Lorena Brusamento è la nuova Campionessa Italiana di 24 h di corsa a piedi

 Matteo SIMONE

www.psicologiadellosport.net

 

Più si allunga la distanza nello sport e più reggono le donne, mostrano essere un po’ più resistenti con il fisico, il cuore e la testa rispetto agli uomini. A volte in gare di distanze lunghe è la donna che arriva prima di tutti, anche prima degli uomini.

La scora domenica 12 marzo alle ore 12.00, a Cesano Boscone è terminata la gara di corsa della durata di 24 ore, disputata dagli ultramaratoneti che si sono contesi il titolo italiano su questa specialità e anche per ambire ad indossare la maglia azzurra ai prossimi campionati mondiali a Belfast.

IMG-20170313-WA0029.jpgLa più forte e resiliente delle donne, si è confermata Lorena Brusamento che è preceduta in classifica generale solo da tre uomini mentre vince il titolo italiano femminile totalizzando 210 km, facendo meglio della giovanissima ma promettente Francesca Innocenti che totalizza 202 km, al terzo posto si classifica Sonia Lutterotti, categoria F55, che totalizza 194 km arrivando con il suo compagno ultrarunner Roldano Marzorati. Non riesce a salire sul podio Sara Lavarini con 188km. Herger Ursula vince la categoria F60 totalizzando 166km.

E’ interessante il mondo bizzarro e fantastico degli ultrarunner, riporto di seguito di seguito le loro risposte della campionessa Italiana Lorena Brusamento, ad alcune domande.

Hai vinto facile? Le tue domande non sono così semplici e veloci! Vincere una gara non è mai facile, né semplice e gare come queste che impegnano molto sia il fisico che la mente sono ancora più da temere. Non è stato facile, non era il mio obiettivo iniziale ad essere sincera.”

E’ vero, la gara è lunghissima e può accadere di tutto, puoi condurre la gare per 20 ore e poi le ultime si possono avere sensazioni negative, lievi sofferenze, pensieri che remano contro, diventa importante focalizzarsi sull’obiettivo, tenere lontano i problemi della vita quotidiana e meditare.

IMG-20170311-WA0008.jpgCom’è andata? “Sono arrivata alla gara dopo un periodo impegnativo e non mi sentivo fisicamente in buone condizioni, ho cercato di fare tutto con molta concentrazione, ascoltando i segnali che il corpo mi mandava, assecondando i bisogni e soprattutto ho cercato di concentrare i pensieri su cose positive.”

Oramai Lorena sembra essere espertissima in questo tipo di competizioni lunghe che ti portano via tante energie mentali, ma quando arrivi al traguardo, nelle ore e nei giorni successivi tutto torna per arricchirti di emozioni e ricchezza di esperienza, e anche incremento di autoefficacia e resilienza.

Soddisfatta, hai sofferto? Ti aspettavi di vincere il titolo? “Sono molto soddisfatta per come ho gestito le 24 ore, la gara e me stessa in quel contesto/momento non buono. Non avevo come obiettivo vincere il titolo, ma testare una condotta di gare in modo diverso dalle precedenti per migliorare il momento crisi notturno che facilmente arriva.”

La gara diventa un banco di prova, un test dopo un periodo di allenamento, un’occasione per conoscersi meglio, per incontrare, affrontare e gestire le eventuali crisi.

Hai avuto momenti critici, problemi, esigenze particolari durante la gara? “Sapevo di non essere nella migliore condizione perciò ho cercato di “prevenire” momenti critici o difficili, curando appunto l’alimentazione e cercando di cambiare ritmo di corsa quando sentivo crescere la “voglia” di rallentare (in questo mi ha aiutato molto seguire per alcuni momenti qualche altro atleta con passo più brillante).”

Correre per 24 ore richiede molta cura nei confronti di se stessi, lo sforzo è enorme e prolungato nel tempo, si ha bisogno di una idonea integrazione alimentare e un’attenzione e osservazione verso se stessi e verso gli altri per comprendere come ci si sente, come far meglio momento per momento.

Avevi abbigliamento e integrazione idonei, ti è mancato qualcosa che non avevi considerato? “Avevo tutto ciò che poteva servirmi e, anche se avessi avuto necessità di qualcosa di diverso, sapevo di poter contare su una organizzazione gara praticamente perfetta.”

IMG-20170311-WA0026.jpgIn gare impegnative di 24 ore dove si va incontro al buio, alla notte, al freddo c’è bisogno di una organizzazione orientata al benessere degli atleti, che devono sentirsi accolti, protetti, coccolati e tanti atleti hanno apprezzato il trattamento privilegiato ricevuto a Cesano Boscone.

Pensieri, sensazioni, emozioni, prima, durante, dopo la gara? “Prima della gara ero nervosa e forse anche un po’ agitata proprio perchè ero consapevole di non essere in condizione buona. Ho cercato di pensare a ciò che mi fa stare bene, ho rivolto la mia attenzione a qualcosa e qualcuno esterno alla corsa, ho capito che il pensare positivo e “bello” avrebbe influenzato positivamente il corpo. Ha funzionato e piano piano mentre le ore notturne passavano lente, ho iniziato a sentirmi meglio e l’emozione per una vittoria ed un titolo che erano lì a portata di mano mi hanno poi portata ad andare avanti con maggiore sicurezza e determinazione.”

A volte non ci si sente in piena forma e diventa importante andare a cercare buone sensazioni sperimentate per esempio in passato, per poter tenere l’autoefficacia a un buon livello per andare avanti e cercare comunque di dare il meglio.

Hai scoperto ancora qualcosa di nuovo in te stessa, negli altri atleti? “Si, ho scoperto anzi ho avuto conferma di quanto siano importanti la testa e la determinazione più ancora della condizione fisica.”

Come vedi le atlete più giovani e le più grandi di te? Ci sono atlete promettenti, nuove leve? “Da tutte ho sempre qualcosa da imparare, più o meno giovani di me! Ci sono sicuramente ottime atlete in crescita.”

IMG-20170312-WA0036.jpgOrganizzata bene la gara, pacco gara, percorso, ristori, premiazioni? “Gara perfetta, curata in ogni dettaglio, dal pacco gara al percorso, al ristoro nel quale cambiava la proposta cibo in funzione dell’ora del giorno e delle ore di corsa trascorse. Una delle cose più belle è stato il tifo che facevano i volontari ad ogni nostro passaggio chiamandoci per nome lungo tutte le ore di gara.

Tifo, sostegno, famiglia, amici, com’era? “In alcuni momenti c’erano parecchie persone a incitare, tifare e guardarci ammirati. In altri momenti, ovviamente, c’erano pochissime persone. Per quanto mi riguarda ho avuto tifo praticamente per tutto il tempo: la mia amica Elena in primis e poi a turno molte delle persone che alleno. Emozionante.”

Il tifo, soprattutto quello delle persone care, diventa un carburante mentale per andare avanti, per attingere proprie energie dai luoghi più nascosti del nostro corpo.

Cambia qualcosa dopo questo titolo? Sponsor, convocazioni? “Non cambia nulla, purtroppo questa specialità non è molto considerata e dunque poco interessante per un possibile sponsor.”

IMG-20170312-WA0063-1.jpgProssime gare, obiettivi a breve, medio, lungo termine? Sogni da realizzare? “Un passo alla volta, per ora mi godo questo risultato!”

E’ possibile approfondire il mondo degli ultrarunner nei seguenti libri:

Matteo SIMONE

380-4337230 – 21163@tiscali.it

ttp://www.ibs.it/libri/simone+matteo/libri+di+matteo+simone.html

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...