Gian Paolo Milanesi: Continuo a correre perchè mi emoziona nel profondo

Matteo SIMONE

www.psicologiadellosport.net

 

Come tanti altri runner, la corsa permette a Gian Paolo di viaggare, scoprire posti nuovi, scoprire se stesso, fare tanta esperienza. Di seguito ci racconta la sua passione per lo sport.

13925261_1133995443313972_7181593986075955376_n.jpgTi sei sentito campione nello sport almeno un giorno della tua vita? “Se attribuisco alla parola campione la parola vincitore allora sì in quanto ogni volta che sono finisher ho vinto la montagna.”

Qual è stato il tuo percorso per diventare un Atleta? “Ho iniziato da piccolissimo a fare il ciclista agonista. Successivamente ho intrapreso altri sport quali lo sci, squash ed infine il running (trail – sky – poca strada).”

Hai dovuto scegliere nella tua vita di lasciare uno sport a causa di una carriera scolastica o lavorativa? “Sì. Lo sci. Da attività agonistica si è forzatamente trasformata in passione.”

Quali sono i fattori che hanno contribuito al tuo benessere o alla tua performance? “Preparazione fisica e serenità mentale.”

Quale alimentazione segui prima, durante e dopo una gara? Usi farmaci, integratori? Per quale motivo? “Ho fatto alcuni mesi seguito da un alimentarista. Solite cose (carboidrati buoni e proteine). Farmaci assolutamente no. Integratori, i soliti enervit, ma niente di più.”

Qual è stata la gara della tua vita, dove hai sperimentato le emozioni più belle? “Recentemente ho partecipato alla Bettelmatt sky race (35K 2000D+). Un fantastico viaggio.

14305447_838675176272271_2320168044940880782_o.jpgCosa pensano i tuoi famigliari ed amici della tua attività? “con i famigliari è una lotta. Gli amici capiscono poco se non praticano la stessa attività.” Continua a leggere