Intera squadra di atleti con disabilità visiva alla Staffetta Sport Against Violence

Matteo SIMONE

 

Il 20 Maggio 2017 torna a Roma Sport Against Violence Event con la staffetta 12×1/2 ora, 12 atleti che correranno ognuno mezz’ora in pista di 400 metri, tale staffetta prende il nome di Sport Against Violence, per sensibilizzare alla non violenza attraverso il veicolo dello sport.

18216637_1889092344679789_8262005875605966537_oSi tratta della 10^ Edizione con il Patrocinio del Ministero degli Affari Esteri, Regione Lazio, Roma Capitale e I Municipio di Roma, presso lo Stadio Nando Martellini, Terme di Caracalla, Largo delle Vittime del Terrorismo (Roma).

Questo è lo sport che vogliamo, di tutti e per tutti, condividendo fatica e gioia del traguardo, condividendo il lavoro di squadretta e l’obiettivo raggiunto insieme, dove insieme significa fidarsi dell’altro amico, o concorrente e affidarsi all’altro, amico o squadra.

18238793_1889092928013064_4328800655315787895_oIn tale occasione sarà allestito uno speciale villaggio dello sport per la Pace, che vede riuniti in un’unica giornata atleti, dilettanti, famiglie. Una vera e propria festa dell’inclusione, attraverso il linguaggio universale dello sport, con attività sportive e workshop tra discipline maggiori e minori (atletica, staffetta, pugilato ecc.).

Continua a leggere

Federico Borlenghi, Tuscany Crossing: 4° posto ma si poteva fare meglio

Matteo SIMONE

 

La Tuscany Trail Crossing di 103km D+ 3.220 vede come vincitrice femminile Simona Morbelli per la terza volta con il crono di 10h49’25”. Mentre i primi in assoluto ad arrivare al traguardo sono Carlo Salvetti della Bergamo Stars Atletica in 09h09’43”, Franck Manivoz della Cimalp Hoka Mieltonia in 10h14’47”, Daniele Donna dell’Atl. Franciacorta in 10h17’00”, Federico Borlenghi del Triathlon Cremona Stradivari in 10h34’01”, Stefano Bernini dell’ATL. Fiammecremisi S.Vito in 10h49’12”.

18034172_10208815019239705_8722562254525867557_nFederico ottiene un 4° posto così come il mio libro oggi è al 4° posto nella classifica Bestseller di IBS Libri – Sport – Atletica e sport da campo e da pista – Maratona e corsa campestre.

http://www.prospettivaeditrice.it/index.php?id_product=357&controller=product

E se il mio libro è al 4° posto il merito è anche di tanti atleti disponibili a rispondere a mie interviste e domande, e quindi un grazie anche a Federico Borlenghi di cui parlo a pagina 106 descrivendo lui stesso in occasione della sua vittoria della 1^ edizione della 100km dei Due Mari con partenza da Curinga, giro di boa al Golfo di Squillace ed arrivo sempre a Curinga, dove giunge al traguardo in solitaria con il tempo di 08h25’09” con il vantaggio di circa un’ora sul secondo arrivato. Di seguito approfondiamo la conoscenza di Federico attraverso risposte ad alcune mie domande.

Ciao Federico, se ti va ho qualche domanda per te, com’è andata? “Direi un discreto 4 posto ma si poteva fare sicuramente meglio.”

Ultramaratoneti e gare estreme 429-thickbox_defaultGare lunghissime sono sempre difficili da interpretare soprattutto se ci sono atleti validissimi, conta molto l’aspetto mentale non sai se farti intimorire o se sei tu che devi intimorire gli altri, non sai se agire di attacco epr cercare di sorprenderli e metterli un po’ di tensione o se è il caso di agire cauto e cercare in un secondo tempo di attaccare, insomma sono gare non solo di fatica fisica ma anche di strategia e tecniche per avanzare, per avanzare velocemente, per arrivare tra i primi, per arrivare a premio, per farsi notare dagli osservatori della Nazionale, dagli sponsor, da familiari e amici. Bisogna essere preparti e allenati fisicamente e mentalmente. Conoscersi bene, e anche conoscere gli altri se si vuol puntare al podio.

Soddisfatto? “Non molto è stata una giornata ni.” Continua a leggere

Danilo D’Avack, runner: Animo, animo! E’ diventato il mio mantra!

Matteo SIMONE

 

Lo sport racchiude tanti aspetti, dal gioco al gesto sportivo, dalla forma fisica alla prestanza fisica, dallo stabilire obiettivi da raggiungere, obiettivi difficili e sfidanti ma raggiungibili. Inoltre lo sport è condivisione della fatica, degli allenamenti, delle esperienze di gara dal pre gara a post gara. Lo sport è fatto di incontri, amicizie, squadre, team, eventi.

Di seguito Danilo racconta la sua esperienza di atleta runner rispondendo ad alcune mie domande.

Ti sei sentito campione nello sport almeno un giorno della tua vita? “Sì, alla Maratona di New York 2015. Andai con un amico e prima della gara decidemmo di farla assieme fino al traguardo. Lui andò in crisi circa a metà gara e così mi disse mi andare, ma io decisi di rimanere accanto a lui così da arrivare assieme al traguardo di Central Park.”

12928246_10209574021136325_7501696470992700713_nQual è stato il tuo percorso nella pratica sportiva? “Da bambino ho praticato nuoto fino all’adolescenza. Poi passai alla pallanuoto. In età adulta ho praticato la mountain bike e ormai corro da 20 anni circa.”

Quali sono i fattori che contribuiscono al benessere e performance nello sport? “Secondo me il fattore principale è lo “star bene” con se stessi.”

C’è qualcuno che contribuisce al tuo benessere e performance nello sport? “Al momento no.”

Continua a leggere