Giuseppe Tripari, Gara di 100km: Il Passatore ha un sapore unico

Matteo SIMONE

www.psicologiadellosport.net/

 

Si respira un’aria particolare di festa in occasione delle ultramaratone e in particolare in occasione del Passatore, un lungo treno di corridori che si portano da Firenze a Faenza, alcuni scortati da bici, moto, auto, e altri da soli a gruppetti avanzano verso i 1.200 metri del Paso della colla per poi lanciarsi in picchiata in discesa proseguendo verso Faenza e incontrando passanti e spettatori fino a che tramonta il sole e ai ristori puoi trovare un po’ di alimenti e bevande per integrarsi e continuare il lungo viaggio di 100km fino all’arrivo.

FB_IMG_1496688733390.jpgDi seguito Giuseppe, uno dei partecipanti, racconta la sua esperienza e le sue impressioni rispondendo al alcune mie domande, ho avuto modo di conoscerlo in occasione della 50km in Abruzzo.

Gara di 100km del Passatore, cosa significa per te? “Per me il Passatore ha un significato particolare: è stata la mia prima ultramaratona a cui ne sono seguite moltissime altre. Quest’anno ho corso il mio ottavo Passatore, anche se il mio personale (8h 50min) risale al 2015. Il Passatore ha un sapore unico come percorso in linea (si parte nel primo pomeriggio nel cuore di Firenze e, dopo aver scollinato il passo della Colla a circa 1200 mt di altitudine, ci si lancia in discesa per poi, quando ormai la luce del sole ha lasciato spazio a quelle delle automobili, percorrere gli ultimi trenta km in pianura per raggiungere Faenza nel pieno della notte) e come pubblico che acclama i concorrenti ad uno ad uno lungo tutto il percorso improvvisando dei piccoli gruppi intorno ai fuochi (dove non mancano le braciole e i calici di Lambrusco offerti anche a noi corridori!!). Davvero un’atmosfera unica.”

Hai avuto particolari problemi, difficoltà, momenti critici? “Certamente, tra noi corridori circola il detto che in una 100 km così severa la crisi non è una sola ma se ne contano almeno tre/quattro. Personalmente ho sempre patito il primo tratto che porta da Firenze centro a Fiesole, sempre in costante salita e in genere sempre sotto un sole cocente. I primi anni andavo in crisi nella super salita del passo della Colla questo a causa di scarsa preparazione specifica nell’affrontare dislivelli impegnativi. Con il tempo ho maturato esperienza e quando posso in allenamento inserisco sedute con salite, cosa non del tutto agevole per uno che abita a Buccinasco dove la salita più dura è il cavalcavia che oltrepassa la Tangenziale Ovest da una parte all’altra; quante volte l’ho ripetuta.”

Tutto sta a conoscerli i problemi, una volta che scopri di che si tratta cerchi di ovviare preparandoti bene per affrontarli, gestirli, aggirarli, superarli. Ci si allena a tutto.

FB_IMG_1496691436463Come decidi obiettivi e strategie di gara, team, famiglia, amici, figure professionali? “Nell’ambiente ho veramente tantissimi conoscenti, molti dei quali sono veri amici; e mi riferisco a tutto il gruppo dell’Happy Runner di Milano, mia attuale società di appartenenza, e al gruppo della Podistica San Giovanni a Piro, mio club di origine, dove conosco tutti e dove con moltissimi abbiamo vissuto i migliori anni dell’infanzia. Ho un profilo social e qui i contatti sono innumerevoli. La mia famiglia (mia moglie Caterina e le mie due figlie Martina e Federica) mi è sempre stata vicina appoggiando in ogni modo i progetti e non facendomi pesare niente. Non posso che ringraziarli ancora una volta per la pazienza e affetto. Gli obiettivi li gestisco generalmente in modo autonomo, nel senso che fisso 3-4 appuntamenti chiave (che possono essere il Passatore, Nove Colli o la Spartathlon, o un campionato nazionale di 6, 12 o 24 ore, e una maratona estera di prestigio) e poi tutte le altre competizioni hanno come finalità la preparazione di questi appuntamenti. Figure professionali di grandissima importanza sono alcuni medici/fisiatri/fisioterapisti, dell’Ospedale San Paolo (dove lavoro) che sono sempre disponibile in caso di problemi. Li ringrazio moltissimo per la loro elevata formazione e professionalità; il loro contributo è sempre stato di fondamentale importanza. Grazie veramente!”

FB_IMG_1496691409778.jpgRispondere a questo questionario diventa una buona occasione per ringraziare un po’ tutti, amici, familiari e persone che si occupano della nostra salute, della nostra preparazione, che ci permettono di sperimentare benessere e performance attraverso lo sport.

Con l’esperienza è cambiato il tuo modo di allenarti? “Per allenarsi non serve molta esperienza ma solo voglia di soffrire, di sacrificarsi e di fare una scaletta delle priorità giorno dopo giorno. Con l’esperienza ho imparato, o sto perlomeno cercando di farlo, ad ascoltare gli stimoli che il corpo ci trasmette ogni qualvolta si fa uno sforzo fisico più o meno intenso e prolungato. Uno dei miei limiti è sempre stato quello di voler strafare, di non mettere da parte un appuntamento anche se in condizioni fisiche non al top. Adesso, anche se ancora a fatica, ho capito quando è il momento di fermarsi. Nel tempo ho imparato che spesso il riposo, o il riposo attivo, è più utile a lungo termine di un allenamento massacrante. L’esperienza insegna ad ascoltare il proprio corpo e a seguire i suoi dettami.”

E’ vero a volte è importante fermarsi, per recuperare, per aspettare di recuperare bene per ripartire alla grande con più consapevolezza delle proprie capacità e dei propri limiti.

copertina-maratoneti-e-ultrarunner-sitoCuri la preparazione mentale? Coccole e autoprotezione hanno posto nella tua preparazione o nel post gara? “Mentalmente non seguo nessun protocollo, sono istintivo, non mi faccio problemi che non esistono; devo fare un lunghissimo di 6 ore? Lo affronto con tranquillità e senza ansie. Vivo alla giornata cercando di trovare lo spazio per la mia grande passione molte volte mi faccio in quattro pur di passare un oretta con le scarpette.”

Si è capito che le coccole per Giuseppe così per molti ultrarunner sono proprio le ore passate facendo sport, mettersi le scarpette ai piedi e uscire per una corsetta di un’ora o 6 ore diventa una grande coccola, un tempo per sé, qualcosa che ti fa sperimentare grande benessere psicofisico.

Quali sono le sensazioni sperimentate prima, durante e dopo la gara? “Per un corridore di endurance le sensazioni che si provano dopo una corsa di svariate ore sono uniche e indescrivibili. Sei stanco morto, disidratato, affamato, assetato, con i muscoli di pietra, ma nel circolo sanguigno ci sono tassi di endorfine che provocano un senso di calma, di appagamento e di benessere totale. Durante le gare, a differenza di molti colleghi che usano le cuffiette con musica per distrarsi, sono concentrato sulla competizione, teso ad ascoltare le reazioni del mio corpo e a controllare la cadenza tenuta. Nel pre gara, soprattutto se si tratta di gare di un certo livello agonistico, non nascondo di essere un po’ nervoso; ma basta la battuta dell’amico di turno per smorzare i toni e ingannare l’attesa del colpo di pistola.”

Chiamateli pure masochisti ma dietro e dopo una gara di endurance c’è un mondo, ci sono sensazioni vere, c’è la vera vita, bisogna provarlo per crederlo e apprezzarlo. Altro che pazzia, a volte la cura diventa l’ultramaratona, sempre con cautela e attenzione.

FB_IMG_1496691427271.jpgHai un tuo idolo, modello di riferimento, ti ispiri a qualcuno? “Sono juventino nel midollo e potrei citare la formazione che tra poche ore si giocherà la champions. Mi piace il calcio, lo segue sempre con grande interesse e passione smodata. All’inizio della mia carriera seguivo molto l’amico Gerry Di Napoli ma sinceramente se devo fare il nome di uno sportivo-modello la scelta cade obbligatoriamente su Giorgio Calcaterra che ha di gran lunga annichilito i record della Juve; se la memoria non mi tradisce il taxista volante ha conquistato la dodicesima vittoria consecutiva al Passatore sempre contro avversari (molto spesso più giovani) molto tosti e con prestazioni cronometriche di grande spessore. Un personaggio vero, atleta esemplare, un ragazzo che saluta sempre per primo, che è disponibile per un consiglio o una battuta. Un ragazzo che non si è montato la testa e che è in grado di correre i 100km del Passatore a meno di quattro minuti al km. E non una volta nella vita, ma tutti gli anni da più di un decennio. Ho poi una grande stima nei confronti del caro amico Marco Bonfiglio, bravissima persona, disponibile, di grande compagnia di fronte a un buon gelato… pronta a dare consigli e a mettersi in gioco in tutte le situazioni.”

Bella storia, Calcaterra meriterebbe il Nobel della 100km nominato da tutti, fotografato con tutti, nella storia Italiana della 100km, Mister 100km.

FB_IMG_1496691476769C’è una parola o una frase detta da qualcuno che ti aiuta a crederci ed impegnarti? “Non sono scaramantico, non ripeto le stesse parole o frasi; però spostare il pensiero verso immagini felici della mia famiglia mi aiuta tantissimo. Anche i ragazzi di via Salieri (la via dove io abito) mi aiutano: un gruppo vero dove si aggrega AMICIZIA e SPORT TripRunner.”

Per approfondimenti sul mondo degli ultrarunner è possibile consultare il libro “Ultramaratoneti e gare estreme“, inoltre è in uscita il libro Maratoneti e ultrarunner. Aspetti psicologici di una sfida, edizioni-psiconline, 2017, pagine 240 circa, prezzo 20.00 euro, ISBN 978-88-99566-16-6

https://www.edizioni-psiconline.it/anteprime/maratoneti-e-ultrarunner-aspetti-psicologici-di-una-sfida.html

 

Matteo SIMONE

www.psicologiadellosport.net/eventi.htm

http://www.ibs.it/libri/simone+matteo/libri+di+matteo+simone.html

https://www.ibs.it/ultramaratoneti-gare-estreme-libro-matteo-simone/e/9788874189441

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...