Simone Leo, 490 km ASA: Non si è mai pronti ma siamo sul pezzo

Matteo SIMONE

 

Tra i partenti alla corsa a piedi di 490 km, con partenza a da Atene arrivo a Sparta e ritorno ad Atene (ASA), c’è anche Simone Leo, un esperto di corse di lunga distanze e anche uno degli organizzatori della più lunga in Italia della distanza di 285 km Milano – San Remo.

Lo start dell’ASA c’è stato sabato mattina 18 novembre alle 07.00 (ora italiana 06.00) e prima di questo grande giorno e lungo evento Simone racconta le sue impressioni rispondendo ad alcune mie domande.

10419949_925966674183135_2074790134938185177_nCiao, in vista della prossima gara importante, ti senti pronto? “Domani ho una gara molto lunga! Non si è mai pronti ma siamo sul pezzo.”

In effetti si può comprendere che partire per una gara lunghissima di 490 km desta almeno qualche preoccupazione sul tempo atmosferico, su eventuali necessità durante l’esercizio fisico protratto per tante ore, per l’alimentazione, per l’abbigliamento; alla partenza c’è sempre qualche dubbio ma il fatto di essere alla partenza ti dà un gran coraggio e la consapevolezza che ce la puoi fare e poi la compagnia di altri 8 italiani atleti alla partenza ed alcuni amici e famigliari che supportano e sostengono danno una forza e convinzione maggiore.

Sensazioni, emozioni, pensieri prima, della gara? “Tante e varie, un mix di timore e rispetto ma sono tutto sommato tranquillo.”

Certo alla partenza i pensieri, sensazioni, emozioni sono tanti e diversi, si alternano e litigano fra di loro, un po’ di tensione, sorrisi e racconti a se stessi e agli altri amici atleti o supporter su come sono andate esperienze precedenti, su come potrebbe andare l’esperienza attuale, c’è un mondo nelle menti degli ultrarunner sempre pronti a riderci su ma quando c’è lo start si fa sul serio focalizzandosi sui chilometri da percorrere un passo alla volta.

FB_IMG_1511090254460Quali saranno le strategie di gara? “Vorrei arrivare a Sparta senza dormire ma è dura fare previsioni prima di una gara del genere.”

Questa pare essere la strategia comune ad alcuni altri atleti, fare il grosso la metà parte e poi avere margini per micro riposi, poi si vedrà cammin facendo, in corsa tutto può essere messo in discussione, tutto si può rimodulare cambiano piani e programmi con l’obiettivo di arrivare a destinazione entro le 104 ore.

Ti consigli con un team: famiglia, amici, figure professionali? “Si sempre, ho un fidatissimo team di collaboratori.”

Vero, lo si vede sempre nelle gare insieme ad altri atleti/e con le stesse divise, uniti negli intenti a fare gruppo e solidali tra di loro. Importante in questo sport di endurance dove si porta corpo oltre il limite sempre accompagnato e scortato dalla testa.

E’ cambiato nel tempo il tuo modo di preparati a gare importanti? “Si del tutto, ora è meticoloso al 100%.”

23559935_1600570873337675_3229286559189695948_nCerto all’inizio si può provare ad allungare i chilometri, si può anche improvvisare, ma poi ti accorgi che più aspetti curi e più te la passi meglio e meno soffri e più sei soddisfatto di quello che riesci a fare e tanti sono gli aspetti da quello menate alla preparazione fisica, dall’alimentazione all’abbigliamento giusto.

Utilizzi una preparazione mentale pre gara? “Da anni seguo una filosofia che mi permette di arrivare mentalmente pronto a queste gare.”

Diventa importante aver cura dell’aspetto mentale oltre che degli allenamenti fisici, sono tanti gli aspetti mentali da curare dall’autoconsapevolezza delle proprie ì capacità e limiti all’incremento di autoefficacia, dalla gestione delle crisi all’incremento della resilienza.

Coccole e autoprotezione hanno posto nel pre gara? “No coccole, al massimo relax.”

23632701_10211610097868180_1526951541556773401_oOgni tanto, tra una gara e un allenamento e anche nel corso di una lunghissima e durissima gara un po’ di relax non guasta, serve a ristabilire un ordine interno, a ritrovare la voglia di continuare, a fare il punto della situazione, a rimodulare le strategie.

Ricordi un’esperienza passata che ti dà la convinzione che ce la puoi fare? “Si, sulla montagna alla Spartathlon ero praticamente spacciato ma con la forza mentale e la convinzione di arrivare, ho superato il momento e sono arrivato.”

Questo è una fonte dell’autoefficacia, il credere di riuscire, di uscirne fuori, diventa importante far leva su precedenti esperienze di successo o di superamento di situazioni. Anche la Spartathlon è per pochi, consiste nella metà dell’ASA e si può partecipare solo avendo determinati requisiti di superamento di gare importanti per difficoltà.

 

Matteo SIMONE

380-4337230 – 21163@tiscali.it

http://www.mjmeditore.it/autori/matteo-simone

http://www.ibs.it/libri/simone+matteo/libri+di+matteo+simone.html

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...