Andrea Macchi, 3° al Tor: Quest’anno sognavo di poterla rifare al mio 100%

Matteo SIMONE

http://www.psicologiadellosport.net

 

Il Tor Des Geants, 330km 24.000 D+, sulle Alte Vie della Valle d’Aosta con partenza ed arrivo a Courmayeur, è considerato “il trail più duro al mondo”, il tempo limite è di 150 ore, in regime di semi-autosufficienza. Lo spagnolo Javi Dominguez, 43 anni, vince il Tor in 67h52’15”, Oliviero Bosatelli arriva secondo assoluto in 69h16’, al terzo posto si è classifica Andrea Macchi in 74h51’.

Di seguito Andrea ci racconta la sua esperienza al Tor rispondendo ad alcune mie 21731405_1418624578186113_5017303301084428420_odomande.

Come hai deciso di fare questa gara? “Questa gara è il 4° anno che la corro, nel 2014 arrivai chiedendo la mano a mia moglie come già ti raccontai piazzandomi 201° e mi innamorai dell’ambiente; ho iniziato anche a crescere come atleta e quindi ad avere piu velleità di classifica, nel 2015 mi classificai 18^ ma costretto a fermarmi a 50km dalla fine causa brutto tempo quindi nel 2016 la rifeci per tagliare il traguardo perchè m’era rimasto l’amaro in bocca dell’anno prima, ma causa un blocco renale dovetti fermarmi al 250° km ed ero in 5^ posizione, quindi rosicai molto; quest’anno sognavo di poterla rifare al mio 100% e dai direi che ce l’ho fatta considerando che col mio tempo avrei vinto 5 edizioni su 8 quindi contentissimo.”

Grande prestazione di Andrea, una progressione negli anni da specialista delle ultra trail di alcune centinaia di chilometri, al quarto tentativo passa dalla 201^ posizione alla terza posizione, qual è il segreto del suo successo? Il godersi il viaggio senza stress con in testa il pensiero di farsi i selfie con suo figlio, tutto il resto è benessere mentale a contatto con la natura faticando ma sentendosi bene dentro di sé.

21740452_10212306918341508_182425394504335675_n.jpgChe sapore ti lascia? “Troppi sapori, difficili da descrivere se non la si prova.. sicuramente ti porta all’estremo di tutto, fisico, assenza di sonno, freddo pazzesco, caldo massacrante, difficoltà di respiro a 3300metri di quota, alimentazione difficoltosa.. un vero viaggio interiore dove conoscere se stessi è fondamentale per poter affrontare difficoltà del genere e dove capisci che tutto ciò da soli non si può superare senza l’amore di chi ti segue, dei volontari, della natura e della propria passione.”

 

Belle parole che trasmettono il senso dello sport che vogliamo, uno sport all’insegna del benessere, il cui motore è passione e motivazione, assaporando gli odori dei percorsi, stimolando tutti i suoi sensi, la vista delle albe e dei tramonti, le luci del giorno e i bui della note, sperimentando fame e sete, sonno e tanto entussiasmo di arrivare al traguardo, anche da protagonista.

Cosa racconterai a casa e agli amici? “Onestamente racconterò ben poco perchè è difficile far capire certe esperienze, racconterò naturalmente le parti belle che ho nel cuore mentre le difficoltà affrontate le tengo per me perchè non potrebbero capire.”

Il mondo degli ultrarunner sempre incompreso, al di là dell’ordinario, solo chi sperimenta la passione, l’entusiasmo, la forza di andare avanti, le crisi da superare, le risorse residue da reclutare in difficoltà, può comprendere cosa avviene in tali circostanze.

Prossimi obiettivi e sogni da realizzare? “Onestamente con quello che ho combinato quest’anno ora voglio solo riposarmi e godermi un po’ la mia famiglia e amici a cui ho dedicato poco tempo per i miei sacrifici.”

untitled.pngImportantissimi i recuperi, i riposi adeguati, quello che io chiamo autoprotezione e importantissime anche le coccole che si fanno e che si ricevono, perché il mondo non è fatto solo di superuomini e supereroi ma anche di persone sensibili e presenti, quindi un po’ e un po’ c’è il momento dell’allenamento e della gara e poi si ritorna a godersi se stesso e chi ci sta vicino.

Hai avuto particolari problemi o criticità? “Problemi sono stati di stomaco che poi ho recuperato al volo, e il vento gelido nei colli che portava la temperatura a meno 15 percepita; ma questi creano problemi di testa, i più difficili da far passare, perchè una difficoltà fisica su una corsa di 330km ti fa pensare di non riuscire ad arrivare in fondo, quindi bisogna avere la lucidità per stare calmi portar pazienza e riprendersi perchè dove c’è un problema c’è sempre una soluzione. La mancanza di sonno per 3 gg ti porta a vedere nei sassi, nei legni figure umane o di animali ma nonostante tutto riuscivo a restare lucido e capire che erano solo visioni date dalla testa che non riusciva a metabolizzare le immagini quindi gli dava un senso veloce.”

untitled5.pngComprendo l’esperienza di Andrea, a volte con la fatica e lo sforzo prolungato si hannno deliri visivi e uditivi, quindi bisogna avere tanta esperienza e tanta capacità di centratura, focalizzarsi sul momento presente, sul qui e ora e proseguire mettendo i piedi a terra e guardando avanti quanto basta per fare attenzione dove si mettono i piedi per non farsi ingannare da visioni che distolgono e distraggono.

Hai fatto incontri particolari? “si una stella cadente che ha squarciato il cielo diventando rossa alla fine.. pazzesca.”

E’ andato tutto come previsto? “Su una gara del genere non si può fare previsioni, è troppo lunga e piena di mille di incognite.”

Comunque Andrea porta a casa tanta roba, tanta esperienza intensa e densa un podio di prestigio accanto a due campionissimi e ancora tanta voglia, passione e motivazione per continuare a far bene.

Come trasformi questa esperienza in insegnamenti per te e per gli altri? “Sicuramente m’ha fatto capire quello che dicevo prima che davanti a dei problemi c’è sempre una soluzione e deve essere così sempre nella vita.”

untitled4.pngVero, ad ogni problema c’è almeno una soluzione, si tratta di essere cauti e pazienti e capire cosa poter fare per affrontare, gestire e superare il problema.

Cosa racconterai a te stesso? “Per me è e resterà sempre un bel sogno che mi porto nel cuore.”

Le sensazioni e le emozioni che più ti restano addosso? “Il freddo che m’ha attraversato anche se coperto con materiali super tecnologici, che quindi ti entra dentro come la fatica, come la stanchezza, la mancanza di sonno, la fame, ma più di tutto quando ho toccato l’asfalto di Courmayeur uscendo dai sentieri e ho capito di avercela fatta a chiudere il mio sogno.”

Bello, quando arrivi a destinazione, quando ti rendi conto che davvero ce l’hai fatta, allora puoi mollare tutto, puoi anche crollare ma sempre dopo aver tagliato il traguardo con le energie residue con tanto entusiasmo e soddisfazione accolto dalla fola di fans e dai familiari e amici cari.

Cosa hai respirato? Sentito? Percepito? “Ho sentito tanto la natura che mi avvolgeva che mi abbracciava che ci aiutava a tutti, anche se cattiva a volte col freddo e tutto, ma in fondo ci voleva bene perchè la attraversavamo rispettandola ed ascoltandola.. sensazioni uniche forse un po primordiali.”

untitled2.pngBella questa descrizione, coccolati e accolti dalla madre terra, seppur scossi da essa come se trasmettesse il significato che dobbiamo capire che siamo sotto la sua protezione ma anche che dobbiamo rispettarla altrimenti ci può far assaporare il peggio, quindi ben vengano esperienze di complicità e riconoscenza con gli ambienti naturali, tenendoli sempre puliti e in ordine.

Per approfondimenti sugli ultrarunner segnalo Ultramaratoneti e gare estreme, Matteo Simone

17° nella classifica Bestseller di IBS Libri – Sport – Atletica e sport da campo e da pista – Maratona e corsa campestre. Ordinabile in siti di vendita online e in tutte le librerie d’Italia. Ad esempio su ibs

https://www.ibs.it/ultramaratoneti-gare-estreme-libro-matteo-simone/e/9788874189441

http://www.lafeltrinelli.it/libri/matteo-simone/ultramaratoneti-e-gare-estreme/9788874189441 (dove si può anche prenotare online e poi ritirare in libreria)

19125136_10209124403242970_204671712_oInoltre è in uscita Maratoneti e ultrarunner. Aspetti psicologici di una sfida di Matteo Simone (Autore). Classifica Bestseller di Amazon: n. 94 in Libri > Sport > Corsa e maratona

https://www.edizioni-psiconline.it/anteprime/maratoneti-e-ultrarunner-aspetti-psicologici-di-una-sfida.html

 

Matteo SIMONE

http://www.mjmeditore.it/autori/matteo-simone

http://www.unilibro.it/libri/f/autore/simone_matteo

https://www.ibs.it/ultramaratoneta-analisi-interminabile-libro-vari/e/9788898615872

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...