René Cuneaz, maratoneta: senza sport non riesco a stare

Matteo SIMONE

Psicologo, Psicoterapeuta

 

Maratona di Francoforte, Domenica 30 Ottobre 2016, l’Italiano Renè Cuneaz si classifica al decimo posto con 2h15’32” nuovo primato personale, e secondo tempo nella graduatoria nazionale italiana stagionale. Di seguito Renè ci parla della sua gara.

12112221_10203822484281669_1989140616282814069_nCom’è stata la gara? “La gara è stata perfetta, l’organizzazione impeccabile, le condizioni fisiche e climatiche ottime e lepri metronome.”

Eri riposato prima della gara? “Sono arrivato a Francoforte venerdì per pranzo ed ho potuto riposare tutto il pomeriggio. Sabato non mi sono stancato e domenica, grazie anche al cambio dell’ora dove abbiamo dormito un’ora in più, ero molto riposato.”

Cosa cambia ora per te? “Credo che non cambi molto. Continuerò con la solita vita cercando di allenarmi il più possibile conciliando il lavoro sui turni in fabbrica. Nella vita bisogna essere anche fortunati (nell’ambito sportivo ovviamente) per riuscire a fare della propria passione un lavoro.”

485667_2747860474818_1010839350_n.jpgCosa hai scoperto? Cosa puoi fare per far meglio? “Ho notato che non bisogna abbandonare gli allenamenti veloci in pista anche se si prepara la maratona. Vista la mia corsa muscolare dovrei aumentare, soprattutto nel periodo invernale o lontano dalle gare, corse lunghe in salita come potenziamento e/o gare sui cross.”

Cosa hai notato degli altri atleti? “Ho visto dal vivo comportamenti degli atleti keniani che, a differenza mia, corrono i lenti molto più piano, sono sempre molto tranquilli ed hanno uno stile di vita completamente diverso dal nostro. Sia sul piano alimentare sia su quello quotidiano.”

Non si finisce mai di imparare e di migliorare, importante è applicarsi, osservare, essere presenti, determinati, avere passione e tutto diventa più facile e più fluido.

Ho chiesto a Renè di rispondere ad un questionario di psicologia e sport per il benessere e la performance per conoscere il punto di vista dei comuni sportivi e dei campioni, quali sono gli aspetti che incidono sul benessere e quali sulla performance, interessanti le sue risposte.

390793_1958676625715_1617800033_n.jpgTi sei sentito campione nello sport almeno un giorno della tua vita? “A mio parere i campioni sono quelli che partecipano a manifestazioni importanti (Olimpiadi, mondiali, ecc.) o che comunque corrono forte (per capirci, correre una maratona sotto le 2h10). Io mi sento un dilettante abbastanza forte.”

Qual è stato il tuo percorso per diventare un Atleta? “Il mio percorso sportivo inizia molto presto. All’età di 4 anni mio papà e mio nonno mi mettono gli sci ai piedi. Fino a 10 anni ho praticato sci di fondo e calcio. Poi, visto il mio carattere chiuso, mollo il calcio e continuo con lo sci. A 13 anni inizio a fare un po’ di atletica ma solo per un’estate perché vengo convocato nel comitato regionale di sci di fondo e non riesco più a conciliare entrambi gli sport. A 19 anni, dopo due medaglie di bronzo ai Campionati Italiani Junior prima sulla 10 km a Tecnica Classica e poi sulla 20 km Pursuit (Partenza e primi 10 km in Tecnica Classica per poi cambiare sci e continuare per gli ultimi 10 km a Tecnica Libera), non vengo inserito nei centri sportivi e cosi abbandono lo sci e vado a lavorare da Geometra. Inizio nuovamente con l’atletica perché senza sport non riesco a stare, ma ormai ho 20 anni e non posso pretendere grossi risultati in pista ma miglioro sempre di più. Entro in fabbrica a fare i turni per riuscire ad allenarmi di più e poi mi proietto su distanze lunghe dove i risultati stanno arrivando.”

I risultati stanno arrivando con il nuovo primato personale in maratona per un atleta già medagliato ad altissimi livelli nello sci di fondo con due medaglie di bronzo ai Campionati Italiani Junior.

Quali sono i fattori che hanno contribuito al tuo benessere o alla tua performance? “Con la testa che ho, per cercare di migliorare, in questi anni ho speso parecchio tempo in tanti piccoli dettagli. Dai video durante la corsa per migliorare l’efficienza tecnica all’alimentazione per eliminare i dolori alla pancia ed al fegato durante le corse prolungate. Questi sono i fattori che ho curato maggiormente.”

 

188967_1004550053147_5087853_nPer arrivare ai massimi livelli non bisogna trascurare nessun aspetto che può incidere nella performance e nel benessere dell’atleta e bisogna fare attenzione al minimo dettaglio.

Nello sport chi ha contribuito al tuo benessere o alla tua performance? “Nei miei miglioramenti parte del merito è dato al mio allenatore Giorgio Rondelli che mi segue dal primo allenamento di atletica. Un’altra parte importante la ricoprono i miei genitori perché mi aiutano in ogni cosa perché ci tengono a vedermi felice dopo i risultati ottenuti.”

 

Per raggiungere massimi livelli è importante affidarsi ai massimi esperti dell’allenamento e importante è anche il supporto di famiglia e amici.

Qual è stata la gara della tua vita, dove hai dato il meglio di te o dove hai sperimentato le emozioni più belle? “Di gare belle ce ne sono state tante ma quelle che in assoluto mi hanno dato più soddisfazione sono state le due maratone da 2h15. La prima a Firenze 2015 perché non mi aspettavo di correre così forte alla mia terza maratona; la seconda a Francoforte 2016 perché ho corso con una facilità paragonabile a Firenze ma con una chiusura nel finale più forte e con un margine nella parte centrale di gara che mi dà la consapevolezza, sempre che la preparazione vada per il verso giusto senza infortuni e con la giusta motivazione, di poter scendere sotto le 2h15 nei prossimi anni (sperando già a Berlino 2017).”

 

Importante avere le conferme in gara dopo periodi di allenamento impegnativi che comportano anche sacrifici in termini di dispendio di energie e impegno di tempo al difuori dell’attività lavorativa.

Qual è una tua esperienza che ti possa dare la convinzione che ce la puoi fare? “

11665750_10203278708127605_7518444607535513394_nCosa pensano i tuoi famigliari ed amici della tua attività sportiva? “I miei familiari mi assecondano, mi aiutano e mi spronano quando le cose non vanno bene. Gli amici della corsa mi aiutano alcune volte negli allenamenti e gli amici che non fanno parte dell’ambito sportivo, visti anche i risultati che sto ottenendo, sono contenti di quello che sto facendo.”

Ti va di descrivere un episodio curioso o divertente della tua attività sportiva? “Un episodio simpatico è successo alla maratona di Milano al mio esordio sulla distanza. Dal km 13 mi si è affiancato il mio allenatore Rondelli in bicicletta spronandomi ed incitandomi verso il traguardo. Continuava a dirmi di puntare quelli davanti a me e quando io li passavo lui iniziava con quello davanti. Quando si è accorto che davanti c’era il buco e non potevamo più prendere nessuno dei fuggitivi, mi ha urlato di puntare la Madonna e di non mollare.”

Se hai qualcuno che crede in te, riesci a fare l’impossibile, ad andare più forte di quanto immagini, ti affidi alle parole del tuo allenatore che ti conosce meglio di te grazie alla tanta esperienza con il lavoro di tanti atleti.

Cosa hai scoperto del tuo carattere nel praticare sport? “Sono sempre stato molto introverso e lo sport mi ha e mi aiuta ancora oggi ad essere meno chiuso. Quando corro le mie insicurezze svaniscono.”

 

10250045_10200965693903695_4571171733408916719_nLo sport aiuta ad essere più sicuri di se stessi, ad avere più fiducia, ad essere consapevoli di essere speciali in qualcosa, di avere delle doti particolari.

Quali sono le tue capacità, risorse, caratteristiche, qualità che hai dimostrato di possedere? “Negli ultimi anni, dopo molte delusioni tra sport e lavoro, ho notato di avere una grande determinazione, capacità di superare le delusioni e ripartire da zero.”

 

Lo sport aiuta a conoscersi attraverso il duro lavoro, al superare crisi e difficoltà, attraverso il raggiungere obiettivi.

Che significa per te partecipare ad una gara sportiva? “Al momento, per me, lo sport vale molto. Però, per come lo sto vivendo, le gare sono l’aspetto fondamentale. Nel senso che per come mi sto allenando ho bisogno di gareggiare e confrontarmi con gli altri. Altrimenti non avrebbe senso e potrei continuare a fare sport per stare bene, facendo molteplici attività con gli amici o solo (corsa senza lo stress delle ripetute, bici, nuoto, tennis, sci, ecc.).”

68041_1301456195615_2441075_nHai sperimentato l’esperienza del limite nelle tue gare? “Io ho una sensibilità incredibile del mio limite. Sento se sto correndo più piano o più forte della mia soglia. In maratona è un pregio. Quando provo ad andare oltre faccio talmente tanta fatica che rischio di pagare lo sforzo calando notevolmente il ritmo. Per questo molte volte, in gare anche più corte, mi stacco dal gruppo e continuo col mio passo. Molti atleti, solitamente, li riprendo nel finale di gara.”

 

Importante essere presenti a se stessi, esercitare tanta attenzione nei confronti di se stessi, approfondire la conoscenza personale, tutto questo lo sport permette di essere e fare, di conoscersi per conoscere proprie risorse, caratteristiche e qualità ma anche per conoscere i propri limiti.

Quali sono o sono state le sensazioni che sperimenti facendo sport: pregara, in gara, post gara? “Nel pre gara, solitamente sono teso e nervoso ma poi lo scarico in gara. Durante la competizione sono concentrato sul ritmo e sulle sensazione. Nel post gara escono le emozioni sia positive sia negative in base al risultato.”

Quale è stata la gara più estrema o più difficile? “La gara più difficile è stata la Maratona di Zurigo ad Aprile 2016. Dopo una buona preparazione le cose non sono andate come speravo. Alla partenza mi sono trovato con grandine, pioggia e freddo. In gara ha iniziato a scendere una neve bagnata e cosi, al km 10 ero già bagnato. Col freddo che vi era ed essendo in pantaloncini e canottiera ho dovuto fermarmi a metà gara. Ci siamo fermati in tanti dei top runner e siamo finiti all’ospedale per principio di ipotermia. Da dimenticare.”

 

14424750_10205712118041332_6591903159283782180_oDimenticare per ricordare, dimenticare per non tornare all’evento spiacevole ma ricordare per comprendere cosa e come fare in casi analoghi, si apprende sempre dall’esperienza.

Quali sono le difficoltà, i rischi, a cosa devi fare attenzione nel tuoo sport? “I rischi maggiori nell’atletica sono gli infortuni. Bisogna ascoltarsi e non forzare quando si hanno dei sintomi strani.”

Quali sono le condizioni fisiche o ambientali che ti hanno indotto a fare una prestazione non ottimale? “Le prestazioni peggiori le ho effettuate in condizioni climatiche estreme come a Zurigo o quando si presentava la fitta al fianco destro (detto comunemente fitta al fegato) ma curato con l’alimentazione togliendo latticini e lieviti.”

10583992_10201480970025276_8936820004815453945_n.jpgCosa ti ha fatto mollare o cosa ti fa continuare a fare sport? “Quello che non mi fa mollare è la determinazione nel voler ottenere un risultato prefissato ed il calore e la fiducia della gente nei miei confronti e dalla mia famiglia.”

Come hai superato eventuali crisi, sconfitte, infortuni? “Le sconfitte le ho sempre superate grazie alla passione che ho per lo sport. Dopo una pessima prestazione la voglia di correre è maggiore al risultato non ottimale. Poi nell’arco della stagione ci sono anche le buone prestazioni che mi fanno dimenticare le sconfitte.

 

Importante focalizzarsi sul bicchiere mezzo pieno, non fissarsi sulle sconfitte o crisi ma pensare a quello di buono che si è fatto.

Quale può essere un messaggio rivolto ai ragazzi per avvicinarsi allo sport? “Quello che dico ai giovani è di andare avanti fin quando c’è il divertimento. Lo sport non deve essere un peso e bisogna comunque conciliare tutto nel modo migliore (vita, lavoro, studio, divertimento e sport). Poi i sacrifici devono esserci per ottenere qualcosa ma mai abbattersi quando le cose non vanno perché dopo il temporale esce sempre il sole.”

 

10398423_1031051675671_790872_nImportante intravedere sempre una luce al di là del tunnel.

C’è stato il rischio di incorrere nel doping nella tua carriera sportiva? “Sinceramente non saprei neanche da che parte iniziare per doparmi. Ho letto alcuni libri di ciclisti e sono rimasto sconvolto. I dopati dovrebbero radiarli a vita alla prima furbata senza dare altre possibilità. Chi entra nel giro del doping avrà sempre un debole. Poi, però, visti i numerosi casi di coperture di atleti da parte delle proprie federazioni mi si rivolta lo stomaco. C’è sempre qualcuno che paga per tutti e questo non va bene nel sistema. Per me lo sport è vita, il doping è morte.”

 

Vero, lo sport è vita, è sensazioni, fatica, emozioni, il doping è falsità, droga, malattia, vergogna, morte, anche no al doping.

Quale può essere un messaggio per sconsigliare l’uso del doping? “Non saprei cosa dire. Le controindicazioni le conoscono tutti e nonostante ciò molti atleti non ci pensano. Un po’ come chi fuma e compra i pacchetti con le scritte che il Fumo Uccide ma ci ridono sopra. Evidentemente per questa gente è meglio vivere da leoni un giorno…. Nel ciclismo, a differenza, lo fanno perché rischiano di rimanere senza il loro lavoro e devono trovare una soluzione.”

 

A volte per alcuni diventa un percorso obbligato per sentirsi disperati se non guadagnano o vincono attraverso lo sport, per alcuni lo sport è vita a tutti i costi, non hanno un piano B.

Ritieni utile la figura dello psicologo dello sport? Per quali aspetti ed in quali fasi dell’attività sportiva? “Io quando facevo ancora sci di fondo avevo dovuto chiedere aiuto ad uno psicologo dello sport per tranquillizzarmi nei giorni precedenti alla gara. Dormivo male negli ultimi giorni ed arrivavo alla gara senza energie. Quindi per me può essere un ottimo aiuto a sconfiggere l’insicurezza pre gara che migliorerà le sensazioni in gara.”

 

Uno strumento in più per il benessere e la performance nello sport oltre all’allenatore, al massaggiatore, al nutrizionista, al medico dello sport.

1557273_10200427987941382_371950542_oQuali sono i sogni che hai realizzato e quali quelli da realizzare? “I miei sogni sono ancora tutti nel cassetto. Non sono molti ma spero tra qualche anno di poterli realizzare. La vita non si sa mai cosa ci può riservare ma bisogna sempre crederci fino in fondo. Chissà che questi sogni non escano da questo piccolo cassetto.”

 

Matteo SIMONE

www.psicologiadellosport.net

380-4337230 – 21163@tiscali.it

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...