Francesco Di Pierro, 100km: Più lunga è la distanza più la corsa mi rilassa

Matteo SIMONE

 

Più è lunga la distanza e meno si è competitivi con gli altri ma si tratta di sfide con se stessi, diventa importante non più il cronometro quanto portare a termine la gara e se stai a pensare ai ritmi che saltano, ai minuti al chilometro diventi nervoso, si tendono i muscoli, ti viene mal di pancia, ti viene da vomitare, e allora meglio buttare gli orologi per gli amatori e vivere l’esperienza sentendo le sensazioni di gioia e fatica condivisa.

Di seguito Francesco che non avevo riconosciuto a Roma nel corso della maratona, racconta le sue impressioni rispondendo ad alcune mie domande.

Gara di 100km del Passatore, cosa significa per te? “La 100 km del Passatore è una bellissima festa, un luogo di incontro con tantissimi amici.”

FB_IMG_1496351393167E’ un appuntamento da non mancare, è una fiera delle ultra, ognuno si presenta con i propri amici e la propria squadra per far parte di questa carovana di persone che attaversa paesi e città, salendo e scendendo per strade, fermandosi a ristori e a cambiarsi per il caldo o il freddo.

Hai avuto particolari problemi, difficoltà, momenti critici? “Quest’anno la prima parte di gara è stata caratterizzata dal caldo estremo, ma l’ho gestita tenendo un ritmo inferiore a quello che l’allenamento mi avrebbe permesso di mantenere sino alla Colla, cosa che mi ha permesso dopo di finire la gara in scioltezza, arrivando un quarto d’ora prima (dodici ore e cinquantacinque) di quanto mi ero immaginato.”

FB_IMG_1496351310059In scioltezza sembra essere un parolone ma rispetto a persone che si trascinano, arrivare correndo significa essere ancora sciolti, avere ancora energie residue da consumare fino allo striscione del traguardo poi ci sarà sempre qualcuno pronto a raccogliere gli alteti dopo aver varcato il traguardo.

Come decidi obiettivi e strategie di gara, team, famiglia, amici, figure professionali? “Gli eventi a cui partecipo li scelgo in base alla bellezza del percorso in cui si svolgono, o per accompagnare amici che intendono parteciparvi.” Continua a leggere

Annunci

Vincenzo Santillo, 100km Passatore: 6 mesi prima a sperare e 6 mesi dopo a gioire

Matteo SIMONE

www.psicologiadellosport.net/

 

La 100km del passatore, gara di corsa a piedi con partenza a firenze e arrivo a Faenza, tutti la temono e tutti la vogliono, diventa un progetto ambito e sfidante, una volta fatta la maratona diventa l’obiettivo di molti maratoneti, una volta nella vita la vogliono provare e quando la provano c’è chi si accontanta e le basta una e chi se la vuol godere ogni anno, diventa come una ciliegia una tira l’anno, come il grande Fagnani che a 93 anni ha concluso la sua 44^ edizione.

18838969_1397897650301122_6026108538233498313_n.jpgDi seguito vincenzo racconta le sue impressini e la sua esperienza di runner rinato atttraverso la corsa e le lunghe distanze, risondendo ad alcune mie domande.

Ciao, gara di 100km del Passatore, cosa significa per te? “Posso dire che in due edizioni che ho partecipato è stata una gara che ne parlo un anno, 6 mesi prima a sperare e 6 mesi dopo a gioire.” Continua a leggere

Matteo Nocera: Campionato Italiano 100 miglia, spero di essere competitivo

Matteo SIMONE

www.psicologiadellosport.net/

 

Campionato Italiano 100 miglia, non si tratta di una gara in auto, né in moto e nemmeno in bici, ma di una gara di corsa a piedi dove è difficile prepararsi, è difficile testarsi, dove la gara è lunga e ne succedono delle belle durante tutto il corso della gara, difficile da reggere fisicamente e mentalmente. I concorrenti sono mesi a dura prova.

Matteo Nocera, quasi neofita delle lunghe distanze avendo vinto quest’anno due gare di 6 ore totalizzando rispettivamente 76 e 78 km ci vuol provare nella lunghissima distanza, di seguito racconta le sue sensazioni, impressioni ed esperienza di avvicinamento al grande giorno.

Ciao, quali sono i prossimi obiettivi, sogni da realizzare? “Giovedì sarò a Policoro per il Campionato italiano sulle 100miglia, cercherò di fare una gara equilibrata e spero di essere competitivo per un buon risultato finale.”

18057656_1114793125333524_1090121366669239980_n.jpgL’equilibrio diventa importante, si tratta di stare su una fune, in quanto non si può sapere dall’inizio quale potrebbe essere il ritmo migliore, troppo veloce si rischia un crollo durante la gara o prima della fine, ma non si può nemmeno andare troppo piano se si vuol sperare in un piazzamento in alta classifica.

Sensazioni, emozioni, pensieri prima, della prossima gara importante? “Le sensazioni sono buone. Quest’anno da ogni gara sto scoprendo sempre qualcosa di nuovo. Sono concentrato.”

Importante avere la coscienza a posto essere sereno, responsabile e focalizzato verso la gara obiettivo.

Quali saranno le strategie di gara? “Partirò regolare e credo sia d’obbligo 162km sono tanti per tutti…!”

Ti consigli con un team? Famiglia, amici, figure professionali? “Si il mio team mi sta aiutando tanto… anzi colgo l’occasione per salutare tutti i miei compagni si squadra della Napoli nord che mi hanno sempre sostenuto.”

FB_IMG_1496467701847.jpgImportante far parte di un team che ti supporta, ti sostiene, fa il tifo per te, ti accoglie. Le energie vengono dappertutto, di persona, telefonicamente coi pensieri positivi.

E’ cambiato nel tempo il tuo modo di preparati a gare importanti? “Mia moglie Concetta mi aiuta tanto dal punto di vista della gestione fisica e delle gare… è una fisioterapista e mi tratta lei da questo punto di vista.”

Utilizzi una preparazione mentale pre gara? “La preparazione mentale è importante. Molto. Sono concentrato.”

Coccole e autoprotezione hanno posto nella tua preparazione o nel pre gara? “Si, sentire l’affetto di tante persone è importante. Quest anno dopo aver vinto le prime 2 ultra della stagione tanti appassiomati soprattutto ultrarunner del sud mi hanno sempre fatto sentire il loro calore… tipico meridionale.”

Hai un tuo idolo, modello di riferimento, ti ispiri a qualcuno? “Mi ispiro a me stesso… nel senso che ho le mie caratteristiche e punto su quelle.”

Qual è una tua esperienza che ti dà la convinzione che ce la puoi fare? “Beh, ci sono tanti ultrarunner forti e hanno più esperienza di me. Ma so che ho lavorato bene. Ci proverò.”

C’è qualcuno che contribuisce al benessere e performance nello sport? “Si. Al benessere e alle performance contribuiscono la mia famiglia e spero di dare qualche bella soddisfazione a mio papà che mi segue da tanti tanti anni…!”

Cosa hai scoperto del tuo carattere che ti aiuta nel prepararti e affrontare gare importanti? “Il mio carattere è sicuramente deciso. Se amo raggiungere un obbiettivo sono testardo e cerco di fare tutto quello che è possibile fare per raggiungere il traguardo finale.”

Quali sono le capacità, caratteristiche, qualità che ti aiutano in gare importanti? “Le caratteristiche che ti aiutano per quanto mi riguarda sono tanta concentrazione e le gambe (sperando che mi reggano…) scherzo…!”

Quale può essere un messaggio rivolto agli organizzatori della prossima gara? “Ho parlato più volte al tel con l’organizzatore Pasquale Brandi… molto disponibile… non ha bisogno di consigli.”

17523015_10208615439719200_8172273002827578310_n.jpgRitieni utile la figura dello psicologo dello sport prima di una gara importante? “È soggettivo.. io (e non per campanilismo…) ho trovato molto utile alcuni passaggi del libro Ultramaratoneti e gare estreme scritte da uno psicologo che ho avuto il piacere di conoscere a Roma. Lo ringrazio per tante piccole cose e credo che bisogna saper leggere tra le sue parole…! Forse sono un po’ di parte… grazie Matteo a presto verrò a Roma appositamente per salutarti, molto presto.”

E’ in uscita il libro Maratoneti e ultrarunner. Aspetti psicologici di una sfida.

https://www.edizioni-psiconline.it/anteprime/maratoneti-e-ultrarunner-aspetti-psicologici-di-una-sfida.html

 

Matteo SIMONE

www.psicologiadellosport.net/eventi.htm

http://www.ibs.it/libri/simone+matteo/libri+di+matteo+simone.html

https://www.ibs.it/ultramaratoneti-gare-estreme-libro-matteo-simone/e/9788874189441

Giuseppe Tripari, Gara di 100km: Il Passatore ha un sapore unico

Matteo SIMONE

www.psicologiadellosport.net/

 

Si respira un’aria particolare di festa in occasione delle ultramaratone e in particolare in occasione del Passatore, un lungo treno di corridori che si portano da Firenze a Faenza, alcuni scortati da bici, moto, auto, e altri da soli a gruppetti avanzano verso i 1.200 metri del Paso della colla per poi lanciarsi in picchiata in discesa proseguendo verso Faenza e incontrando passanti e spettatori fino a che tramonta il sole e ai ristori puoi trovare un po’ di alimenti e bevande per integrarsi e continuare il lungo viaggio di 100km fino all’arrivo.

FB_IMG_1496688733390.jpgDi seguito Giuseppe, uno dei partecipanti, racconta la sua esperienza e le sue impressioni rispondendo al alcune mie domande, ho avuto modo di conoscerlo in occasione della 50km in Abruzzo.

Gara di 100km del Passatore, cosa significa per te? “Per me il Passatore ha un significato particolare: è stata la mia prima ultramaratona a cui ne sono seguite moltissime altre. Quest’anno ho corso il mio ottavo Passatore, anche se il mio personale (8h 50min) risale al 2015. Il Passatore ha un sapore unico come percorso in linea (si parte nel primo pomeriggio nel cuore di Firenze e, dopo aver scollinato il passo della Colla a circa 1200 mt di altitudine, ci si lancia in discesa per poi, quando ormai la luce del sole ha lasciato spazio a quelle delle automobili, percorrere gli ultimi trenta km in pianura per raggiungere Faenza nel pieno della notte) e come pubblico che acclama i concorrenti ad uno ad uno lungo tutto il percorso improvvisando dei piccoli gruppi intorno ai fuochi (dove non mancano le braciole e i calici di Lambrusco offerti anche a noi corridori!!). Davvero un’atmosfera unica.”

Hai avuto particolari problemi, difficoltà, momenti critici? “Certamente, tra noi corridori circola il detto che in una 100 km così severa la crisi non è una sola ma se ne contano almeno tre/quattro. Personalmente ho sempre patito il primo tratto che porta da Firenze centro a Fiesole, sempre in costante salita e in genere sempre sotto un sole cocente. I primi anni andavo in crisi nella super salita del passo della Colla questo a causa di scarsa preparazione specifica nell’affrontare dislivelli impegnativi. Con il tempo ho maturato esperienza e quando posso in allenamento inserisco sedute con salite, cosa non del tutto agevole per uno che abita a Buccinasco dove la salita più dura è il cavalcavia che oltrepassa la Tangenziale Ovest da una parte all’altra; quante volte l’ho ripetuta.” Continua a leggere