Carlo Salvetti vince in Val d’Orcia la Tuscany Trail Crossing di 103km D+ 3.220

Matteo SIMONE

 

Carlo Salvetti, atleta ultrarunner della Nazionale Italiana, con il crono di 09h09’43”, vince la Tuscany Trail Crossing di 103km D+ 3.220. Simona Morbelli vince, per la terza volta la prova femminile con il crono di 10h49’25”.

Di seguito approfondiamo la conoscenza di Carlo attraverso risposte ad alcune mie domande.

18076907_1889662561322514_8925669423524056076_o (2).jpgCiao Carlo, complimentissimi per la tua vittoria, se ti va ho qualche domanda per te, com’è andata? Soddisfatto? “Ciao Matteo, la gara è andata bene anche se non secondo i miei piani: i primi 25 km avevo le gambe molto dure ed imballate, al 50esimo ho avuto una fortissimo attacco di dissenteria e l’ultima discesa i polpacci talmente duri che non riuscivo più a correre. Tutto sommato la gara è andata bene anche se 5 minuti di meno li avevo nelle gambe.”

Hai sofferto, momenti critici, problemi, esigenze particolari durante la gara? “Ne ho avuto ma sono stato bravo a gestire la gara ed alimentarmi e bere in modo idoneo.”

C’è poco da fare, se vuoi far bene in gare importanti per lunghezza e durezza del percorso fondamentale diventa la cura dell’alimentazione per assicurarsi che i serbatori muscolari siano sempre abbastanza pieni durante le lunghe gare e i lunghi impegni muscolari e fisici in modo da assicurare benzina fino all’arrivo.”

Avevi abbigliamento e integrazione idonei, ti è mancato qualcosa che non avevi considerato? “Si tutto perfetto e rodato! Ai ristori c’era la mia ragazza, Michela, che mi dava tutto quello che mi serviva (barrette di riso, aminoacidi ed acqua frizzante) oppure i volontari mi riempivano le borracce di acqua naturale.”

L’alimentazione diventa importantissima, un’alimentazione certosina che ti faccia integrare tutte le componenti che servono al benessere dell’organismo e anche alla performance ottimale.

Pensieri, sensazioni, emozioni, prima, durante, dopo la gara? “Prima della gara ero molto teso: erano i miei primi 100 km e non so se ero pronto ad affrontare quella distanza. Durante sono partito con il mio ritmo ed ho pensato a correre e mangiare. Alla fine una grande soddisfazione perché sono quasi riuscito a fare una gara perfetta.”

In gare importanti per lunghezza e durezza del percorso diventa importante una preparazione mirata che ti faccia allenare duramente ma che ti permetta di essere alla linea di partenza pronto abbastanza da affrontare la gara senza troppa stanchezza. Le soddisfazioni nutrono e diventano il carburante motivazione per continuare a impegnarsi in questo sport di endurance.”

Hai scoperto ancora qualcosa di nuovo in te stesso, negli altri atleti? “Devo migliorare ancora nel finale di gara…calo sempre troppo. Gli atleti della 100 km non li ho mai visti mentre quelli della 50 mi facevano il tifo!”

Non si finisce mai di conoscersi e apprendere dall’esperienza, solo gare lunghe ed estenuanti ti permettono di testarti, di capire quanto vali, di capire come distribuisci le energie in attività fisica massimale fino al traguardo, e diventano un punto di partenza per prossime gare più importanti.

Organizzata bene la gara, percorso, ristori, premiazioni? “Gara organizzata benissimo! Il percorso era segnato molto bene ed i ristori erano ai punti giusti riforniti di tutto! I volontari disponibili a darti una mano e le premiazioni con diretta sono state bellissime!”

Tutto ciò contribuisce a compensare la fatica della lunga gara, l’essere accolti e coccolati dagli organizzatori e volontari, il sapere che sono lì per metterti nelle migliori condizioni di recupero contribuisce al benessere dell’atleta, i riconoscimenti sono ben graditi e diventano benzina motivazionale.

Tifo, sostegno, famiglia, amici, com’era? “Come sempre in Toscana il tifo è molto caldo e fa molto piacere! Durante la trasferta mi ha assistito la mia ragazza che è stata fondamentale per darmi sostegno tecnico e psicologico durante la competizione.”

Questa è la bellezza e la purezza dello straordinario, bizzarro e sorprendente mondo degli ultrarunner, mai arrendersi, c’è sempre una soluzione e qualcuno pronto a darti una mano o un pasto. Importante avere una figura cara di riferimento, un ancoraggio che fa il tifo per te, che ti segnali che stai facendo bene, che ti dica: continua così che sei a buon punto, ci sei quasi.

Cambia qualcosa dopo questa prova? “Assolutamente no ma ho avute ulteriori conferme.”

La sua prestazione non può che dargli tanta fiducia per le prossime gare, le conferme diventano mattoncini per incrementare e costruire autoefficacia, per essere più sicuri, per impegnarsi con più convinzione in allenamenti duri e pensare a gare sempre più sfidanti e difficili.

Prossime gare, obiettivi a breve, medio, lungo termine? “Non ho un programma definito al 100% perché dipende da molti fattori extra sportivi, l’unica certezza è la Lavaredo Ultra Trail il 23 Giugno.”

Ultramaratoneti e gare estreme 429-thickbox_defaultPer approfondimenti del fantastico, straordinario, sorprendente e bizzarro mondo degli ultrarunner è possibile consultare il mio libro dal titolo “Ultramaratoneti e gare estreme”, Prospettiva editrice.

http://www.prospettivaeditrice.it/index.php?id_product=357&controller=product

Matteo SIMONE

http://www.mjmeditore.it/autori/matteo-simone

http://www.unilibro.it/libri/f/autore/simone_matteo

https://www.ibs.it/ultramaratoneta-analisi-interminabile-libro-vari/e/9788898615872

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...