Sport e aggregazione, fidarsi e affidarsi ai pacer

Matteo SIMONE

 

L’amico Pierlugi Lops mi ha invitato a fare il pacer delle 4 ore alla Maratona di Latina e quando la corsa chiama che faccio? Accetto l’invito per diversi motivi, perchè conosco Pierluigi, amico runner ex ciclista che mi ha venduto anche la sua bicicletta che ho portato fino in Spagna a Caceres attraversando la Francia per il Tour bike for aniumals: basta anticorrida tour; inoltre siamo amici di allenamento con un gruppo wathsapp dal nome le vecchie glorie e tra una risata e l’altra ci alleniamo seriamente guidati a volte dal coach Fabrizio Galimberti e riusciamo a essere sempre pronti per gare ed eventi.

FB_IMG_1512712634476Inoltre la passione che ci accomuna è quella di guida ad atleti non vedenti e ipovedenti, lui che ha scortato e guidato la fortissima Annalisa Minetti e io che anche se non con molta assiduità seguo il progetto Achilles Internatinal Roma per promuovere lo sport anche tra le persone con disabilità visiva.

Inoltre un’ultima passione che stiamo cercando di scoprire è quella di spingitori per portare tra la gente e per far sentire più a loro agio persone in carrozzina come l’amico Edoardo che proprio in occasione della maratona di Latina ha sperimentato l’ebbrezza di essere davanti allo start e fare qualche metro di carrozzina spinta da suo padre con un gruppo di amici pacer e non.

Continua a leggere

Annunci