Loris Cappanna, non vedente: Lo sport mi ha dato nuovi stimoli e opportunità

Matteo SIMONE

www.psicologiadellosport.net

 

Nel 2017 Loris ottiene a marzo il titolo italiano categoria T11 nella Mezza maratona di Oristano 21km in 1h25’34’’ e successivamente ad Aprile ottiene il titolo italiano categoria T11 nella Maratona di Roma in 3h13’’.

Di seguito approfondiamo la sua conoscenza attraverso risposte ad alcune mie domande.

18740022_10210067915871460_1167949071545052879_n.jpgIn che modo lo sport ha contribuito al tuo benessere? “Lo sport mi ha dato nuovi stimoli ed opportunità.”

Nel tuo sport quali sono le difficoltà ed i rischi, a cosa devi fare attenzione? “Essendo cieco totale più che stare attento io devono stare attente le mie guide, anche se devi comunque fare sempre attenzione ai rumori che ti circondano.”

Diventa importante nello sport, soprattutto per Loris, affidarsi e fidarsi, farsi guidare da qualcun’altro, da un altro atleta guida che condivide le sensazioni dello sport, che comprendono sia benessere che performance. Lo sport ti rimette al mondo.

Quali sono le condizioni fisiche o ambientali che più spesso ti hanno indotto a fare una prestazione non ottimale? “L’eccessivo caldo o percorso non adatto ad atleti disabili.”

Cosa e quali persone hanno contribuito al tuo benessere nello sport o alla tua performance? “Atleti guida sicuramente ed il mio preparatore atletico.”

Atleti guida diventano angeli di atleti non vedenti o ipovedenti, ti guidano, ti portano, si occupano di te, sono apprensivi, fanno attenzione, non possono distrarsi.

Qual è stata la gara della tua vita, dove hai sperimentato le emozioni più belle? “Ogni gara è un’emozione unica però l’emozione più forte è stato quando ho fatto il pacer alla maratona dell’Alzheimer.”

18767454_10210079846409716_8836731041927309265_nAvere la responsabilità della prestazione di un altro atleta può comportare una sensazione di ansia, di insicurezza, si tratta di far bene per l’altro, di non poter fallire, ma se c’è cuore, se c’è passione, se c’è motivazione, non ti preoccupi, ti metti scarpe e completino e dai il massimo di te per l’altro, per condurre l’altro all’arrivo nel tempo prefissato.

Quali i meccanismi psicologici ritieni ti abbiano aiutano nello sport? “La volontà di raggiungere l’obiettivo e di non mollare mai.”

Questo è lo sport che vogliamo, prefissarsi una meta, un obiettivo e impegnarsi, allenarsi duramente, crederci e non mollare.

18893229_10210079846249712_2992742532399013601_n.jpgI tuoi famigliari ed amici cosa dicono circa il tuo sport? “Ne sono positivamente entusiasti ed alle volte anche increduli quando pensano alla quantità di km che faccio ogni settimana.”

Familiari e amici non possono che essere contenti della scoperta di un nuovo mondo dedicato allo sport performante che fa sperimentare benessere e sensazioni impagabili.

Ti va di descrivere un episodio curioso o divertente della tua attività sportiva? “Le prime volte che correvo, ancora nessuno mi conosceva, alcuni arrivando da dietro vedevano il cordino che mi lega all’atleta guida e si affiancavano chiedendo: “… ma siete gay? …” o domande simili, il divertimento stava nel cercare sempre la risposta migliore.”

Ora sono in aumento atleti non vedenti e ipovedenti che corrono accanto a guide atleti, le persone si stupiscono sempre di meno, certo resta l’incredulità.

Cosa hai scoperto di te stesso nel praticare attività fisica? “Che ho forza e volontà da vendere.”

Quali sensazioni sperimenti o hai sperimentato nello sport: allenamento, pregara, gara, post gara? “L’emozione della partenza, l’adrenalina che ti sale in gara, la soddisfazione all’arrivo qualunque sia il risultato.”

IMG-20170602-WA0058L’ho visto recentemente Loris in occasione della Spring Run a Ferrara dove lui era testimonial, l’ho visto riscaldarsi con la guida, fare gli allunghi, sempre disponibile e gentile a farsi fotografare con amici che glielo chiedevano, e poi alla partenza ascoltare le indicazioni della sua guida atleta concludendo la gara di 7km a 3.50’ al km.

Quale è stata la tua gara più difficile? “La Rimini – San Marino con 3 pendenze oltre il 20% (d’altronde il primo non vedente a farla ancora mancava).”

Loris è uno tosto che ama osare un po’ per volta, per aprire nuove strade e nuovi percorsi, per tracciare la strada ad altri.

Hai rischiato di incorrere nel doping? C’è un messaggio che vorresti dare per sconsigliare il doping? Assolutamente non ci ho mai pensato, il duro lavoro, il sacrificio e bei piatti di pasta asciutta sono il miglior doping del mondo.

Riesci ad immaginare una vita senza lo sport? “Assolutamente no.”

15823070_10208812127997548_3187273857480168655_nCome hai gestito eventuali crisi, sconfitte, infortuni? “Nel modo più semplice possibile, ritenendole come opportunità per migliorarmi.”

Pensi che potrebbe essere utile lo psicologo dello sport? In che modo e in quali fasi? “Si potrebbe essere utile, soprattutto nei giorni pregara dove tutti i dubbi ti assalgono.”

Quale messaggio vuoi rivolgere ai ragazzi per farli avvicinare a questo sport? “Preferisco considerare tutti gli sport come un mezzo di aggregazione, contatto con il mondo esterno, acquisizione di regole e soprattutto un modo di socializzare alternativo ai social.”

Quali sono i sogni realizzati? “Aver inaspettatamente vinto i campionati italiana di mezza maratona e maratona paralimpica.”

Affidarsi e fidarsi, è quello che si può sperimentare nello sport, è quello che si sperimenta correndo e camminando con gli atleti con disabilità visiva.

 

 

Matteo SIMONE

380-4337230 – 21163@tiscali.it

www.psicologiadellosport.net/eventi.htm

http://www.ibs.it/libri/simone+matteo/libri+di+simone+matteo.html

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...