Scuola dello Sport Roma Reading teatrale dedicato alla figura di Giulio Onesti

Matteo SIMONE

http://www.psicologiadellosport.net

 

Lunedì 9 luglio 2018 – ore 19:30 presso la Scuola dello Sport – Giardino dell’Airone Roma – Largo Giulio Onesti, 1 avrà luogo un Reading teatrale diretto e interpretato da Massimiliano Finazzer Flory dedicato alla figura di Giulio Onesti.

Onesti1Attore: Gianni Quillico. Studenti: Giacomo Ansuini, Christian Bologna, Michela Cioffi, Lorenzo Mecucci, Daniele Principali, Michela Testa.

INGRESSO LIBERO

Notevole il contributo Giulio Onesti per l’ampliamento della già esistente Biblioteca del C.O.N.I. di Roma costituita nel 1940 da Bruno Zauli. La Biblioteca che già contava di 350 volumi ricevette da lui le raccolte dei maggiori giornali dell’epoca quali La Gazzetta dello Sport, Il Littoriale (edizione romana) e le testate rinate nel 1945 quali Tuttosport, il Corriere dello Sport e Lo Stadio.

Giulio Onesti divenne Presidente del CONI il 27 luglio 1946 fino al 1978, quando fu dichiarato ineleggibile per una nuova legge statale, e fu sostituito da Franco Carraro.

Si impegnò personalmente in una campagna di raccolta di documenti e libri sportivi a partire dal 1947 portando la Biblioteca a possedere la più ampia ed esaustiva raccolta, in Italia, specializzata nello sport e nell’educazione fisica, composta da circa 35 000 volumi, tra cui un fondo antico, oltre 2 000 testate di periodici, per metà italiani e per l’altra metà stranieri, e 39 quotidiani.

Coinvolse nella raccolta dei libri tutte le federazioni sportive pubblicando sui comunicati ufficiali la richiesta di testi per l’ampliamento della Biblioteca.

Durante la sua presidenza all’Italia furono assegnati dal Comitato Olimpico Internazionale i Giochi olimpici invernali di Cortina d’Ampezzo nel 1956 e i primi Giochi olimpici di Roma 1960. Fu Membro del CIO dal 1964 alla morte nel 1981.

Fu l’ideatore nel 1968 dei Giochi della Gioventù. Nel 1976 il CIO gli assegnò la “Coppa Olimpica”.

Lo Sport è importante per la società, per i bambini, ragazzi, adulti, anziani. E’ una scuola di vita, si imparano regole. Si impara a stare con gli altri per condividere e contribuire a obiettivi comuni difficili, sfidanti ma raggiungibili. Lo sport aiuta a superare momenti difficili, a sviluppare consapevolezza, autoefficacia e Resilienza, aiuta ad avvicinare persone, culture e mondi.

FullSizeRender5Un mondo dietro lo sport, tanta fatica e impegno con passione e determinazione, tanti pensieri e dubbi, tante sfide e sogni da realizzare, tante prove in allenamento e gara, tante persone dietro gli atleti; chi rema a favore e chi contro, ma anche tante gioie e soddisfazione oltre a tanti aspetti da curare quali forza fisica e mentale, resistenza, fiducia in sé, clima di squadra, coordinazione, si porta a casa sempre tanti insegnamenti, esperienze che fanno crescere e maturare.

Nella vita prima o poi lo trovi uno sport che fa appassionare, fa mettere in gioco, fa sperimentare benessere e performance, permette di far parte di una squadra che segue obiettivi condivisi, fa condividere allenamenti e gare, trasferte e viaggi. Non c’è un’età per iniziare o per cambiare uno sport, importante è quello che si sperimenta e a volte le sensazioni e le emozioni sono ricche e intense. Lo sport è una palestra di vita, una modalità per sperimentarsi e mettersi alla prova, un’opportunità per apprendere dall’esperienza e portare a casa sempre insegnamenti.

 

Matteo SIMONE

http://www.ibs.it/libri/simone+matteo/libri+di+matteo+simone.html

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...