E’ tornata a Roma l’ex maratoneta Vincenza Sicari, lady resilience

Matteo SIMONE

www.psicologiadellosport.net

 

 

Benvenuta a Roma Vincenza Sicari, la lady resilience, dopo aver visitato i vari ospedali del nord e dopo la sua ultima permanenza a Bari, ORA è ospite del Sant’Andrea ed allora di corsa in bici mi sono precipitato per incontrarla e stare qualche oretta con lei, apprezzando la sua solarità, semplicità, voglia di vivere nonostante tutto, persona ancora viva dentro anche se si sta spegnendo, ma lei non molla perché c’è ancora testa e cuore da maratoneta che supera qualsiasi muro da sola o in compagnia, costi quel che costi. Togheter is much better.

13226750_1352506084766623_647682418003314331_n.jpgNon gettare mai la spugna, ricominciare sempre. Vincenza Sicari, lady resilience, aiutaci ad aiutarti.

Qualche mese fa giorno in un’intervista telefonica con la redazione di SiciliaRunning, Vincenza racconta di essere a letto in un ospedale, di non potersi più muovere e di avere una malattia degenerativa muscolare: “Da Milano sono andata a Crema, poi a Legnano, Genova, Roma, Pisa. Ora sono a Padova da pochi giorni. La dottoressa che mi sta curando in questo momento è gentilissima, dolcissima e molto disponibile. Farà tutto il possibile per il mio caso. Aspetto di incontrare un medico che viene dall’America per visitarmi.”

Vincenza ora sta girando il mondo attraverso i social network e continua a correre nel cuore e nella mente di tanti runner ed ultrarunner: “Io vado avanti grazie a loro. Mi chiamano tutti, atleti, amici, ho l’appoggio e il sostegno della FIDAL, il Presidente Malagò, il Ministro Lorenzin mi verrà presto a trovare. Tante persone, attraverso internet, mi stanno vicino, anche gente che non conosco personalmente. Ho il supporto di tante persone, sono viva grazie a loro. Quando mi sto per ‘spegnere’ mi arriva un messaggio, una telefonata, mi vengono a trovare. Non ti nascondo che tante volte ho pensato di tornare a casa, chiudere la porta e aspettare la fine, almeno per poter dire ‘muoio nel mio letto’. Poi ci sono loro, con i loro gesti, che mi ridanno la voglia di vivere, reagire e continuare a lottare. Stanno raccogliendo anche dei fondi per aiutarmi. È una grande famiglia.”

Vincenza è in una botte di ferro dal punto di vista del sostegno e supporto da parte di tanti che sposano la sua casa attraverso gesti solidali e segnali di presenza con diverse modalità.

13508892_10207873709894450_4314955171067765643_n.jpgVincenza si sta spegnendo ma è determinata a continuare a lottare con quelle poche forze che ancora le rimangono ma che riescono a sensibilizzare l’opinione pubblica: “Ho sempre donato a Telethon e alla ricerca, mandando sms come tanti in Italia. Mai avrei pensato che un giorno sarei stata io in quelle condizioni e necessità di aiuto.”

Un grande cuore ed una elevata sensibilità dimostrano di avere i runner e gli ultrarunner, se una di loro ha un problema, basta dar voce al problema e si cerca di trovare una soluzione e tante possono essere le soluzione ma il fine è unico aiutare Vincenza che per il momento sta male, di un male che appare raro, quasi inspiegabile e richiede ulteriori accertamenti e cure adeguate possibilmente all’estero come spesso avviene.

Vincenza arrivava a fare 220km a settimana per preparare una maratona, ora altri corrono per lei, ultramaratoneti hanno corso 280km in due giorni facendola correre nelle loro menti e nei loro cuori, raccogliendo fondi per la sua causa.

Tanti i messaggi di vicinanza, presenza, affetto che danno un po di sollievo ed aumentano il livello di resilienza per non mollare e continuare a reagire.

15253499_10207634297191250_127133739935262626_nEcco alcuni messaggi sui social network:

“Dajeeeee Vincenzina Sicari il mondo dello sport intero ti sta vicino forza mitica runner!!!!!!!”.

“Vincenza buongiorno e forza siamo tutti con te, anche se siamo distanti ti sentiamo vicino”.

“Ti sosteniamo TUTTI Vincenza. Non sei sola in quello squallido letto! Attorno a te ci siamo tutti noi.”

“Forza Vincenza, trasforma l’impossibile in possibile”.

“Con te, per te, per non mollare”.

“Coraggioooooo… tante piccole gocce d’acqua formano un oceano!!! Non mollare Vincenza!!!!”

“Sembra sempre impossibile farcela. Finché non ce la fai. Non mollare mai.”

15304511_10210050600959848_6393241832427712031_o.jpgTanti i segnali di presenza e vicinanza della gente comune, ma anche da parte di atleti di interesse pubblico come la Levorato, ex Campionessa Italiana specialista nella velocità, plurimedagliata sia a livello nazionale che internazionale.

A Vincenza piaceva allenarsi, gareggiare, dare il massimo, allenarsi duramente per ben figurare per se stessa ma anche per un ritorno di immagine della nazione Italia. Ma da qualche anno ha iniziato ad avere segnali di stanchezza, di astenia, è risultata affetta da una malattie neurodegenerativa: “Soprattutto mi manca la vita. Da un anno e mezzo vivo dentro gli ospedali. Mi manca la corsa, per la quale vivevo e non consideravo solo una professione; mi mancano gli amici e allenarmi tutti i giorni al campo. Mi manca poter vivere una vita normale.”

 

Matteo SIMONE

Psicologo, Psicoterapeuta

380-4337230 – 21163@tiscali.it

www.psicologiadellosport.net

http://www.ibs.it/libri/simone+matteo/libri+di+matteo+simone.html

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...