Omar Atzori: maratone e ultra, un viaggio introspettivo meraviglioso

Matteo SIMONE

http://www.psicologiadellosport.net/eventi.htm

 

La passione e la pratica per lo sport e la psicologia mi portano sempre più a conoscere atleti e ad approfondire gli aspetti che gli procurano benessere e che conducono anche alla performance. Ora sono focalizzato su un libro dal titolo Sport, benessere e performance, pertanto attraverso questionari ricevo risposte da atleti che trasmettono il loro mondo di intendere lo sport, di seguito il vissuto sportivo di Omar Atzori.

Ti sei sentito campione nello sport almeno un giorno della tua vita? “Sì, quando mio figlio per la prima volta mi ha aspettato al traguardo di una maratona ed ha tagliato il traguardo con me mano nella mano. Lo sport è vita.”

15310547_1126721880781551_273873726_n.jpgLo sport è vita, ti fa sentire l’intensità e l’essenza della vita, soprattutto quando è partecipato anche da persone a cui si vuole bene.

Qual è stato il tuo percorso per diventare un Atleta? “Il mio Prof. di Educazione fisica Carlo Sansone ha visto in me delle qualità, oltre a farmi partecipare alle gare scolastiche mi portò al campo sportivo. La mia passione per il salto in lungo è durata per anni, ma amavo sperimentarmi e mettermi in gioco su più specialità, cimentandomi spesso in gara di decathlon. Poi un’operazione al ginocchio mi ha costretto ad abbandonarlo. Ho chiuso la mia carriera in pista con i 400hs. Ora pian piano sto adattando corpo e mente alle maratone e alle ultra. E’ un viaggio introspettivo meraviglioso.”

C’è sempre qualcuno che ti vede, che ti scopre, poi il resto viene da solo, basta dedicarsi con cura ed attenzione, sperimentarsi e comprendere in cosa si è più portati. Si possono fare grandi cose fino a che arriva un impedimento per qualsiasi motivo ed allora bisogna essere resilienti e pronti al cambiamento, capire cosa si può fare, non abbattersi ma cambiare solamente gli obiettivi, rimodularli in base alle proprie condizioni fisiche attuali. Per ogni problema c’è almeno una soluzione, chiuso un portone se ne possono aprire tanti altri, comunque l’esperienza fatta fa parte del bagaglio culturale ed esperienziale dell’individuo e serve nel futuro a darti sempre una mano per andare avanti con pazienza un passo alla volta con consapevolezza e rispettando i propri limiti. Il passaggio alle ultra ti fa maturare, ti fa scoprire il vero sé, ti fa contattare la tua propria esssenza, essendo davvero un viaggio dentro di te introspettivo alla ricerca dei come e dei perché senza giudizio.

Hai dovuto scegliere nella tua vita di lasciare uno sport a causa di una carriera scolastica o lavorativa? “Per un periodo il lavoro mi ha messo ai box. Poi ho fatto chiarezza in me stesso e ho capito che uno non doveva escludere l’altro, ed eccomi qui più motivato che mai. Ho 40 anni e faccio sport da più di 30.”

A volte è importante fermarsi, respirare, notare e fare chiarezza, lo dicevo anche nelle scuole ai ragazzi delle zone del sisma, fermarsi per ripartire, capire come ci si può organizzare, da dove ripartire e come, decidere il da farsi da questo momento.

Quali sono i fattori che hanno contribuito al tuo benessere o alla tua performance? “Una famiglia serena che mi ha dato sempre fiducia e la consapevolezza che lo sport pulito insegna i più alti valori della vita di un uomo.”

Si cresce e si cresce bene attraverso lo sport confrontandoti con te stesso, con gli altri e con la vita, cadendo e rialzandosi, infortunandoti e ripartendo ogni volta con nuove aspettative, nuovi sogni ed obiettivi che saprai come trasformare in realtà, felicemente e resilientemente.

Quale alimentazione segui prima, durante e dopo una gara? Usi farmaci, integratori? Per quale motivo? “La mia è un’alimentazione semplice e completa, mangio di tutto concentrandomi sulla qualità e la composizione degli alimenti. Nei periodi di maggior stress uso del magnesio supremo e i classici integratori di Sali minerali multivitaminici.”

Chi ha contribuito al tuo benessere nello sport o alla tua performance? “La mia famiglia, i miei allenatori, i gruppi in cui ho militato. Ora faccio parte di gruppo di amici maratoneti, siamo affiatati.”

15401195_1126721260781613_1878445198_nIl gruppo aiuta, diventa una rete sociale di riferimento, ci si confronta, ci si aiuta, si traggono consigli utili per affrontare allenamenti, gare e la vita quotidiana. Diventa una risorsa importante.

Qual è stata la gara della tua vita, dove hai sperimentato le emozioni più belle? “Ce ne sono diverse, ricordo ancora oggi gare di salti e velocità dove ho raggiunto il top della felicità, ricordo la mia prima maratona che mi ha lanciato in un uovo mondo. Lo sport per me è emozione continua.”

Lo sport ti rimette al mondo, le sensazioni ed emozioni che si sperimentano sono uniche e forti, non si dimentica di quello che si riesce a fare che serve per ricordarti cosa hai fatto in passato per focalizzarti su prossimi obiettivi restando autoefficace e sicuro.

Cosa pensano i tuoi famigliari ed amici della tua attività? “Sei un matto ma ti ammiriamo.”

Ti va di descrivere un episodio curioso o divertente della tua attività sportiva? “Avevo una gara a Roma, viaggio in treno come al solito. Come al solito treno in ritardo. Riscaldamento in metro, cambiato al volo per strada sempre di corsa, blocchi di partenza: viaaaa 100 metri tutti d’un fiato.”

Cosa hai scoperto del tuo carattere praticando sport? “Che di fronte alle difficoltà alla fine riesco a

Quali sono le capacità, risorse, caratteristiche, qualità che hai dimostrato di possedere? “Perseveranza, dedizione, passione, capacità di motivare gli altri, onestà morale.”

15327413_10207672588788516_1732597938099136664_nSolo con il talento non si va da nessuna parte, ci vuole tanta passione, impegno, determinazione, voglia di fare e di fare bene, trasmettere agli altri l’entusiasmo nello sport e nella vita ed essere onesti con se stessi prima e poi con gli altri, tutto ciò serve per durare a lungo e per arrivare lontano.

 Che significa per te partecipare ad una gara sportiva? “Adoro gareggiare, mi piace mettermi alla prova e cercare i miei limiti. Contestualmente mi piace la condivisione del momento. Non sono un top runner, per me la gara è anche un modo per evadere dalla quotidianità.”

Gara non solo per la performance ma per vivere l’atmosfera e la condivisione con gli altri.

Quali sensazioni sperimenti facendo sport: allenamento, raduni, pre gara, gara, post gara? “Gli allenamenti li affronto sempre serenamente e positivamente, nel pre gara mi distraggo un po’ con gli amici per poi concentrarmi prima della partenza se ho un obiettivo da raggiungere, faccio gare anche solo per divertirmi. Nel dopo gara raccolgo i frutti e faccio l punto della situazione. Qualsiasi sia il risultato anche se negativo.

Non si butta niente, ci si mette tutto l’impegno per fare bene e se qualcosa non va come previsto, serve comunque per imparare ed apprendere e far bene la prossima volta.

Quali sono i tuoi pensieri in allenamento, in gara? “Costruisco mentalmente i miei progetti, li visualizzo per poi cercare di riprodurli nella realtà.”

Per fare qualcosa, meglio immaginarlo prima, sentirsi realmente in quel momento in quell’azione e poi prepararsi per arrivare pronti in quel momento.

Quale è stata la tua gara più estrema o più difficile e quale ritieni non poter riuscire a portarla a termine? “Ho sempre portato a termine una gara. Se ci provo vuol dire che posso riuscirci. Domenica scorsa la mia ultra più lunga ‘scorrendo con il Liri’ 65,7 km portata a termine con la media migliore delle ultra più corte fatte.”

11667415_792294034224339_3106379559607674626_n.jpgQuali sono le difficoltà, i rischi, a cosa devi fare attenzione nella tua disciplina sportiva? “Non credo ci siano rischi particolari, basta rispettare i ritmi del corpo, quindi devo cercare di non strafare concedendo i giusti tempi di recupero. Sono un amatore con una grande passione, meglio non farmi male.”

Importante l’autoprotezione e le coccole, rispettare se stesso, il proprio fisico, non stressarlo troppo, giungere a compromessi con i propri muscoli, tendini, articolazioni, coccolarli un po’ con massaggi, oli, sano recupero e nutrimento.

Quali sono le condizioni fisiche o ambientali che ti hanno indotto a fare una prestazione non ottimale? “Ho partecipato ad una maratona con il mal di gola in una giornata fredda e umida…che stupido. Sono arrivato al traguardo con grande sofferenza. L’esperienza insegna. Da non ripetersi.”

Cosa ti ha fatto mollare o cosa ti fa continuare a fare sport? “Per un periodo il lavoro, ora non lo mollo più, è troppo importante per la mia salute psico fisica.”

Come hai superato eventuali crisi, sconfitte, infortuni? “Con la solita pazienza e tenacia. La sconfitta per me non esiste. Ci può essere una cattiva prestazione, ma finisce lì.”

Ti hanno consigliato di ridurre la tua attività sportiva, hai mai pensato di smettere di essere atleta? “No se sei atleta nella testa non puoi smettere.”

1459878_476996765754069_1343143_n.jpgQuale può essere un tuo messaggio rivolto ai ragazzi per avvicinarsi allo sport? “Fate della vostra vita un capolavoro. Utilizzate lo sport come mezzo di crescita personale. Farei degli esempi di vita vissuta, la mia.”

C’è stato il rischio di incorrere nel doping nella tua carriera sportiva? “Mai, lo schifo dal profondo del cuore.”

Qual è un messaggio che vorresti dare per sconsigliare l’uso del doping? “Se ti dopi volti le spalle alla persona per te più importante, te stesso. Amati, scegli la vita e lo sport.”

Ritieni utile la figura dello psicologo nello sport, se si per quali aspetti ed in quali fasi? “Chi ha forte pressioni come un top runner potrebbe averne bisogno dopo la consacrazione, non è facile rimanere concentrati quando hai gli occhi puntati addosso. Per tutti gli altri non vedo la necessità, se non per sistemare eventuali insicurezze che non riescono a superare.”

Quali sono i sogni che hai realizzato e quali quelli da realizzare? Prossimi obiettivi? “Ho realizzato tutto quello che volevo, nella consapevolezza dei miei limiti. Ora voglio arrivare a disputare una 100 km. Appuntamento maggio 2017.

 

Matteo SIMONE

http://www.prospettivaeditrice.it/index.php?id_product=357&controller=product

https://www.retedeldono.it/it/iniziative/a.p.s-spiragli-di-luce/matteo.simone/di-corsa-per-spiragli-di-luce

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...