William Da Roit: 4K Alpine Endurance Trail, 350 km e 25.000 mt di dislivello

Matteo SIMONE

http://www.psicologiadellosport.net/eventi.htm

 

La prima edizione del 4K Alpine Endurance Trail della Valle d’Aosta si è disputata dal 3 al 9 settembre, sulle alte vie della valle d’Aosta, con partenza e arrivo a Cogne, attraversando Monte Bianco, Monte Rosa, Cervino e Gran Paradiso. Peter Kienzl è stato il vincitore impiegando quasi 83 ore. La gara femminile è stata vinta da Francesca Canepa.

IMG_9710.JPGDi seguito l’esperienza di William Da Roit che si racconta attraverso una breve intervista.

Com’è stata l’esperienza di gara? “Il 4 K è di 350 km (330 il Tor de Geants) 25.000 i metri di dislivello. È stata una gara incredibilmente intensa, le montagne che hanno fatto da cornice, Gran Paradiso, Monte Bianco, Cervino e Monte Rosa mi hanno dato un’energia che non sapevo di avere. Mi ci sono voluti 6 giorni per concludere la gara.”

Per chi è amante della montagna, per chi ha la passione della corsa, attraversare giorni e giorni di sentieri e percorsi impervi, irti, scalare montagne, diventa un’avventura stimolante ed eccitante, più vai avanti e più scavi dentro di te per cercare le energie necessarie fisiche e mentali per andare avanti, per arrivare, per concludere un tuo viaggio pianificato e programmato da tanto, preparato bene con allenamenti e studio di cartine, mappe, alimentazione necessaria provata e sperimentata durante lunghi allenamenti, la vista dei passaggi, delle montagne del passare dei momenti che vanno dall’alba al tramonto, l’assaporare la temperatura notturna e l’accogliere tutti i pensieri che ti passano nella testa durante il lungo viaggio ti da tante energie per continuare, per riuscire, per terminare, ti arricchisce, ti fa maturare, ti cambia, ti rimette al mondo in modo nuovo, ti fa scoprire una nuova persona, più sicura, più consapevole, più resiliente.

Che significa partecipare ad una prima edizione? “A dire il vero non mi aspettavo, come prima edizione, un’organizzazione così perfetta, nulla è stato lasciato al caso, né a fondovalle né tantomeno su in alta montagna. Mi ha stupito molto la spontanea cortesia dei Valdostani ed in particolare dei volontari sul percorso, sempre gentili, sempre una buona parola è un sorriso per tutti!”

Ciò che fa diventare una competizione interessante e appetibile è l’insieme di tanti elementi, del territorio, degli organizzatori, attenti e disponibili alle esigenze dei partecipanti e degli accompagnatori, la disponibilità a soccorrere, ad intervenire, a dare una parola di conforto, è importante coinvolgere istituzioni e volontari per far si che la gara diventi un obiettivo condiviso e stimolante per tutti.

IMG_0765.JPGChe significato ha per te questa gara? “Per me concludere il 4K Trail Endurance della Valle d’Aosta ha significato molto, io vivo e mi alleno sulle Dolomiti e sentirmi a mio agio in un contesto, seppur montano, completamente diverso mi è piaciuto molto.”

 

William sempre più alla ricerca di sfide, sguazza nello sperimentarsi nella difficoltà, nell’affrontare situazioni difficili, nel portare avanti progetti sfidanti e non alla portata di tutti, William va alla ricerca dell’ultracorsa che sia asfalto o trail, importante è durare nel tempo con le sue energie, arrivare fino in fondo.

Cambia qualcosa ora? “Adesso so che in montagna posso correre per 350 km.”

Ogni gara per William è sia un punto di arrivo ma anche un test da superare per poter puntare più in alto, per poter osare ancora un po’, cercare sempre di alzare un po’ l’asticella con attenzione e adeguata preparazione.

Hai ancora sogni progetti? Prossimi obiettivi? “Molti, a fine aprile ritento la Ultra Milano/Sanremo 285 km su strada, lo stesso percorso dei ciclisti. L’anno scorso non sono riuscito ad arrivare alla fine. Poi sogno la Spartathlon, 245 km da Atene a Sparta, la Marathon des Sables, 250 a tappe nel Sahara.”

IMG_0770.JPGWilliam non è solo un sognatore ma uno che trasforma i sogni in realtà, William è come un cantiere sempre aperto, sempre lì a studiare progettare la sua prossima gara, che sia asfalto, trail, deserto l’importante è che ti impegni per ore e ore, per stare a contatto con sé stesso e conoscersi sempre di più.

Ci sono stati momenti difficili? “Il momento più difficile è stata la notte fredda e piovosa con nevischio sopra i 3.000 m sul massiccio del Monte Bianco, poi il tempo è stato clemente e ci ha regalato belle giornate di sole.”

Tutto cambia, tutto passa, tutto ha un inizio ed una fine, è quello che sperimentano tanti atleti di endurance, la crisi di solito non dura per sempre, se si ha freddo si riesce a trovare il modo per riscaldarsi o comunque resistere fino a quando l’ambienti diventa più sopportabile, la vita diventa un ciclo di benessere e difficoltà da superare, quando si sta bene, si sa che prima o poi arriverà la tempesta, ma in genere anche la tempesta ha il suo decorso o si trova il mondo per ripararsi senza soccombere.

I momenti più belli e più brutti delle giornate? “I momenti più belli per me è sono stati senz’altro vedere il sorgere del sole, in alta quota con quei panorami mozzafiato è stato qualcosa di magnifico. Momenti più brutti e difficili sempre verso mezzanotte l’una, crisi di sonno e fatica si facevano sentire.”

Da esperienze di sport di endurance è importante portare a casa sempre con sé bei momenti che ti fanno sperimentare benessere, immagini da avere sempre impressi nella memoria, utili per ricordare, per riviverli.

Matteo SIMONE

http://www.unilibro.it/libri/f/autore/simone_matteo

http://www.prospettivaeditrice.it/index.php?id_product=357&controller=product

https://www.ibs.it/ultramaratoneti-gare-estreme-libro-matteo-simone/e/9788874189441

https://www.retedeldono.it/it/iniziative/a.p.s-spiragli-di-luce/matteo.simone/di-corsa-per-spiragli-di-luce

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...