Sara Valdo, runner: Con impegno, sacrificio e divertimento nulla è impossibile

Matteo SIMONE

 

Lo sport avvicina persone, culture e mondi e rende felici. Lo sport per approfondire la conoscenza di se stessi, sport per sperimentarsi, mettersi in gioco, uscire fuori dalla zona di comfort, per apprendere. Sara Valdo ha tanto da raccontare della sua vita di gare ardue ed impegnative, di lunga durata, 24 ore ed anche di più come la nove colli running di 202,400 km che prevede un tempo massimo di 30 ore.

23350_10200304529566606_579114462_nQual è stato il tuo percorso per diventare Atleta? C’è un altro sport che vorresti praticare? “Da giovane ho praticato sci, nuoto e pallavolo, non a livelli competitivi, ma per il benessere di fare sport. Poi un giorno alcuni amici mi hanno proposto le non-competitive della domenica e da lì ho iniziato a correre. Mi piacerebbe fare un po’ di Triathlon, insieme alla corsa.”

Dovrebbero aumentare le gare non competitive per far avvicinare gente alla corsa e scoprire nuovi talenti. Il Triathlon è un passaggio che fanno diversi atleti, io stesso ho fatto questo passaggio provenendo dalla corsa, essendo innamorato fin da piccolo della bici ed avendo sempre nuotato nel mare di Manfredonia dove scendevo dalla mia residenza al 6° piano e mi tuffavo in mare.

Hai dovuto scegliere di prendere o lasciare uno sport a causa di una carriera scolastica o lavorativa? “No perché lo sport è sempre stato per me un momento personale e di benessere inserito nella vita quotidiana.”

Che consiglio ti andrebbe di dare a coloro che si trovano a dover fare scelte importanti nello sport? “Di seguire i propri sogni e il proprio cuore.”

Lo sport come suggerisce Sara, va fatto non solo con i muscoli, con il corpo, ma con tanta passione e tanta testa.

Ti sei sentita campione nello sport almeno un giorno della tua vita o sempre un comune sportivo? “Sono sincera sì, ogni volta che raggiungo gli obiettivi prefissati.”

Bhè! In effetti gli obiettivi di Sara non sono semplici e quindi quando li raggiunge è davvero una campionessa.

Quali i meccanismi psicologici ritieni ti abbiano aiutano nello sport? “Con l’impegno, il sacrificio e il divertimento nulla è così difficile, per non dire impossibile.”

E’ sempre importante una buona dose di divertimento e di umorismo anche quando si fatica, anche quando le cose vanno per il meglio, aiuta a continuare a perseguire i propri obiettivi.

Quale alimentazione segui prima, durante e dopo una gara? Usi farmaci, integratori? Per quale motivo? “Prima di una gara mangio normalmente magari con più attenzione verso una maggiore fonte di carboidrati, durante uso gel e altri prodotti (glucosio ecc), dopo una gara prediligo elementi proteici per un recupero muscolare. Non uso farmaci, qualche integratore perché nelle lunghe distanze si consumano molte sostanze e non si riesce a recuperarle con l’alimentazione (Sali minerali ecc).”

12819207_923371007784439_6335196310933120650_o.jpgQuali sono i rischi nella tua disciplina? Quali sono le condizioni fisiche o ambientali che ti hanno indotto a fare una prestazione non ottimale? “I rischi nella mia disciplina forse sono legati ad un non adeguato recupero dopo un alto carico o una gara lunga; il recupero mi ha preservato dagli infortuni (in quasi 16 anni di corsa mi sono fermata solo 1 volta per infortunio). Soffro il caldo e questo a volte mi condiziona un pochino.”

Quali sono i fattori che hanno contribuito al tuo benessere e performance? “Una frase mi porto sempre con me di Sri Chinmoy ‘La perfetta felicità è l’entusiasmo meno l’aspettativa’ e devo dire che ha ragione; è importante una corretta alimentazione e il recupero.”

Importante oltre all’allenamento fisico e mentale anche quello che io chiamo “autoprotezione e coccole” che consistono nei recuperi, riposi, massaggi, fisioterapia, accertamenti medici, inoltre bisogna anche considerare l’importanza dell’aspetto nutrizionale per il benessere e la performance nello sport per avere le scorte di glicogeno fino alla fine della gara o reintegrarle prontamente in base alle proprie caratteristiche personali.

Riesci ad immaginare una vita senza lo sport? “Diciamo senza movimento fisico (inteso come sport) no.”

Chi ha contribuito al tuo benessere e performance? “Sicuramente il mio allenatore e tutte le persone con cui ho avuto modo di collaborare e confrontarmi in questi anni.”

Qual è stata la gara della tua vita, dove hai dato il meglio di te o dove hai sperimentato le emozioni più belle? “Sono state moltissime, dai primi risultati nelle 24ore, ai 3 mondiali in maglia azzurra e per ultima (ma solo cronologicamente) la meravigliosa Nove Colli.”

Qual è una tua esperienza che ti possa dare la sicurezza, la convinzione, che ce la puoi fare nello sport o nella vita? “Ogni qualvolta affronto una sfida contro me stessa, sia che vinca sia che perda.”

Cosa pensano i tuoi famigliari ed amici della tua attività sportiva? “Che sono un po’ ‘matta, folle’.”

Come è cambiata la tua vita famigliare, lavorativa? “Non è cambiata, sicuramente migliorata.”

IMG_8143.jpgQuali sono le capacità, caratteristiche, qualità che hai dimostrato di possedere? “Credo di essere una persona tenace e ‘resiliente’.”

Molti ultrarunner sono resilienti o lo diventano a furia di incappare in crisi e difficoltà imparando da esse da soli o con l’aiuto di persone più esperte.

Che significa per te partecipare ad una gara sportiva? “E’ l’occasione per mettermi alla prova con me stessa, raggiungere i limiti e provare ogni volta a superarli.”

Quali sono o sono state le tue sensazioni che sperimenti facendo sport pregara, in gara, post gara? “Di forte benessere e felicità. Durante la gara c’è anche la fatica.”

Quali sono i tuoi pensieri in gara? “Penso alla gestione di gara e a divertirmi, sempre rimanendo concentrata su ciò che sto facendo e impegnata.”

Quale è stata la tua gara più estrema e quale ritieni non poter riuscire a portare a termine? “La più estrema sin’ora è stata la 24ore e la Nove Colli. Non voglio peccare di presunzione ma preferisco non pensare mai di non poter riuscire a fare qualcosa, bisogna comunque provarci.”

E’ vero, anch’io ho provato una 24 ore ed è stata un’esperienza ricca, metro per metro, chilometro per chilometro, osservando tanto dal tramonto al buio della notte, dall’alba ai colori del mezzogiorno; la nove colli sono al terzo tentativo ma ogni volta torno a casa sereno e divertito e arricchito per l’esperienza che faccio ogni volta e per la moltitudine di atleti che incontro.

Cosa ti ha fatto mollare o cosa ti fa continuare a fare sport? Come hai superato eventuali crisi, sconfitte, infortuni? “Non ho mai pensato di mollare, possono esserci dei momenti in cui si deve diminuire il carico di lavoro o di intensità per motivi di recupero fisico, familiari o lavorativi, ma mollare no. Sconfitte, crisi e infortuni fanno parte del bagaglio dell’atleta per cui vanno accettate e superate. Amo quello che faccio perché mi fa stare bene, ascolto sicuramente i consigli ma soprattutto me stessa.”

Ti è capitato di avere la sensazione che ti cascasse il modo addosso? “No, lo sport è sempre stato un divertimento.”

Quale può essere un tuo messaggio rivolto ai ragazzi per avvicinarsi ad uno sport che può essere fatto di fatica, impegno, sudore, sofferenze? “Per farcela (nello sport come nella vita) ci vuole ‘resilienza’ tratto da Persevare è umano di Pietro Trabucchi.”

Qual è un messaggio che vorresti dare per sconsigliare l’uso del doping? “Di fare i conti con la propria coscienza.”

Ritieni utile la figura dello psicologo nello sport? Per quali aspetti ed in quali fasi dell’attività sportiva? “Come Nazionale di Ultramaratona, abbiamo la grande fortuna di essere seguiti da Pietro Trabucchi, con i suoi consigli e insegnamenti ci aiuta negli allenamenti e nella gara, soprattutto per quanto riguarda la gestione della fatica e delle crisi.”

Se potessi tornare indietro cosa faresti? O non faresti? “Se tornassi indietro chiederi ai miei genitori di portarmi a fare atletica leggera. Rifarei tutto.”

Quali sono i sogni che hai realizzato e quelli da realizzare? “Correre la 100km del Passatore, indossare la maglia azzurra e correre la Nove Colli. Da realizzare il Giro del lago di Balaton.”

 

Matteo SIMONE

http://www.mjmeditore.it/autori/matteo-simone

http://www.ibs.it/libri/simone+matteo/libri+di+simone+matteo.html

http://www.psicologiadellosport.net/eventi.htm

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...