Zagara: Quella costa l’ho percorsa tutta da Sorrento a Positano per 54km in 5h52’

Matteo Simone

http://www.psicologiadellosport.net

 

Si sperimenta tanto prima, durante e dopo un grande evento, prima ci sono tanti pensieri, tanti dubbi, su cosa indossare alla partenza, cosa portarsi dietro, come alimentarsi, nonostante l’esperienza non si è mai completamente pronti, durante una gara ultra di distanza superiore alla maratona e con difficoltà di percorso può succedere di tutto e bisogna avere la capacità mentale di essere sereni e prendere quello che viene affrontando tutto al momento opportuno senza porsi limiti prima e consumare energie importanti.

24174451_1518940631530983_8665692820935695234_nDi seguito Zagara racconta la sua esperienza prima di una gara importante di ultra corsa rispondendo ad alcune mie domande.

Ciao, in vista della prossima gara ti senti pronta? “Assolutamente no fisicamente, gli impegni lavorativi e di mamma mi hanno impedito di continuare gli allenamenti che avevo in mente, ma mentalmente si.”

A volte si è presi giustamente dalle faccende della vita quotidiana e si trascurano le passioni che apportano benefici. Diventa difficile trovare un giusto compromesso tra lavoro, affetti e passioni ma quando c’è da mettersi in gioco, quando c’è il grande giorno della gara, si tira fuori tutta l’energia a disposizione che sappiamo di avere e sappiamo come tirarla fuori nonostante non si arrivi proprio prontissimi dal punto di vista fisico.

Sensazioni, emozioni, pensieri prima, della gara? “Ho sensazioni miste tra ansia per il maltempo, adrenalina, voglia di vincere un’altra sfida.”

24550604_1519488744809505_830146414_nTi consigli con un team: famiglia, amici, figure professionali? “Se dovessi ascoltare i miei familiari e i miei amici io non dovevo nemmeno iscrivermi, sono una pazza. Io ascolto solo me se stessa. Questa gara è già per me un arrivo quando parto. Dietro ci sono le levatacce alle 4 di notte per allenarmi, la sfida contro la paura del buio, quando le uniche luci ad illuminare la strada sono le stelle e la luna. Il rumore dei tuoi passi e del tuo respiro.”

Gli ultrarunnner sperimentano forti e intense esperienze, hannno una elevata forza mentale che riesce a spostarli dalla loro zona di confort e li mette in strada a correre come se fossero sonnambuli, per tanti appaiono pazzi e bizzarri ma tra di loro si comprendono e c’è una grande intesa, io stesso sperimentando di persona direttamente questo mondo degli ultra so cosa vuol dire correre nel ore più diverse e con le modalità più inaspettate e sorprendenti, mi è capitato di correre con un amico di sera dopo cena per un allenamento di qualche ora al centro di Roma, o di fare un allenamento di decine e decine di chilometri con una pausa in pizzeria, davvero un mondo bizzarro, sorpendente e divertente.

24740433_1519488778142835_824367794_nE’ cambiato nel tempo il tuo modo di preparati a gare importanti? “Rispetto a prima non sono i km che mi preoccupano ma il tempo meteorologico sì, la pioggia e il vento.”

A volte la corsa prolungata porta a stanchezza ed elevato dispendio di energie e si può essere colti impreparati da un tempo atmosferico poco clemente che ti può far tremare dal freddo per esempio.

Coccole e autoprotezione hanno posto nel pre gara? “Sapere che alla partenza sono circondata da alcuni amici miei, che mi hanno detto non sarai mai sola ci sono io che ti verrò anche a prendere, chi mi sta riempiendo di messaggi affettivi, chi so che starà lì a pensare a me, chi mi ha regalato un qualcosa di suo da portare con me, beh, mi rende felice.”

E’ quello che sperimentano tanti atleti e cioè che lo sport rende felici perché diventa un mondo che accomuna nella fatica e nella difficoltà e anche nella gioia di portare a termine un impresa, ci si aiuta l’un con l’altro, c’è molta correttezza e rispetto in genere.

received_1518130031612043C’è una parola o una frase detta da qualcuno che ti aiuta ad affrontare la prossima gara? “Io credo in me stessa. Ho superato la paura di perdere mia figlia e mio fratello, ho un papà malato di Alzaihmeir, non posso avere paura di fare una gara di 54km con soli 27km di salita.”

Molto determinata e convinta Zagara, non la ferma nessuno, se si mette in testa qualcosa la porta a compimento in qualsiasi modo scavalcando qualsiasi paletto fisico o mentale, attraversando qualsiasi impedimento, superando qualsiasi barriera, insomma una donna resiliente che si è costruita attraverso precedenti esperienze che l’hanno messa a dura prova.

Questo è il mondo bizzarro degli ultrarunner, la fatica terapeutica che rimette in senso.

 

Matteo SIMONE

http://www.ibs.it/libri/simone+matteo/libri+di+matteo+simone.html

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...