Massimiliano De Luca: Non pensavo di riuscire a correre per 42 chilometri

Matteo SIMONE

http://www.psicologiadellosport.net/eventi.htm

 

Lo sport ti rimette al mondo, ti fa incontrare persone e culture, ti fa pianificare obiettivi, ti fa trasformare sogni in realtà, ti rende felice, ti apre la mente, abbatte barriere mentali, culturali, intergenerazionali, questa è l’esperienza di molti runner, tra i quali Massimo De Luca che si racconta di seguito.

Ti sei mai sentito campione nello sport almeno un giorno nella tua vita? “Per la costanza, caparbietà e perseveranza sì, mi sento un campione. Lo so che queste tre parole sono sinonimi, ma detto tre volte vale di più. Considero comunque campioni nello sport tutti coloro che abbattono i muri dei propri limiti. Lo sport ti fa sentire campione quando realizzi qualcosa a cui non avresti creduto mai.

FB_IMG_1488139569876 (2)Qual è stato il tuo percorso nella pratica dell’attività fisica? “Da che ricordi ho sempre fatto sport, nuoto, anni di judo, fino a quando ho avuto un infortunio al ginocchio. Ero così abbattuto da non poter più continuare questo sport a livello agonistico che ho deciso di mollare, così per circa due anni non ho praticato alcuno sport. Poi piano piano ho ripreso a frequentare una palestra. Da tre anni mi sono dedicato al running, quasi esclusivamente. È stato un amore arrivato tardi. Ma di una passione forte.”

Quali sono i fattori e le persone che hanno contribuito al benessere e performance nello sport? “Sicuramente ringrazio i miei genitori che hanno permesso di praticare sport fin da piccolo, soprattutto lasciando a me la scelta, sempre. Oggi mi rendo conto di non poterne fare a meno. Quella sensazione di benessere dopo la fatica sportiva è ineguagliabile. E parlo di benessere fisico ma anche, soprattutto, mentale. Mi rendo conto anche di quanto è importante, almeno per me, condividere la fatica. Anche se penso che non è vero che puoi condividerla con chiunque. C’è bisogno di qualcuno con cui stai veramente bene. Perché quando stai bene vai più lontano.”

Qual è una esperienza che ti possa dare la convinzione che ce la puoi fare nello sport e nella vita? “Quella che ti fa scoprire che il tuo limite è molto più in là. Perché anche io parlo di abbattere muri e oltrepassare il limite. Ma sono altrettanto sicuro che ognuno di noi ha un suo limite che va oltre quello che immaginiamo di avere.”

FB_IMG_1488139538057 (2)Cosa pensano i tuoi famigliari ed amici della tua attività sportiva? “Diciamo subito che il supporto maggiore proviene da quelle persone che hanno la tua stessa passione e quindi capiscono a pieno quei comportamenti che a volte proprio normali non sono. Ad esempio tornare tardi a casa dal lavoro e svegliarti all’alba per allenarti. Allenarti per ore. In famiglia il mio super tifoso è mio figlio.”

Ti va di descrivere un episodio curioso o divertente della tua attività sportiva? “La mia prima maratona. Mesi di allenamento, carico al massimo. Mi sveglio la mattina della gara con 38 di febbre. Prendo una Tachipirina e ne porto un altra con me. Un mal di gola forte. Ne prendo un altra con un gesto quasi meccanico durante l’assordante musica e entusiasmo della partenza. Al trentesimo chilometro in piena crisi mistica incontro due miei amici, Patrizio e Massimo. Non ci credevano neanche loro che fossi lì, sapevano che stavo male. Praticamente è come se mi avessero preso per mano e portato fino alla fine. Perché l’ho finita quella maratona. Grazie soprattutto a loro.”

Quali sono le tue capacità, risorse, caratteristiche, qualità che possiedi nella pratica del tuo sport? “La forza di volontà come prima cosa. Questa forza scaturisce comunque dal mio carattere e da come provo ad affrontare la vita. Lo sport è una fetta importante della mia vita. Forse è vero che ognuno di noi ha un limite. Ma il mio per fortuna ancora non lo conosco. Questo mi spinge ad andare avanti, a non fermarmi. La curiosità.”

Che significa per te praticare attività fisica? “Sudare. Stancarmi tanto. A volte fare uno sforzo immenso per alzarmi e andare ad allenarmi. Ma soprattutto relax mentale, sensazione di benessere, sentirsi appagati. Io tutto ciò lo provo correndo. Ma qualsiasi attività che sia movimento va bene quando ti fa stare bene.”

Quali sono le difficoltà, i rischi, a cosa devi fare attenzione nella pratica del tuo sport? “La difficoltà maggiore è conciliare i vari impegni della vita con l’allenamento. Alla fine ci riesco sempre. È sempre alla fine la cosa da sacrificare è il sonno. Per lo sport specifico che pratico i rischi maggiori sono gli infortuni, che però fanno parte dell’esperienza e aiutano a conoscere il tuo corpo, i tuoi limiti, e le precauzioni per superarli.”

FB_IMG_1488139660862 (2)Quali sono le condizioni fisiche o ambientali che ti ostacolano nella pratica dell’attività fisica? “L’unico ostacolo può essere un infortunio. Per il resto penso che quando vuoi fortemente qualcosa, in un modo o nell’altro, con calma, te lo vai a prendere. Oggi abbiamo la fortuna di poter comprare delle attrezzature adatte ad ogni condizione ambientale ed atmosferica. Alle brutte c’è la palestra. Anche se la sensazione all’aria aperta è impagabile.”

Ritieni utile la figura dello psicologo nel tuo sport? Per quali aspetti ed in quali fasi? “Chiunque si rivolge ad uno psicologo esercita una richiesta di aiuto più o meno forte. Gli elementi sull’utilità della risposta da parte dello specialista sono secondo me due: 1. Aspettativa di soluzione dei problemi da parte del paziente. 2. Capacità dello psicologo di cogliere il punto del problema. In presenza di queste due condizioni secondo me la figura di uno specialista in psicologia può essere molto utile, anche nel campo dello sport. Probabilmente anche per coloro che in apparenza non pensano di avere alcun problema. A volte una chiacchierata con qualcuno che conosce bene i meccanismi della mente può essere illuminante. E rilassante.”

Qual è stata la gara della tua vita, dove hai dato il meglio o hai sperimentato le emozioni più belle? “Nei miei ricordi ogni gara ha una particolarità che mi ha fatto vivere qualcosa di bello. Se proprio dovessi sceglierne una, sarebbe la maratona che ho chiuso per la prima volta sotto le tre ore e quaranta. Perché era un obiettivo che avevo deciso prima. Perché stavo da solo e concentrato. Perché l’ho gestita in una maniera che non mi è più riuscita. Perché gli ultimi cento metri quando ho visto da lontano il cronometro ho capito che ce l’avevo fatta e mi stava mancando il fiato per l’emozione. Nonostante non sia un tempo da record, è stata una mia vittoria personale. Fino all’anno prima non pensavo neanche di riuscire a correre per quarantadue chilometri.”

Come hai superato eventuali crisi, sconfitte, infortuni? “Riguardo agli infortuni ovviamente con le cure del caso, ma con molta molta molta pazienza. Alcune crisi che possono capitare durante una gara ma anche durante un allenamento ho imparato a percepirle subito, ai loro sintomi primordiali. In qualunque caso una buona compagnia aiuta molto.”

Quale può essere un messaggio rivolto ai ragazzi per avvicinarsi allo sport? “Di seguire il proprio istinto, praticare qualsiasi attività sportiva che susciti interesse. Che non si diventa campioni senza impegno e fatica, ma in ogni caso la sfida da vincere è con se stessi. Come nella vita di tutti i giorni.”

FB_IMG_1488139345009 (2)Quale può essere un messaggio per sconsigliare l’uso del doping? “Un messaggio molto semplice: Lo sport fa bene. Il doping fa male. Credo che coloro i quali fanno uso di doping si possono dividere in due categorie: 1 I disonesti di natura: sono coloro che in ogni caso non hanno rispetto per le regole e hanno una visione contorta e sbagliata della vita. Devono vincere. Non importa come. A queste persone non darei una seconda possibilità di competere. 2 Quegli atleti verso i quali si nutrono delle aspettative grandi, che magari sono già campioni e tutti si aspettano delle conferme. Coloro che non riescono a reggere questa condizione e commettono lo sbaglio di fare uso di doping. Queste persone dovrebbero essere aiutate. Ecco in questo caso uno psicologo dello sport sarebbe utilissimo. A queste persone, una volta capito l’errore, darei una seconda possibilità di vincere la loro gara contro se stessi.”

Cosa hai scoperto di te stesso nel praticare attività fisica? “Che con l’impegno e la passione si possono raggiungere grandi risultati. E scopri anche te stesso. Soprattutto fin dove può arrivare la tua forza di volontà, dove ti può portare.”

Hai un modello di riferimento, ti ispiri a qualcuno? “Anni fa lessi la storia di una persona che vinse due volte consecutive la maratona alle olimpiadi, la prima a piedi nudi. Che poi ebbe un incidente e rimase paralizzato alle gambe. Ma non rinunciò a fare sport e a gareggiare in discipline dove non si dovevano utilizzare le gambe. Parlo ovviamente di Abebe Bikila. È leggendo la sua storia che ho deciso di volere correre una maratona. Poi una non mi è bastata.”

 

La resilienza aiuta le persone a cavalvare l’onda del cambiamento, c’è un inizio e una fine per tutto, anche per la performance psicofisica e ogni momento si decide quello che si può fare con le proprie capacità e modalità, qualsiasi cosa succede rialzarsi sempre e ripartire con il sorriso e in modo diverso, questo è l’iinsegnameto di tanti campioni dello sport.

C’è una parola o una frase detta da qualcuno che ti aiuta a crederci ed impegnarti? “Avevamo appena finito una maratona, io e il mio amico Alessandro. Io la seconda, lui la prima volta. È un quel momento che nella sua semplicità e concretezza, con il più bel sorriso stampato in volto, mi disse: ‘Quando cresce glielo dico a mio figlio. Nella vita tutto si può fá. Il resto so chiacchiere’.”

Mai fissare limiti, qualsiasi cosa si può studiare e comprendere come portarla a termine o risolverla, un passo alla volta, senza fretta con costanza determinazione e impegno.

Quali sono i sogni prossimi obiettivi e sogni che hai realizzato e da realizzare? “Una persona che spesso mi consiglia sugli allenamenti questa volta me lo ha sconsigliato vivamente. E io gli credo, perché lui ha praticato il running per moltissimi anni. Lui si chiama Tommaso Casale. Io sto preparando la 100 km del passatore. È una cosa che voglio provare a fare nella vita. Poi magari dopo deciderò cosa voglio fare da grande.”

FB_IMG_1488139547752 (2)Molti allenatori sconsigliano di fare gare superiori ai 100km, perché in quel tipo di gare posso fare poco per aiutarti, lì sei tu che devi sviluppare capacità mentali per andare oltre, per osare. Conosco Tommaso Casale, un grande campione del passato e poeta narratore.

 

Matteo SIMONE

http://www.prospettivaeditrice.it/index.php?id_product=357&controller=product

https://www.retedeldono.it/it/iniziative/a.p.s-spiragli-di-luce/matteo.simone/di-corsa-per-spiragli-di-luce

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...