Matteo Nocera, 24h: L’ennesimo esordio dell’anno, spero di lottare per la vittoria

Matteo SIMONE

Matteo Nocera quest’anno ha fatto l’esordio in una gara di 6 ore di corsa a piedi e l’ha vinta, inoltre ha fatto l’esordio in una gara di 100 miglia e l’ha vinta conseguendo il titolo di Campione Italiano della 100 miglia, ora l’appetito vien mangiando e il prossimo 3 Dicembre Matteo Nocera farà l’esordio nella 24 ore, vedremo che succederà.

23561683_1663507297047226_271984143151694089_nIn effetti non sempre gli è andata bene a Matteo, gli è successo di ritirarsi durante alcune gare, tra le quali anche in un esordio nella 100km, ma sembra esserne uscito comunque bene dalle gare nonostante il ritiro, anzi direi più rafforzato traendo sempre validi insegnamenti e complimentatosi con gli altri atleti che hanno portato a termine la gara con prestazioni di rilievo.

Di seguito Matteo Nocera descrive le sue sensazioni pre gara rispondendo ad alcune mi domande.

Ciao, in vista della prossima gara importante, ti senti pronto? “Sì, ho superato alcuni problemi fisici e anche se sarà l’ennesimo esordio dell’anno, spero di lottare per la vittoria.”

Sensazioni, emozioni, pensieri prima, della gara? “Le sensazioni sono buone, ho diminuito sensibilmente il ritmo a km ma ho allungato le ore di allenamento per la 24h. Più che  emozionato direi concentrato.”

Sembra aver lavorato bene Matteo Nocera sia fisicamente che mentalmente, in questo tipo di gare non si può lavorare sul proprio carattere ma si può fare un gran lavoro sulla propria consapevolezza, sull’accettazione dei propri errori e si può ricorrere ai ripari mettendo in atto delle strategie che contrastino i propri aspetti critici.

17362390_1424355350962423_6195302436013204962_nQuali saranno le strategie di gara? “In verità sto lavorando molto sull’aspetto mentale del resto per affrontare 24 ore di gara credo non si possa fare altrimenti. I concetti espressi da te qualche confronto avuto dal vivo e i tuoi libri mi sono stati molto utili in verità . L’aspetto psicologico credo sia importante soprattutto quando le ore di gara sono tante e il ritmo è lento. Ci vuole la giusta mentalità. Forte calma interiore e mentalità  vincente. In gara non mi snaturerò anche se devo affrontare una competizione  molto lunga cercherò di  prendere il comando fin dalle prime battute, devo rispettare le mie caratteristiche,  poi sarò  ovviamente molto parsimonioso nella gestione.”

Matteo sembra aver compreso che le gare ultra sono da entrarci gradualmente con rispetto soprattutto nei confronti di se stessi, si tratta di fare i conti con il proprio io, con alcune parti nostre che possono sabotare il nostro operato in diverse modalità, sottovalutando l’impegno gravoso, oppure al contrario mettendoci pressioni sulla difficoltà. Ma la nostra marcia in più potrebbe essere quella di vedere dentro di noi la parte alleata, una parte aiutatrice che ci mette in contatto con la realtà momento per momento e ci permette di esprimerci al meglio delle nostre possibilità, osando anche un po’ ma sempre con una elevata consapevolezza.

Ti consigli con un team: famiglia, amici, figure professionali? “Beh, questa volta posso dire che i miei consiglieri sono stati tre su tutti; tu come accennavo prima, il nostro incontro a Mattinata nella bellissima Puglia è stato molto formativo. Carlo Esposito anche lui ultrarunner per passione mio grande amico persona molto carismatica e anche se lo conosco poco Salvatore  Perillo podista di esperienza persona eccezionale  che giorni fa non si è  risparmiato nel darmi ottimi suggerimenti. Colgo l’occasione per ringraziarvi pubblicamente. E poi c’è  questo piccolo pidocchio, Elisa che mi motiva in ogni istante”

Matteo Nocera ha una caratteristica che lo rende speciale ed è quella di prendere qualcosa da tutti e rispettando tutti con l’ascolto e con la gratitudine, appare essere molto corretto e attento, si informa, si documenta, ha tanta voglia di far bene in questa modalità di fare sport stando lungo tempo in fatica e sofferenza ma lui mostra sempre un volto sereno e sorridente.

17523015_10208615439719200_8172273002827578310_n-406x550E’ cambiato nel tempo il tuo modo di preparati a gare importanti? “No. Le gare importanti le preparo sempre allo stesso modo. È cambiata la maturità e la condotta di gara che ovviamente  sto imparando a gestire con molta più  regolarità,  del resto sono appena nove mesi che mi cimento su queste distanze.”

Utilizzi una preparazione mentale pre gara? “La mia preparazione mentale per gara è fare tesoro della vostra esperienza come dicevo, capire i vostri concetti, esperienze e poi unire il tutto alle gambe con forza e speriamo molta resistenza.”

Coccole e autoprotezione hanno posto nel pre gara? “No. Nel pre gara sono molto molto concentrato, mi isolo completamente nei miei pensieri.”

Ricordi un’esperienza passata che ti dà la convinzione che ce la puoi fare? “Il Campionato Italiano  sulla Cento miglia. Era il mio esordio avevo fatto solo tre gare sulle sei ore quindi passare ai 162km sembrava un tuffo nel vuoto, però alla fine quel titolo Italiano  l’ho vinto io. Ero un esordiente anche a marzo alla 6 ore della Reggia…! Ho tanto rispetto per i miei avversari di gara che sicuramente hanno esperienza da vendere ma proverò anche io a vincerla non per presunzione, assolutamente,  consapevolezza.”

C’è una parola o una frase detta da qualcuno che ti aiuta ad affrontare la prossima gara? “Sì, di Armando amico di vecchia data; (me lo ripete spesso…): Testa bassa poche parole e pedalare…!”

In effetti in una gara di corsa a piedi della durata di 24 ore bisogna sapersi gestire le proprie energie e non disperderle soprattutto per chi punta al successo, la gara è gara e quindi la massima concentrazione e focalizzazione sulla gara, certo ogni tanto bisogna sapersi distrarsi per rendere la gara più leggera.

Quale può essere un messaggio rivolto agli organizzatori della prossima gara? “Beh, viste le difficoltà che  sicuramente presenta una competizione di 24h per il tempo di gara eventuali condizioni  climatiche ecc. spero che l’assistenza sia continua, è una priorità. Ti ringrazio sei sempre attento e meticoloso con noi podisti.”

22365167_1627050630692893_1363370346870102175_nCerto gli organizzatori devono porre tanta attenzione nei confronti degli atleti, è importante coccolarli fin dall’inizio per rendere la loro grande e ardua impresa più leggera possibile e meno sofferente possibile.

Ringrazio Matteo Nocera per la sua disponibilità a parlare di sé per le sue parole di riconoscenza che ha per chi lo circonda.

 

Matteo SIMONE

380-4337230 – 21163@tiscali.it

Psicologo, Psicoterapeuta Gestalt ed EMDR

http://www.ibs.it/libri/simone+matteo/libri+di+matteo+simone.html

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...