Carolina Monaci, ultrarunner: Amo sfidare il deserto e la montagna

Matteo SIMONE

 

Sempre più donne vogliono osare nello sport, piace tanto sperimentare attraverso lo sport le condizioni più avverse, altitudine, montagne, deserto, ultracamminate con o senza bastoncini e si copre tanto di se stessi attraverso il superamento di momenti difficili, attraverso il raggiungere obiettivi difficili e sfidanti, di seguito l’esperienza di Carolina Monaci.

DSC_1200 (2).jpgTi sei sentita campione nello sport almeno un giorno della tua vita?Si, quando sono stata premiata dal Sindaco del paese con un diploma per i miei meriti sportivi anche a livello internazionale (anno 2015).”

Per fare sport bisogna avere tanta motivazione intrinseca, tanta passione, tanto piacere nel farlo, ma se poi c’è qualcuno che te lo riconosce è ancora meglio, è importante anche la gratificazione che viene dagli altri, ed è bello ewssere accolti dalla propria cittadina, dal proprio sindaco con un riconoscimento per meriti sportivi.

Qual è stato il tuo percorso per diventare un Atleta?Fin da piccola mi piacevano gli sports all’aria aperta. Mio padre ed i miei fratelli sono maestri di sci i quali mi hanno trasmesso la passione per la montagna, viverla nella sua pienezza….sia con il sole, nebbia, forte vento e neve. Amo viaggiare. Ho percorso anni a scalare montagne non solo in Italia ma anche in Himalaya, Argentina e Nuova Zelanda. La passione del cammino nasce proprio dal fatto di percorrere giorni e giorni a piedi, zaino in spalle, per arrivare al campo base. Ho conosciuto poi il Nordic Walking il quale mi ha permesso di migliorare a livello di benessere, il cammino. L’ho portato a livello sportivo, dimostrando con la prima maratona (Firenze 2012) e l’ultra maratona 111km no stop del Deserto del Sahara che si può fare movimento sano-a lunga durata utilizzando appropriatamente i bastoncini.”

A volte diventa facile ilpercorso per diventare atleta, se hai in famiglia qualcuno che coltiva già una passione sportiva è più facile essere coinvolti.

Quali sono i fattori che hanno contribuito al tuo benessere o alla tua performance?Migliore conoscenza del mio corpo, passione, coraggio, determinazione.”

Nello sport chi ha contribuito al tuo benessere o alla tua performance?Nella ultra del Sahara un allenatore, un fisioterapista e mental coach. Alla ultra Thar Desert 250km che mi stò preparando ora ho inserito anche un Personal Trainer. Quando facevo l’alpinista nessuno.”

Tante le persone che gravitano attorno ad un atleta performante, bisogna fare attenzione al minimo dettaglio, non trascurare nulla, tutto può contribuire al miglior benessere ed alla miglior performance, soprattutto se si tratta di competizioni molto impegnative e difficili, quasi estreme.

c013 (2).jpgQual è stata la gara della tua vita, dove hai dato il meglio di te o dove hai sperimentato le emozioni più belle?Sicuramente la più bella è stata la mia prima scalata in Himalaya (6.500m). Da semplice Trekker ho semplicemente infilato per la prima volta i ramponi e sono salita fino in vetta lasciando la spedizione alle mie spalle. Questa esperienza mi ha aiutato ad iniziare un percorso di conoscenza più approfondito dentro me.“

Più vai su nelle difficoltà, più ti elevi, più vai nel tuo profondo, più conosci te stesso, è un percorso di crescita personale, è un approfondimento della prorpia conoscenza terrena e spirituale.

Qual è una tua esperienza che ti possa dare la convinzione che ce la puoi fare?Esperienze sono tante. Non solo sportive ma anche quelle quotidiane. Quando per esempio la vita ti mette alla dura prova e con la forza e saggezza riesci pian piano a superare i problemi. “

Cosa pensano i tuoi famigliari ed amici della tua attività sportiva?Mio padre è molto orgoglioso di me. Mio fratello gemello (è l’opposto mio) fà fatica a capire questo mio estremo nello sport (lui è un Maestro di sci), mio fratello maggiore invece (nonostante sia anche lui Maestro di sci) capisce e mi appoggia. I miei figli 12 e 14 anni sono contenti….in particolare quando porto a casa una medaglia e con orgoglio la portano a scuola per mostrarla ai loro compagni.”

Ti va di descrivere un episodio curioso o divertente della tua attività sportiva?Curiosità è il fatto di scoprire l’infinita energia dentro me con mente e corpo che collaborano. Se non ci fosse il divertimento mai sarei una ultra maratoneta.”

Cosa hai scoperto del tuo carattere nel praticare sport?Lo sport mi aiuta in primis a stare bene con me stessa. Avendo poi obiettivi mi ha aiutato ad essere forte e determinata anche nella quotidianità superando i problemi con piu’ facilità e serenità.”

Quali sono le tue capacità, risorse, caratteristiche, qualità che hai dimostrato di possedere?Determinazione, resistenza e resilienza.”

Che significa per te partecipare ad una gara sportiva?Di natura non sono competitiva con i miei simili. Amo sfidare i giganti della Terra come il deserto, la montagna perché loro sono grandi forze e non c’è piu’ grande soddisfazione che sfidarli.”

Hai sperimentato l’esperienza del limite nelle tue gare?L’ho sperimentato piu’ volte.”

Quali sono o sono state le sensazioni che sperimenti facendo sport: pregara, in gara, post gara?Pregara: è il momento in cui ci si scopre, dove si impara ad allenare corpo e mente. E’ il più magico e ogni volta scopro sempre diverse forze che non pensavo di avere. Gara: ricca di emozioni e sensazioni. Mi diverto anche perché il luogo è quasi sempre nuovo ed io sono molto curiosa. Postgara: es. post deserto Sahara non è stata affatto una bella esperienza. La gara di 111km no stop

non mi ha permesso di godermi il post fatica e la vittoria (solo 4gg. Compreso il volo). Sarebbe stato bello poterlo fare da sola nel Deserto. Arrivata a casa ho fatto fatica a realizzare il tutto. Subito carica di impegni fra lavoro e figli. Non sono riuscita poi a gestirmi bene la pausa post-gara, con la voglia di continuare a rimettermi subito in gioco. Spero dopo il Thar Desert sia diverso. Anzi lo sarà. Sbagliando s’impara.”

Dietro la gara c’è tanto, la preparazione, ilpregara con le attese, tensioni, la gara in sé che ti impegna per uno sforzo in un tempo, ti fa scoprire qualcosa, ti mette davanti a delle scelte di condotta di gara, ti fa sentire sensazioni e ti fa sperimentare emozioni, il post gara dove ti pui rilassare, godi, esamini, c’è da rispettare e godersi tuttte le fasi con attenzione ed apprendere da tutto ciò che avviene,per far meglio in seguito.

Quale è stata la gara più estrema o più difficile?Ho fatto un’anno correndo. E’ stata una mia sensazione, volevo sentire la fatica correndo. Lo scorso estate ho fatto la mia prima gara Trail 45km e ho fatto davvero fatica nelle ultime salite irte! Quanto mi sono mancati i bastoncini.”

Quali sono le difficoltà, i rischi, a cosa devi fare attenzione nel tuoo sport?Gradualizzare il riscaldamento è fondamentale per non trovarsi poi con scarsa energia. Nelle ultra non bisogna permettersi di camminare veloci. Sempre passo tranquillo che ti ripaga poi per arrivare alla fine della gara con la “riserva” ancora sulle gambe. La tecnica e acquisire una buona se non ottima sensibilità del piede sono di primaria importanza. Si deve fare attenzione a seguire in gara una buona alimentazione e idratarsi spesso anche se camminando non sembra che si perdono liquidi.

Quali sono le condizioni fisiche o ambientali che più spesso ti hanno indotto a fare una prestazione non ottimale?Ricordo quando facevo l’alpinista mi poteva solo fermare una forte bufera.”

Cosa ti ha fatto mollare o cosa ti fa continuare a fare sport?Mollare al momento non se ne parla. Lo sport è parte della mia vita. Mi fa star bene e dò un senso alla giornata ricca di impegni ‘materiali’.”

Come hai superato eventuali crisi, sconfitte, infortuni?Trovo crisi, sconfitte, infortuni parte positiva del mio percorso. Con la crescita e l’esperienza ho maturato il significato. Li accolgo con serenità, ci entro dentro e poi se ne vanno….anche prima del previsto.”

L’esperienza di tanti le crisi come vengono così se ne vanno, con pazienza si impara a gestirle, a riconoscerle, ad affrontarle, ad accettarle.

Quale può essere un messaggio rivolto ai ragazzi per avvicinarsi allo sport?Ai ragazzi dico di fare sport per aiutare la mente in particolare a svuotarsi dallo stress e dalla negatività.”

C’è stato il rischio di incorrere nel doping nella tua carriera sportiva?Non ci penso nemmeno. Non fa parte della mio essere sportiva.”

Quale può essere un messaggio per sconsigliare l’uso del doping?La medaglia piu’ grande è la consapevolezza di avere fatto un percorso pulito, sano e ricco di emozioni che ci hanno permesso di crescere e di raggiungere piccoli o grandi obiettivi.”

Ritieni utile la figura dello psicologo dello sport? Per quali aspetti ed in quali fasi dell’attività sportiva?Sicuramente dal momento che si pongono obiettivi importanti. Ma sarebbe anche utile che i psicologi dello sport frequentassero le scuole….dove trovo la gioventù molto affaticata e ricca di sedentarietà.”

Quali sono i sogni che hai realizzato e quali quelli da realizzare?I piu’ bei traguardi non li ho mai cercati: sono mamma di due ragazzi, ho una bella posizione lavorativa, mi sono costruita casa da sola, sono serena nella vita e ho tagliato traguardi sportivi impensabili. Mi manca l’amore. Al momento la vita mi dà amore. Ma sono sicura che da qualche parte di mondo c’è.”

 

Matteo SIMONE

http://www.ibs.it/libri/simone+matteo/libri+di+simone+matteo.html

http://www.prospettivaeditrice.it/index.php?id_product=357&controller=product

https://www.retedeldono.it/it/iniziative/a.p.s-spiragli-di-luce/matteo.simone/di-corsa-per-spiragli-di-luce

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...