Esperienza running e non solo in Kenya ad Iten 2.4000 m s.l.m.

Matteo SIMONE

http://www.psicologiadellosport.net

 

Per essere campione ci vogliono i geni giusti, ma non basta, non tutti coloro che hanno il corredo per diventare campioni poi riescono, c’è bisogno del contesto che ti coinvolge, che crede in te, e poi te stesso devi essere motivato, ci devi credere, devi trovare stimoli giusti, devi essere resiliente, devi sapere aspettare il momento giusto, devi essere persistente, devi essere amichevole, saperti allenare da solo e anche con gli altri, devi saper ascoltare, e saper chiedere.

FullSizeRender8Un’opportunità può essere un’esperienza running e non solo in Kenya ad Iten 2.4000 m s.l.m. Di seguito racconto la mia personale esperienza presso l’High Altitude Training Centre di Iten in Kenya.

La sera prima ci si organizzava per il giorno successivo, in genere appuntamento alle 6.30 con i pacer keniani per un allenamento a piccoli gruppi in base alla distanza e velocità, si correva in genere dai 12 ai 20 km, con ritmi dai più veloci e in progressioni per gli atleti più forti, mentre più lenti per me e altri e anche alcune donne che andavamo più piano. Si tornava, stretching, colazione e poi liberi a bordo piscina oppure passeggiate varie. Era prevista merenda sia nella mattinata che nel pomeriggio. Nel pomeriggio inoltre erano previste a volte sessioni di addominali a cura di Timo Limo o Richard, molto dure e faticose, soprattutto il motto di Richard era: «No pain no gain». Comunque insieme ci divertivamo anche ed erano presenti tanti campioni lì con noi.

34368885_241284343119378_3654516783731179520_nFacevamo tecnica di corsa a cura di Timo Limo sulla pista in tartan di Lorna Kiplagat, oppure visite a scuole, incontri con allenatori, incontri e allenamenti con atleti di livello mondiali come Wilson Kipsang, che abbiamo incontrato nella palestra e ci ha chiesto se l’indomani mattina ci allenavamo insieme, e così è stato ha fatto: 5 minuti di ritardo, ma alle 6.35 si è presentato, lui che ha 2h03’13” in maratona, con un altro atleta che ha di personale in maratona 2h07’.

Inoltre erano previsti allenamenti nella pista di Tambach a 12 km di distanza dal nostro centro, una pista in terra battuta “calpestata” da tanti fenomeni keniani, e noi eravamo lì insieme a loro. Altro allenamento è il fartlek del giovedì mattina alle 09.00, si partiva tutti insieme, eravamo centinaia, ma loro erano fortissimi, variazioni di ritmo sotto i 3’ al km e noi avevamo al nostro fianco i nostri pacer. Inoltre erano previste visite a: ospedali, artigianato locale, altri camp di atletica poveri e meno poveri.

IMG_3478 2Mi è rimasto nel cuore la loro semplicità e solarità, i loro sguardi, il loro contatto, i loro saluti: loro, quando t’incontrano, ti guardano, ti salutano, ti danno la mano, è diverso da qui dove la maggior parte di noi, me compreso, siamo intenti a guardare il cellulare, camminiamo senza guardare chi incrociamo, siamo soli con noi stessi.

Tanti i bambini e ragazzi che incontravamo, che andavano a scuola percorrendo a piedi e a volte scalzi tanta strada e quando ti vedevano correre si univano a noi, oppure quando passavamo chiedevano: “Come stai? How are you? Habari, Jambo”.

Tanti sono i fattori che contribuiscono alla loro performance; fondamentale è il loro modo di allenarsi insieme, formano treni di allenamento, li vedi passare come mandrie, tra i tanti poi emerge il più forte; viene visto, osservato, corteggiato e portato a gareggiare nel mondo. Loro curano tanti aspetti, non solo la corsa, ma anche gli addominali, la palestra, la sauna, la fisioterapia. Le loro regole sono 4: allenarsi, mangiare, dormire e poi socializzare.

IMG_3278E’ fondamentalmente il fartlek che gli dà il ritmo di corsa, inoltre i percorsi sono molto impegnativi, sterrato su percorsi collinari, loro cercano tanti stimoli. Altro aspetto è il confrontarsi con i più forti, è lì che vanno i più forti atleti ad allenarsi e i più competenti allenatori ad allenare, più ti confronti con gli atleti del mondo e più apprendi. Inoltre il mangiare è fondamentale, i prodotti della terra sono genuini e nutrienti, la frutta ricchissima di vit. C e minerali, tanta papaia, mango, ananas, banane.

Lì è bello vedere gli animali per strada, vedere gli artigiani che lavorano per strada il legname, che aggiustano attrezzi, che vendono frutta colorata e profumata, sono coperti ma di vestiti semplici e colorati. Nell’alimentazione l’ugali è sempre presente, una sorta di polenta, inoltre buonissimi i centrifugati di verdura allo zenzero, buonissime le diverse patate e tanta frutta a volontà.

 

Siete pronti a partire con noi?

Iten e The Heart of Kenyan Running vi aspettano!

26804919_10210607572241268_4137175735100399548_nPossibilità di partecipare al Running Camp da 8 oppure 13 notti, per un’esperienza all’insegna della corsa, del benessere, dell’affascinante scoperta di nuovi paesaggi e nuove culture, per un insieme di incredibili emozioni che non dimenticherete mai!

Per tutte le informazioni sui dettagli del programma del Running Camp e sui costi scrivere a:

Chiara Raso – chiara.tts@gmail.com presso T.T.S.srl

Per tutte le informazioni sull’operativo voli scrivere a:

Michela Pistilli – michela.pistlli@gattinoni.it presso l’agenzia viaggi Valair – Gattinoni Travel Store Aosta

 

The Heart of Kenyan Running – Home | Facebook

https://www.facebook.com/theheartofkenyanrunning/

https://www.libreriauniversitaria.it/libri-autore_simone+matteo-matteo_simone.htm

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...