Lo sport rende felici, libera la mente, sviluppa resilienza

Matteo SIMONE

http://www.psicologiadellosport.net

 

E’ risaputo e sperimentato che lo sport incrementa consapevolezza, sviluppa autoefficacia consolidando la fiducia in se stessi di poter far qualcosa, di riuscire in qualcosa; inoltre lo sport incrementa la Resilienza, si affrontano e si superano meglio i problemi, le crisi, le difficoltà, si è più attenti e gentili.

IMG_6274Si possono fare grandi cose e se arriva un impedimento per qualsiasi motivo bisogna essere resilienti e pronti al cambiamento, non abbattersi ma cambiare solamente gli obiettivi, rimodularli in base alle proprie condizioni fisiche attuali. Per ogni problema c’è almeno una soluzione, chiuso un portone se ne possono aprire tanti altri, comunque l’esperienza fatta fa parte del bagaglio culturale ed esperienziale dell’individuo e serve nel futuro a darti sempre una mano per andare avanti con pazienza, un passo alla volta, con consapevolezza e rispettando i propri limiti.

Continua a leggere

Annunci

Rinaldo Marioli: La gara più difficile la Polardistans 2015, 170 km Pulka 2 cani

Le crisi sono “mentali” quando gareggi in continuazione per 24/30 ore

Matteo SIMONE

Psicologo, Psicoterapeuta

 

Il mondo dello sport è molto variegato e sorprendente, ci sono tante modalità di fare sport, dagli sport individuali a quelli di squadra, ci sono sport al chiuso e all’aperto, sport con mezzi, strumenti, attrezzature e sport con animali dove l’uomo collabora con l’animale per raggiungere obiettivi insieme conoscendosi sempre di più, affiatandosi, diventando team insieme.

IMG_5929Di seguito Rinaldo Marioli, Presidente Associazione Italiana Mushers, racconta le sue esperienze rispondendo ad alcune mie domande.

Qual è stato il tuo percorso per diventare un Atleta? “È stato un processo naturale dettato dalla passione per la montagna, i cani, il vivere la natura, vivere fuori dai soliti schemi quotidiani e dettati dalla nostra società.” Continua a leggere

La maratona è emozionante e piena di sensazioni positive

Matteo SIMONE

http://www.psicologiadellosport.net

 

La maratona permette di sperimentare sensazioni uniche. Di seguito alcune testimonianze di maratoneti che rispondono alla domanda: Qual è stata la gara della tua vita, dove hai sperimentato le emozioni più belle?

FullSizeRenderAlberto Di Muzio, presidente dell’associazione “Andrea e i corsari della maratona” i cui volontari spingono le carrozzine in occasione delle gare podistiche vestiti da clown: Qual è stata la gara della tua vita? La gara più difficile? “La mia prima maratona a Reggio Emilia, anno 2007, dedicatissima al mio Andrea, scomparso da pochi mesi, è stata emozionante e piena di sensazioni positive….la più bella. La più difficile deve ancora venire e penso sarà quella in cui capirò che è arrivato il momento di smettere.”

Carlo Poddighe:  “Io direi che ogni maratona mi ha regalato forti emozioni. La prima, fine 2013. Arrivai in 3h.29′. Poi la soddisfazione provata quando sono riuscito a tagliare il traguardo in 3h.13′ lo scorso ottobre.” Continua a leggere