Valeria Straneo, maratoneta: Prossima gara importante? Europei Berlino 2018

Matteo SIMONE

 

Valeria Straneo è detentrice del Record Nazionale di Maratona: 2h23’44” (Rotterdam 2012, 2a classificata, 15 aprile 2012). Nata il 05/04/1976 ad Alessandria, altezza e peso: 160 cm, 45kg; allenatore: Massimo Magnani. Società: Laguna Running.

Di seguito approfondiamo la conoscenza di Valeria attraverso risposte ad alcune mie domande.

17457538_1286442318113407_1467905577629484744_nQuale ritieni sia la tua prossima gara importante?Europei Berlino 2018.”

Valeria, nata il 1976, sposata e mamma di due figli, è stata selezionata per rappresentare l’Italia agli Europei di maratona che si svolgeranno dal 7 al 12 agosto del 2018 a Berlino. Degli uomini è stato selezionato Daniele Meucci; delle donne oltre a Valeria sono state selezionate Caterine Bertone e Veronica Inglese. Saranno preselezionati ulteriori atleti che correranno maratone maschili inferiori alle 02h13’ e maratone femminili inferiori a 02h32’ nel periodo che va dal 1 agosto 2017 all’8 aprile 2018 e le ultime due maratone utili saranno quelle di Roma e Milano.

Ti senti pronta? Hai in programma allenamenti o gare test per valutare lo stato di forma?Non ancora. Sicuramente sì, maratona in primavera, gare su diverse distanze, 10km e mezze maratone.” Continua a leggere

Annunci

Lo sport che incrementa consapevolezza, autoefficacia e resilienza

Matteo SIMONE

 

Cosa spinge un gruppo di quarantenni e cinquantenni a partecipare a ultra maratone, sudare, faticare? Certo non la performance ma la voglia di mettersi in gioco, di mantenersi in forma, rincorrere il benessere psicofisico, emotivo e relazionare; la voglia di fidarsi e affidarsi a qualcuno che ti fa compagnia, che ti porge una bevanda, che ti aspetta; una spinta motivazionale dettata da cuore, testa e corpo per provare a stare nel gruppo che contiene e sostiene, per non mollare, per occuparsi di se stessi e degli altri, per raccontarsi, per far parte di un gruppo, una squadra con progetti di gare, per ricordare momenti passati insieme, per condividere momenti, pregata fatti di viaggi e incontri, per superarsi, questo è lo sport che vogliamo che incrementa consapevolezza, autoefficacia, resilienza e spirito di squadra e appartenenza.

FB_IMG_1509999289945Chiamateli pure masochisti o incoscienti, ma in realtà quello che emerge dalle varie storie e testimonianze è che si tratta di un mondo fantastico e sorprendente, affascinante, accudente e protettivo. Chiamateli pure masochisti o incoscienti ma in realtà a spingere a fare sport di endurance come Ultramaratone, faticando anche nelle salite è il benessere che si sperimenta, un benessere particolare che agisce sulla testa e si diffonde per tutto il corpo e rimane ancorato nella propria anima come un’arma da utilizzare nelle situazioni più difficili emotivamente.

Continua a leggere