Enrico Vedilei, ultrarunner: Già da bambino volevo scoprire i miei limiti

Matteo SIMONE

http://www.psicologiadellosport.net

 

La passione per lo sport, unisce persone, culture e mondi. E tutto passa con il sorriso e con un passo alla volta, quando non si è più competitivi si può continuare a fare sport divertendosi ed in allegria. Enrico è stato un Campione come atleta e come coordinatore della Nazionale Ultratrail.

Enrico si diverte correndo, più corre e più si diverte, più passano gli anni e più diventa un gioco correre per Enrico e giocando e divertendosi mette in tasca gare lunghissime ed impegnative come la mitica Passatore della lunghezza di 100km, ma come dico io “togheter is better”, in compagnia è meglio ed Enrico sa stare e sa correre in compagnia.

Di seguito racconta un po della sua vita dedita allo sport con passione e tanta emozione, come tante altre storie di ultrarunner descritte nel mio libro “Ultramaratoneti e gare estreme“, Prospettiva Editrice, Civitavecchia, Collana: Sport & Benessere, anno 2016, pagine: 298, Brossura.

14102887_1779296452340774_3413841423136077925_o.jpghttps://www.ibs.it/ultramaratoneti-gare-estreme-libro-matteo-simone/e/9788874189441

Cosa significa per te essere ultramaratoneta? “Niente di particolare perché tutto naturale in quando già da bambino volevo scoprire i miei limiti e………credo di esserci in parte riuscito.”

Qual è stato il tuo percorso per diventare ultramaratoneta? “La mia prima gara, a 12 anni, fù di 21km perché in quei tempi (1976) non sapevo che bisognava farne di meno per essere competitivi. Poi l’ho capito e ho cominciato a correre le gare corte e idonee per la mia età. Dopo aver raggiunto i limiti d’età, ho voluto provare a correre la maratona e dopo 5 anni mi sono spinto più in là con l’ultramaratona.”

Da piccolo Enrico non gli bastavo le distanze corte, voleva esagerare, ed ha dovuto aspettare la maggior età per esordire in maratona e fare successivamente l’ingresso nel mondo delle ultra.

14695303_1808500492753703_8204114098024742352_nCosa ti motiva ad essere ultramaratoneta? “La voglia di scoprire e scoprirmi.”

Hai mai pensato di smettere di essere ultramaratoneta? “Fin ora no, di sicuro non mi alleno più come una volta ma la voglia di far fatica è ancora dentro il mio corpo.”

Hai mai rischiato per infortuni o altri problemi di smettere di essere ultramaratoneta? “Ho avuto dei problemi fisici una decina di anni fa che non mi hanno più permesso di allenarmi come una volta, ora corro di meno ma corro lo stesso perché mi diverto e mi piace l’ambiente.”

E’ vero, Enrico si trova dove c’è una gara lunghissima o durissima, è presente come coordinatore di atleti nazionali, come organizzatore di gara, come sponsor, come assistenza, è una presenza.

Cosa ti spinge a continuare ad essere ultramaratoneta? “Mi piace l’ambiente e non c’è lo stress delle gare corte dove si deve correre sempre con il fiato corto e guardare il cronometro.”

Hai sperimentato il limite nelle tue gare? “Non so se posso dire di aver trovato il mio limite ma una volta durante la Spartathlon (246km da Atene a Sparta), al 156°km ero transitato in 18 ore e me ne mancavano 18 per finire la gara ho pensato di avercela fatta perché mio suocero che correva solo la Domenica, la 100km del Passatore la chiudeva in meno di 18 ore. Purtroppo da li a poco ho avuto una crisi di sonno e non riuscivo ad andare avanti, ritirandomi. Forse era il mio limite?”

Quali i meccanismi psicologici ritieni ti aiutano a partecipare a gare estreme? “La consapevolezza che se non è giornata o non vado, rallento o mi ritiro senza nessun problema o giustificazioni. Credo che sia stata una saggia legge che mi ha portato a correre per 40 anni.”

16114392_1849965655273853_7215338973395951480_n.jpgQuale è stata la tua gara più estrema o più difficile? “La mia gara più estrema credo sia stata la 50km dentro le grotte di Stiffe (AQ) dove l’umidità era al 100% e ho dovuto affrontare 17.000 scalini. Mentre la gara più dura è stata il Cammino Inca in Perù dove abbiamo superato 2 passi sopra i 4000mt slm e non avevo fiato per respirare.”

Quale è una gara estrema che ritieni non poterci mai riuscire a portarla a termine? “Conoscendo i miei limiti, tutte quelle gare superiori ai 200km con cancelli orari stretti.”

C’è una gara estremi che non faresti mai? “Mai dire mai ma mi spaventano le gare estreme dove si rischia la vita, come potrebbe essere la Iditaroid in Alaska dove devi percorrere centinaia di km in mezzo alla neve, con temperature gelide e ristori lontani fra di loro. No, credo proprio che non sono le mie gare.”

Cosa ti spinge a spostare sempre più in avanti i limiti fisici? “Oramai non sposto più i miei limiti ma un tempo, quando lo facevo, mi spingeva la voglia di conoscere appunto i miei limiti fisici.”

Cosa pensano i tuoi famigliari ed amici della tua partecipazione a gare estreme? “Senza i miei genitori non starei qui a raccontare la mia storia, mi hanno sempre aiutato. Poi ho trovato una moglie con una famiglia di ultramaratoneti e quindi il gioco è fatto e per noi è tutto naturale.”

13781918_1763959857207767_9145939567806387183_n.jpgChe significa per te partecipare ad una gara estrema? “Prepararmi psicologicamente e fisicamente, documentarmi sul tracciato, sulle condizioni ambientali e sul paesaggio che dovrò affrontare di li a poco. Anche questo è cultura generale che i libri di scuola non potranno mai insegnarti.”

Ti va di raccontare un aneddoto? “Se non correvo non potevo conoscere il Mondo e non potevo conoscere questi personaggi. Ammetto che mi ha dato molto ma molto di più la corsa che i libri di storia perché in conto è studiare controvoglia (come la maggior parte degli studenti) e un discorso è vedere con i propri occhi alcuni posti del mondo. Sono stato dentro le piramidi egizie, sono stato a visitare Machu Picchu, ho visitato le più grandi capitali Europee e alcune del Nord America, ho attraversato il Salar de Uyuni in Bolivia. Tutte queste cose le avevo studiate a scuola ma vederle dal vivo è tutta un’altra storia.”

Cosa hai scoperto del tuo carattere nel diventare ultramaratoneta? “Sembrerà strano ma ho scoperto di essere molto socievole e stare bene in mezzo alla gente, cosa che da piccolo non mi riusciva bene.”

13626548_1756316864638733_8439258811665014794_n.jpgCome è cambiata la tua vita famigliare, lavorativa? “Vivo in una famiglia di ultramaratoneti, anzi mia moglie (più mio suocero e mio cognato) l’ho conosciuta in occasione di un’ultramaratona in Francia. Poi anche il lavoro è collegato al mondo dell’ultramaratona in quanto lavoro con un’azienda francese (Raidlight) specializzata in produzione di abbigliamento e accessori per i podisti, specialmente ultramaratoneti.”

Usi farmaci, integratori? Per quale motivo? “Non uso farmaci ma integratori salini o gel durante la gara per avere un po’ più di energia sotto sforzo.”

Ai fini del certificato per attività agonistica, fai indagini più accurate? Quali? “Sinceramente no anche se con l’avanzare dell’età, sarebbe il caso di farsi qualche controllo più mirato.”

13923416_1770535856550167_8096976033833242560_o.jpgE’ successo che ti abbiano consigliato di ridurre la tua attività sportiva? “Certo che si, nel 2004 il mio medico mi ha detto che avevo le ginocchia logorate e che dovevo smettere di fare gare lunghe. Ho risolto il problema non andando più da quel medico hihihihi. A parte la battuta, con delle scarpe protettive e con alcuni km in meno d’allenamento, ho continuato a correre lo stesso gare lunghe, anche se pian pianino faccio sempre più fatica perché gli allenamenti non sono più come quelli di una volta. Ma non avevo alternativa se volevo continuare a correre ultramaratone.”

Hai un sogno nel cassetto? “I sogni sportivi nel cassetto credo di averli raggiunti in quanto ho vestito 8 volte la Maglia della Nazionale nella specialità della 100km su strada Il sogno nel cassetto attuale sarebbe quello di poter scrivere un libro sulle gare fatte intorno al mondo ma bisogna avere del tempo e anche se avevo cominciato, non riesco mai a concentrarmi per finirlo.”

nazionale-ultratrailEnrico dal 2008 al 2015 è stato Coordinatore Nazionale del settore Ultratrail e dal 2016 collabora con la IUTA nel settore 24 ore di corsa su strada insieme a Vito Intini (coordinatore settore maschile) e Luca Sala (coordinatore settore femminile).

 

Matteo SIMONE

Psicologo, Psicoterapeuta

380-4337230 – 21163@tiscali.it

http://www.psicologiadellosport.net

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...