si vive bene ed in salute anche con molte soddisfazioni.”

C’è stato il rischio di incorrere nel doping nella tua carriera sportiva? “Non ho mai usato sostanze neanche reintegratori.”

Qual è un messaggio che vorresti dare per sconsigliare l’uso del doping? “Il mio messaggio è semplice, chi si dopa non è un atleta.”

Ritieni utile la figura dello psicologo nello sport, se si per quali aspetti ed in quali fasi? “Lo psicologo nello sport è essenziale, ti forma il carattere il pensiero e molte altre cose, specialmente nei ragazzi, e negli atleti di un certo livello.”

13866690_920886308023058_2104938360_nSe potessi tornare indietro cosa faresti? O non faresti? “Delle volte ho rimpianto di non aver cominciato prima, ma se lo avessi fatto forse ora non correrei più, quindi a mente fredda rifarei tutto ciò che ho fatto.”

Quali sono i sogni che hai realizzato e quali quelli da realizzare? Prossimi obiettivi? “I sogni che ho realizzato sono tutte le soddisfazioni che mi ha dato questo sport, quelle da realizzare alla mia età a gennaio 65 anni sono quelle di continuare a correre ancora per molto e se fosse possibile a questi livelli, chiedo troppo?”

Forse la domanda di Ubaldo è rivolta a se stesso, al suo corpo, ai suoi muscoli, gambe, articolazioni, alla sua mente, ma lui sa cosa è bene per lui, e allora si corre fino a che si sperimenta benessere.

 

Matteo SIMONE

http://www.mjmeditore.it/autori/matteo-simone

http://www.ibs.it/libri/simone+matteo/libri+di+matteo+simone.html

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...