Vito Rubino e Palas con il team Caltrek: La nostra gara nel deserto del Mojave in Nevada

Matteo SIMONE

 

Vito Rubino e Palas Policroniades sono una coppia di ultrarunners, triatleti e praticanti di sport di endurance e multisport. Ogni volta che li incontro o sento parlare di loro, ci sono racconti di storie affascinanti ed avventurose, ora è la volta di una “adventure race” nel deserto con la pratica di diverse discipline sportive, di seguito il loro racconto.

Mi racconti la vostra gara multisport? Quali sport? “L’adventure racing è uno sport di squadra dove l’obiettivo è raggiungere una destinazione in un percorso non segnalato, orientandosi con l’aiuto di cartina e bussola. La destinazione viene mantenuta segreta fino a poco prima dell’inizio della gara. Tipicamente, le attività sono la corsa/trekking/orienteering, la mountain bike, il kayaking e la discesa in corda doppia. La nostra gara è stata nel deserto del Mojave in Nevada con una durata limite di 35 ore.”

16602763_10158121334105363_6601319322207212169_n (2).jpgIn questo tipo di gara vi sono tutti gli elementi della mentalità degli atleti di endurance, tante ore in gara, sorprese, pronti al cambiamento ed all’imprevisto, condizioni difficili di percorso e climatiche come è l’ambiente del deserto, ma tutto ciò non spaventa gli atleti avventurieri del limite, anzi sono nuove sfide che stimolano entusiasmo ed endorfine.

Chi sono i componenti della squadra, c’è una capitano? “Noi eravamo una squadra mista da quattro. Io ho rivestito il ruolo di capitano reclutando gli altri componenti della squadra, coordinando l’organizzazione e discutendo gli obiettivi e le aspettative. Il primo componente che ho reclutato è stata mia moglie, Palas. Data la sua propensione per l’avventura, (quasi) non è stato difficile convincerla a partecipare. Gli altri due componenti hanno accettato perché non avevano previe esperienze di adventure racing e dunque non sapevano ciò a cui andavano incontro. Però erano entrambi desiderosi di avventura. Nick, un geologo, ha esperienza di alpinismo e orienteering mentre Marja, un astrofisica, oltre ad avere esperienza di trail running, ha esperienza in lunghe spedizioni in posti remoti. Entrambi in ottime condizioni di fitness.”

Vito ha provveduto alla selezione del team ed al reclutamento facendo attenzione alle attitudini di ognuno ed alle motivazioni a fare insieme una spedizione che comportava tante ore insieme di duro lavoro, ed anche considerare la disponibilità ad adattarsi a condizioni difficili come possono essere quelle di attraversamento di un deserto. Ma la sua esperienza gli permette di avere un buon fiuto.

Avete fatto allenamenti o gare insieme? “Non abbiamo avuto troppo tempo per allenarci insieme prima della gara. Ci siamo preparati individualmente per poi coordinare i nostri sforzi durante la gara. Sono stato piacevolmente sorpreso sia di come siamo riusciti a muoverci insieme come squadra sia di come siamo riusciti a gestire la dinamica di gruppo. Ogni componente del team ha rivestito un ruolo essenziale all’interno della squadra, contribuendo con le sue esperienze, abilità e carattere.”

16508525_10158121334375363_3451995311622975414_n-2Ci sono ristori, cancelli orari, penalità o punti di controllo? “Alla partenza ci hanno dato delle cartine e delle coordinate di punti di controllo obbligatori da raggiungere. Noi abbiamo dovuto decidere la strategia da seguire per muoverci da un punto all’altro. Alcuni punti di controllo sono allestiti come aree di transizione dove si cambia attività, per esempio dal kayak alla mountain bike. Gli organizzatori si occupano di far arrivare alle aree di transizione l’attrezzatura disposta da ogni squadra alla partenza. Tra successive aree di transizione bisogna essere completamente in autosufficienza in termini di acqua, cibo, abbigliamento, e soluzione di problemi meccanici. Non ci sono punti di ristoro organizzati, e neanche negozi dove rifornirsi nel deserto, quindi è importante prevedere ciò di cui si avrà bisogno perché un errore di pianificazione in termini di cibo o acqua può rivelarsi disastroso.”

Come dire in questi casi la gara si vince a tavolino, l’esito dell’impresa si decide organizzando meticolosamente le cose da portare tra cibo, abbigliamento ed altro.

16472788_10158121333950363_1513048221066365108_n (2).jpgC’è stato qualcosa di inaspettato, l’esperienza fatta corrisponde a quello che vi aspettavate? “Abbiamo incontrato diverse difficoltà. In queste gare c’è sempre qualche sorpresa. Si va per questo. Per esempio, alla partenza siamo saltati sul kayak seguendo un canale che si sarebbe immesso nel fiume Colorado. Dopo aver remato per 5-10 minuti, ci siamo resi conto che il canale era chiuso e non conduceva al Colorado. A quel punto abbiamo deciso di arrampicarci e trasportare il kayak a mano per oltrepassare le dune di sabbia che chiudevano il canale e per poi immetterci nel Colorado. Per quanto riguarda il tracciato in bici era a tratti roccioso e con delle pendenze rilevanti e a tratti piano ma sabbioso, il che rendeva l’avanzamento lento e faticoso, soprattutto sotto il sole cocente, che magari non ti aspetti a Febbraio. Le differenze di temperatura sono state piuttosto elevate, con delle punte di 36 gradi e delle minime di 6 gradi.”

Interessanti queste descrizioni, danno proprio l’idea di gare di avventura, la difficoltà sempre dietro l’angolo e sempre pronti a trovare le giuste soluzioni, sempre pronti a valutare come superare l’ostacolo, niente relax, si va appositamente in questo spazio tempo di non confort per sperimentare l’inatteso.

16487054_10158121334185363_8325602646669668891_o-2Ci sono stati momenti critici individuali o di squadra? “Penso che passare la notte correndo e facendo trekking sia stata la cosa più difficile per tutti. La notte è all’inizio un sollievo dalle temperature scottanti del giorno ma poi diventa subito una minaccia per le temperature basse e perché il corpo non riesce ad abituarsi a un cambio di temperatura cosi repentino. Finché ci si muove va bene ma se ci si ferma diventa un problema. Per esempio, a un certo punto della notte ho schiacciato un cactus mobile (cholla) le cui spine stavano penetrando la gomma delle mie scarpe e ci siamo dovuti fermare a togliere le spine ma questo ci ha fatto infreddolire e irrigidire le gambe e ripartire ci è costato parecchio. Altri momenti difficili accadono per il disorientamento. Questa volta non abbiamo avuto particolari problemi, ma in un’atra gara ricordo che dopo aver fatto discesa in corda doppia al tramonto abbiamo imboccato un canyon, senza sentieri, che abbiamo seguito per tutta la notte, attraversando la fitta vegetazione e arrampicandoci tra massi al fondo del canyon. Dopo quattro ore di cammino pensavamo di aver raggiunto l’unico sentiero che ci avrebbe fatto uscire dal canyon. Ma non riuscivamo a trovarlo. Eravamo al limite, senza cibo, allo stremo delle forze. Poi, dopo momenti di panico passati a interpretare le nostre cartine, ci siamo resi conto che in realtà eravamo appena alla metà del percorso lungo il canyon. Quella è stata una delle realizzazioni più drammatiche. Ma ci siamo dovuti raccogliere e abbiamo dovuto continuare perché fermarsi non era un opzione.”

16463609_10158121333955363_1398513910108838765_o-2Hai sperimentato stanchezza fisica o mentale? “Durante la notte arriva per tutti un momento che non si ha più voglia di continuare per la stanchezza o per il sonno, ciononostante bisogna continuare. Io e Palas siamo abituati a questi momenti ma Nick e Marja questo era nuovo. Il fatto di essere insieme e incoraggiarsi a vicenda è sicuramente un grande punto di forza di una squadra rispetto ad una attività individuale come un’ultramaratona. E penso che proprio grazie allo spirito di gruppo e alla determinazione di ognuno di noi, siamo riusciti a superare con agilità i momenti più ardui.”

 

Matteo SIMONE

http://www.prospettivaeditrice.it/index.php?id_product=357&controller=product

https://www.ibs.it/ultramaratoneti-gare-estreme-libro-matteo-simone/e/9788874189441

https://www.retedeldono.it/it/iniziative/a.p.s-spiragli-di-luce/matteo.simone/di-corsa-per-spiragli-di-luce

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...