Francesco Sebastiani: La prossima gara importante per me sarà la 24h a Lavello

Matteo SIMONE

 

Sempre pronti sembrano essere gli ultramaratoneti a partecipare a lunghe distanze di gare, lunghe ore di sport, cambia poco se si tratta di gare di 12 ore o 24 ore, si tratta sempre di faticare per diverse ore e si può fare tutto con un sufficiente allenamento e auna sufficiente esperienza di gare.

Di seguito, Francesco racconta le sue impressioni, sensazioni, pensieri, emozioni prima della sua prossima gara importante.

22448640_875202009323070_1935923002123188836_nIn vista della prossima gara importante, ti senti pronto?La prossima gara importante per me sarà la 24h a Lavello, una sfida forse estrema ma il mio viaggio nel mondo delle Ultramaratone iniziò l’anno scorso con una 24h (Putignano), mi è parso doveroso chiudere l’andata agonistica con una sfida del genere. Il “sentirmi pronto” è aleatorio, è una gara dai mille risvolti possibili. Per ora la preparazione procede nel migliore dei modi possibili, nonostante una settimana persa per via di una influenza latente.”

Emozioni prima della gara?C’è una certa emozione, vista la durata della gara, so che verranno esplorate mille e più emozioni durante la stessa, ci sarà da gestire momenti di crisi, momenti di euforia, dolori articolari, l’allenamento serve anche a saper gestire al meglio tutto questo.

Una gara imprevedibile, non si sa quello che può accadere nelle ore notturne dove la sonnolenza potrebbe prendere il sopravvento, la stanchezza potrebbe farla da padrona, il buio ti potrebbe far venire pensieri sabotatori o ostacolanti, si tratta di mettersi in gioco e vedere cosa si sperimenta.

Quali saranno le strategie di gara?In gara proverò a partire “coperto”, a non disperdere energie importanti specie nella seconda parte di gara.

22450158_875201742656430_4818912930342031764_nEssere cauti, attendisti ed esercitare l’arte dell’agguato sembra una buona strategia, non bruciarsi subito, non farsi prendere dall’entusiasmo, dalle energie presenti in abbondanza a inizio gara.

Ti consigli con un team: famiglia, amici, figure professionali?Cerco di “rubare” dagli altri ultramaratoneti piccoli segreti per gestire al meglio una gara così lunga… Ne ho parlato per esempio con Michele D’Aprile, un grande ultrarunner oltre che gran bella persona. Lui l’ha corsa l’anno scorso e mi ha saputo dare ottimi consigli…. Non ho un mio vero e proprio staff, ma ho dietro di me una Società veramente sensibile alle mie gare, la Track & Field Master Grosseto, il cui Presidente, Ernesto Croci, mi ha dato sempre carta bianca, ciò mi ha dato molta carica. Un grande aiuto è venuto dalla Dottoressa Palandri Simona, marciatrice medagliata europea Master, podologa, anch’essa della mia stessa Società, che ha risolto brillantemente un problema al piede in cui incorso dopo la 50miglia di Reggio Emilia, gara che mi ha visto Campione italiano Iuta M40.”

Il segreto degli ultrarunner è di essere sereni, rispettare il prossimo apprendere dai più bravi ed esperti, pertanto si sta insieme, si fatica insieme, ci si sente prima di gare importanti e si cerca di mettere in atto consigli e suggerimenti utili sia in allenamento che in gara. Importante avere a disposizione un team o dei professionisti che ti supportano, che ti assistano, che si occupano e preoccupano per te, per la tua salute e benessere e anche per la tua miglior performance.

E’ cambiato nel tempo il tuo modo di preparati a gare importanti?Ovviamente dopo un anno ho rivisto la mia preparazione in generale, prima vivevo l’allenamento con molta tensione, ora pur allungando le sedute cerco di armonizzare il tutto. Ciò comporta anche una preparazione a livello mentale, cercando di correre libero da schemi precostituiti quali gps, tempi etc.”

Con il tempo gli ultrarunner imparano a conoscersi meglio, sanno come faticano e come consumano energie importanti, sanno come allenarsi e come distribuire le energie durante una gara molto lunga, sanno come nutrirsi e quali abbigliamento indossare, non si è più sprovveduti, ma l’esperienza insegna tanto e anche confrontarsi con gli amici serve tanto, si è più sereni, consapevoli e resilienti.

FB_IMG_1510257180295Utilizzi una preparazione mentale pregara?Il pregara rimane invariato, mi isolo, cerco di non pensare alla gara, specie la sera prima.”

C’è una parola o una frase detta da qualcuno che ti aiuta ad affrontare la prossima gara? In gara mi ripeto spesso il mio mantra “dai testa eh” oppure “calma seba”, un auto parlarmi interiore che mi serve per tenere “alta” la concentrazione. Durante la gara poi osservo gli altri runners, per vedere come si comportano durante la competizione, rubo il mestiere, io che ho ancora tanto da imparare, se piano piano divento un ultramaratoneta lo devo a ragazzi speciali come Michele D’Aprile, Stefano Castoldi, Michele Debenedictis, Valentina Spano, Marcello Spreafico, Francesca Innocenti, Pasquale Andidero, Claudio Guidotti, a loro, e non solo va il mio infinito Grazie.”

Quale può essere un messaggio rivolto agli organizzatori della prossima gara?Visto che la 24h che correrò si terrà il 2 dicembre agli organizzatori potrei solo chiedere un buon locale caldo per il post gara, credo che ne avremo bisogno.”

Pare lecita la richiesta di Francesco dopo 24 ore di sport, faticando e continuando fino allo scadere delle 24 ore, il minimo sarebbe bevande e pasto caldo e un luogo riparato per prendersi cura di sé.

 

Matteo SIMONE

http://www.psicologiadellosport.net

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...