Danilo D’Avack, runner: Animo, animo! E’ diventato il mio mantra!

Matteo SIMONE

 

Lo sport racchiude tanti aspetti, dal gioco al gesto sportivo, dalla forma fisica alla prestanza fisica, dallo stabilire obiettivi da raggiungere, obiettivi difficili e sfidanti ma raggiungibili. Inoltre lo sport è condivisione della fatica, degli allenamenti, delle esperienze di gara dal pre gara a post gara. Lo sport è fatto di incontri, amicizie, squadre, team, eventi.

Di seguito Danilo racconta la sua esperienza di atleta runner rispondendo ad alcune mie domande.

Ti sei sentito campione nello sport almeno un giorno della tua vita? “Sì, alla Maratona di New York 2015. Andai con un amico e prima della gara decidemmo di farla assieme fino al traguardo. Lui andò in crisi circa a metà gara e così mi disse mi andare, ma io decisi di rimanere accanto a lui così da arrivare assieme al traguardo di Central Park.”

12928246_10209574021136325_7501696470992700713_nQual è stato il tuo percorso nella pratica sportiva? “Da bambino ho praticato nuoto fino all’adolescenza. Poi passai alla pallanuoto. In età adulta ho praticato la mountain bike e ormai corro da 20 anni circa.”

Quali sono i fattori che contribuiscono al benessere e performance nello sport? “Secondo me il fattore principale è lo “star bene” con se stessi.”

C’è qualcuno che contribuisce al tuo benessere e performance nello sport? “Al momento no.”

“Al momento no” è un affermazione che mi piace, consiglio alle persone di anteporre in quello che fanno o dicono la parola “ora”, ora mi piace, ora non mi piace, ora voglio fare questo, ora non voglio fare quello, ora sto bene, ora non sto bene. Perché tutto cambia, tutto passa, tutto ha un inizio e una fine, tutto si evolve, quindi anche i problemi come le passioni e anche le crisi come vengono così se ne vanno, è solo questione di tempo e di sapere come coltivare una passione o come affrontare un problema o una crisi. Importante è focalizzarsi sul momento presente e comprendere i nostri bisogni ed esigenze per poter mobilitare energie utili per soddisfare questi bisogni ed esigenze o raggiungere mete e obiettivi, sempre partendo dal momento presente, e sempre pronti a rimodulare obiettivi e salire sull’onda del cambiamento.

Cosa pensano i tuoi famigliari ed amici della tua attività sportiva? “Per fortuna mia moglie mi appoggia completamente. I miei famigliari e amici a volte mi dicono che sono un pazzo!”

Avere una passione è salutare, crea benessere, aiuta ad avere un investimento emotivo, fisico, mentale, coltivare una passione diventa importante e a volte si rischia di essere incompresi dagli altri. La pazzia appartiene al non ordinario, a qualcosa che non si conosce.

11214102_581896821958950_4394850027863371147_n (2)Ti va di descrivere un episodio curioso o divertente della tua attività sportiva? “Maratona di Roma 2016. Giunto esausto all’arrivo varco l’arco del traguardo. Dopo pochi passi ci sono i volontari che ti consegnano il telo termico e la medaglia di finisher. Quando la volontaria si accinge a mettermi la medaglia al collo mi accorgo che guardandomi ad altezza del petto sgrana gli occhi, ma non do troppo peso alla cosa, data la stanchezza. Soltanto più tardi, spogliandomi, mi rendo conto che la mia canottiera bianca di gara era praticamente diventata rossa di sangue all’altezza dei capezzoli! Io non provavo dolore durante la gara e non me ne ero accorto. Mi ero dimenticato alla partenza, di mettere la vasellina, ero particolarmente agitato!”

Cosa hai scoperto del tuo carattere nel praticare sport? “Ho scoperto di avere una caparbietà notevole che mi ha aiutato in gara a superare i momenti di crisi più duri e difficili.”

Quali sono le capacità, caratteristiche, qualità che ti aiutano nel praticare il tuo sport? “Continuare a divertirsi nel gesto sportivo, fare il gesto sportivo in compagnia, misurarsi con se stessi, porsi sempre un obiettivo sfidante.”

Che significato ha per te praticare il tuo sport? “Sentirsi in pace durante il gesto sportivo quando corro in aperta natura. Sentirsi bene nel tuo corpo dopo il gesto sportivo.”

13346904_10209973394000397_867618695441826893_n.jpgLo sport a volte è come una medicina, può capitare di non essere intenzionato a fare un’uscita di allenamento ma poi in qualche modo ti convinci o ti coinvolge qualcuno, e durante l’allenamento ne hai giovamento per sentire sensazioni di attivazione piacevole, per sentirti vivo occupando, e anche dopo la seduta di allenamento capita che senti giovamento per esserti messo in moto.

Quali sono le sensazioni che sperimenti nello sport? “Ammirare la bellezza della natura quando mi trovo da solo nella pratica dello Trail Running.”

Quali sono le difficoltà, i rischi, a cosa devi fare attenzione nella pratica del tuo sport? “Le difficoltà principali sono gestire il proprio corpo per evitare gli infortuni e calibrare gli obiettivi. Scegliere obiettivi troppo sfidanti può essere molto controproducente.”

Praticare sport diventa un alchimia, bisogna trovare un sano equilibrio, capire cosa ti fa star bene se correre su strada o nei parchi o in montagna, partecipare a gare standard ordianarie o provare ad alzare l’asticella e sperimentarti in trail, ultratrail, ultramaratone. Bisogna monitorarsi sempre, interrogare se stesso e parti di se stesso, muscoli, articolazioni, tendini, organi, chiedere loro come sta andando se se la sentono di continuare ad allenarsi o hanno bisogno di riposo e coccole.

Quali sono le condizioni fisiche o ambientali che ti ostacolano nella pratica del tuo sport? “Praticamente non mi trovo mai in condizioni fisiche o ambientali che mi ostacolano nel praticare la corsa. A meno di infortuni gravi corre sempre con freddo, neve, pioggia o caldo torrido!”

Cosa ti fa continuare a fare attività fisica, hai rischiato di mollare di fare sport? “Continuo a praticare la corsa perché, dopo tanti anni, ancora mi piace tantissimo!”

Quale può essere un messaggio rivolto ai ragazzi per avvicinarsi al tuo sport? “Lo sport è libertà, lo sport è la fermata del bus. Tu sali e lui ti porta. Sta a te decidere a quale fermata scendere.”

A volte è lo sport che chiama, che ti coinvolge, che ti ipnotizza, che ti cattura, e tu felicemente ti lasci trasportare nel vortice della fatica.

Ritieni utile la figura dello psicologo dello sport? Per quali aspetti ed in quali fasi? “Ritengo di sì, anche se non ne ho mai avuto uno. Nel mio caso mi rivolgerei ad uno psicologo dello sport per curare le mie debolezze, per esempio la mia innata mancanza di competitività in gara e il fatto che buco spesso gli obiettivi di tempo in gara.”

Importante sviluppare consapevolezza, e capire i propri bisogni, potrebbe essere che non tutti sono fatti per essere competitivi e in questo caso bisogna mollare e lasciare agli altri i tempi, il crono, la classifica, qualcuno può avere le caratteristiche per sentirsi cane sciolto senza competizioni, sperimentando solamente la fatica, i percorsi vari e diversi, salite e discese, albe e tramonti.

12196014_10208373194396407_6973054217866903499_n (2)Quali sono i prossimi obiettivi, sogni che hai realizzato e da realizzare? “Per quanto riguarda la corsa uno dei sogni che ho realizzato è stata la Maratona di New York. Riguardo l’alpinismo il sogno è stato raggiungere il mio primo 4000, il Monte Rosa. I prossimi obiettivi per quest’anno sono due: il 17 giugno parteciperò alla prima edizione della Stelvio Marathon, 2350m di dislivello, da Prato allo Stelvio fino al Passo dello Stelvio 2760m. Mentre a novembre andrò ad Atene per la Maratona, sperando di arrivare alla fine al traguardo mitico nello stadio Panathinaiko!”

Sei consapevole delle tue possibilità, capacità, limiti? “Assolutamente sì!”

Quanto ti senti sicuro, quanto credi in te stesso? “Sicuro mi sento abbastanza, credere in me stesso è forse il mio limite maggiore.”

Qual è una tua esperienza che ti dà la convinzione che ce la puoi fare? “L’ascesa del Monte Rosa a quota 4.554 slm!”

Quali sono le sensazioni relative a precedenti esperienze di successo? “Non tanto battere un amico in gara, ma battere un tuo PB in gara ti dà una gioia grandissima. Mi ricordo due anni fa alla Maratona di Milano feci il mio PB sulla distanza. Ero al settimo cielo!”

C’è una parola o una frase detta da qualcuno che ti aiuta a crederci ed impegnarti? “Sì. Quando feci la Mezza Maratona di Valencia, il pubblico ai lati ti incitava sempre, dal top runner al tapascione. E sentivo sempre questa parola ripetuta due volte “Animo, animo!”. E’ diventato il mio mantra!”

Importante avere un mantra, una parola, una frase, a volte serve per essere stimolati, per andare avanti, per andare più forte, per rendersi conto che si sta in gara, che si è vivi.

Come hai superato eventuali crisi, infortuni, sconfitte, difficoltà? “Con la caparbietà, rimettendo tutto in discussione e ripartendo da zero.”

Bisogna sempre cercare di riprendersi e ritornare alla quotidianità prima e poi alla straordinarietà, questo è resilienza, qualsiasi cosa succede, vedo, osservo, chiedo, faccio, ma ritornerò.

 

Matteo SIMONE

http://www.unilibro.it/libri/f/autore/simone_matteo

http://www.ibs.it/libri/simone+matteo/libri+di+simone+matteo.html

https://www.ibs.it/ultramaratoneta-analisi-interminabile-libro-vari/e/9788898615872

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...