Riccardo Montani convocato per i Campionati Mondiali di Skyrunning

Sogno di fare bene in gare di livello e internazionali, il mondiale sarà già un’occasione ghiotta Matteo SIMONE

http://www.psicologiadellosport.net

 

In vista dei Campionati Mondiali di Skyrunning dal 13 al 15 settembre a Kinlochleven in Scozia, la FISKY, Federazione Italiana di Skyrunning, con un comunicato datato 27/07/2018 firmato dal Presidente Dott. Giulio Sergio Roi, ha convocato nella Squadra Nazionale i seguenti atleti:

Vertical K, 13 settembre, 5 km, + 1.000 m: Oberbacher Alex;

Skyrace, 15 settembre, 29 km, + 2.500 m: Rota Daniela, Cappelletti Daniele, Nani Eddj;

38614865_2120574384867962_4931553694912086016_nUltra, 14 settembre: 52 km, +  3.820 metri, tempo limite 16 ore: Canepa Francesca, Follador Cristiana, Fori Katia, Bonati Enrico, Carrara Luca, Montani Riccardo.

Team Leader: Roberto Mattioli.

Ringrazio Enrico Bonati per aver diffuso tale comunicato sui social permettendomi di venire a conoscenza del Campionato Mondiale e degli atleti convocati in considerazione che mi diletto ad approfondire il mondo dello sport (soprattutto corsa, trail, ultramaratone) sia con la pratica diretta sia intervistando atleti e poi scrivendo articoli e libri per diffondere prassi, teorie, esperienze utili.

Di seguito approfondiamo la conoscenza di Riccardo Montani attraverso risposte ad alcune mie domande: Ti sei sentito campione nello sport almeno un giorno della tua vita?Campione è una parola grossa, mi sono accorto di aver fatto delle grandi cose quando in occasione di alcune gare sono riuscito a battere avversari che stimo per i loro validi risultati passati. Forse la gara che in questo mi ha dato più soddisfazione è stata il sentiero 4 luglio di quest’anno.”

37083309_10214334004278155_6687956398535344128_n

Lo sport risulta essere un ingrediente importante e fondamentale nella vita di una persona, è importante praticare una disciplina sportiva individuale o di squadra e se poi ci si accorge di essere un talento è importante fare riferimento a persone più esperte e la strada verso la performance diventa molto più percorribile: Qual è stato il tuo percorso per diventare un Atleta?Ho praticato sport fin da piccolo, ho fatto 7 anni a giocare a basket, 1 anno mtb, 5 anni calcio. Con l’università ho mollato il calcio per gestirmi la corsa più liberamente (nello specifico mio zio mi ha indirizzato verso il trail running e lo skyrunning).”

 

Se ci si accorge di essere portati in uno sport, allora se c’è davvero passione e motivazione si possono fare grandi cose anche con l’ausilio di altri che aiutano, sostengono, supportano, consigliano: Chi ha contribuito al tuo benessere nello sport o alla tua performance? “Ho ricevuto consigli importanti rispetto agli allenamenti da parte di un amico, Riccardo Borgialli, che corre e vince gare come quelle che corro io, anche per quanto riguarda la nutrizione ho avuto delle dritte da un amico nutrizionista che lavora dove lavoro io.” Qual è stata la gara della tua vita, dove hai sperimentato le emozioni più belle?E’ probabilmente stata l’ultima vittoria al Bettelmatt trail da 52km, dove oltre a stare bene durante la gara ho trovato molti parenti e amici all’arrivo che mi hanno accolto davvero calorosamente.”

37141257_2096373670574570_2252233764295933952_n

La vita mette sempre davanti a scelte e bivi, ci sono tanti orti diversi da curare, l’orto individuale, familiare, lavorativo, allora diventa importante fare le scelte giuste e prendere le direzioni che nel momento presente sembrano le migliori e più appropriate in sintonia con il nostro modo di essere e con le risorse che abbiamo a disposizione nel momento presente con la consapevolezza di essere sempre pronti a rimodulare i nostri obiettivi cavalcando l’onda del cambiamento: Hai dovuto scegliere nella tua vita di lasciare uno sport a causa di una carriera scolastica o lavorativa?Non sono mai stato costretto ad un abbandono forzato ma devo dire che gli impegni universitari e negli ultimi anni lavorativi mi hanno rubato molto tempo agli allenamenti, in alcuni periodi sono stato quindi per niente allenato e incapace di competere come avrei voluto.” Cosa pensano i tuoi famigliari ed amici della tua attività?I miei parenti hanno grande stima per la mia passione e per l’impegno che ci metto, anche la maggior parte dei miei amici, ma molti di loro al tempo stesso scherzando (forse nemmeno troppo) dicono “Ma chi te lo fa fare?!” Cosa ti ha fatto mollare o cosa ti fa continuare a fare sport?Mi hanno fatto mollare un po’ gli impegni di lavoro e studio. Mi danno l’energia per continuare tutti coloro che credono in me e che mi supportano, parenti, amici, colleghi, sponsor; sono davvero di grande aiuto.”

36540475_10216626957575731_5476234274795421696_n

Per eccellere e per sperimentare allo stesso tempo benessere sono tanti gli ingredienti da considerare a partire da un sano stile di vita che non contempla né eccessi né troppe restrizioni,, uno stile di vita basato su interesse, impegno, motivazione, determinazione, fiducia in sé, resilienza: Quali sono i fattori che hanno contribuito al tuo benessere o alla tua performance?Una vita regolare, costituita da adeguate ore di sonno, un’alimentazione corretta, costanza e programmazione ragionata degli allenamenti.” Quale alimentazione segui prima, durante e dopo una gara? Usi farmaci, integratori? Per quale motivo?Prima della gara introduco molti carboidrati e qualche proteina (pasta o riso, un frutto, pollo o anche proteine in polvere), durante integratori con carboidrati e maltodestrine in gel, dopo integratore per il recupero e un buon pasto completo. Quindi si uso integratori soprattutto nel durante perché mi forniscono l’energia che necessito in modo rapido. Farmaci no.” Ti va di descrivere un episodio curioso o divertente della tua attività sportiva?Durante una gara ad Ornavasso si passava per vari alpeggi ed alcuni anziani tifosi che li popolavano avevano allestito dei piccoli ristori improvvisati. Ebbene, al traguardo ognuno di noi si era bevuto un bicchiere di vino bianco grazie a loro.”

36364106_2340953379248948_7446538315538366464_n

Lo sport è anche una buona modalità per approfondire la conoscenza di se stessi, di comprendere se stessi nelle difficoltà, lo sport incrementa l’autoconsapevolezza delle proprie qualità, capacità ma anche limiti: Cosa hai scoperto del tuo carattere praticando sport?Già da quando giocavo a calcio ed ora correndo per le montagne mi sono accorto di avere una grande tenacia, qualità che a volte mi porta però ad essere un po’ troppo testardo nella vita quotidiana.” Quali sono le capacità, risorse, caratteristiche, qualità che hai dimostrato di possedere?Per quanto riguarda le mie capacità fisiche riconosco di avere un asso nella manica quando affronto tratti in discesa e o molto tecnici, quindi di difficile percorrenza. Allo stesso tempo devo ancora migliorare molto la salita, soprattutto nei casi di gare brevi come il kilometro verticale. Dal punto di vista comportamentale, mi ritrovo spesso ad essere un “cagnaccio” nel senso che non mollo fino alla fine, e spesso difatti attuo dei bei recuperi in gara.” Hai sperimentato l’esperienza del limite nelle tue gare?Credo di esserci andato veramente vicino al termine di alcuni kilometri verticali.”

34845819_2133513986676335_2575662814777573376_o

La gara è gara, quando si tratta di mettere il pettorale per partecipare alla gare si cerca di fare del proprio meglio, si cerca di essere competitivi al massimo per testarsi, per vedere quanto è stato redditizio l’allenamento e la preparazione, per vedere a che punto siamo lungo un percorso importante verso mete e obiettivi sfidanti con un duro lavoro e un impegno costante senza scorciatoie e senza prendere in giro se stessi e gli altri: Che significa per te partecipare ad una gara sportiva?Significa certamente cercare di “dare tutto”, perché sono competitivo e orgoglioso, e solo così, riconoscendo che non avrei potuto fare di meglio, potrò essere in pace con me stesso anche quando la classifica non sarà clemente.” C’è stato il rischio di incorrere nel doping?No non c’è stato.” Qual è un messaggio che vorresti dare per sconsigliarne l’uso?Non cadete nel doping, oltre ai rischi per la salute, io non sarei in pace con me stesso, sarebbe come aver barato.” Ritieni utile la figura dello psicologo nello sport?La ritengo utile perché credo che possa essere di grande aiuto dal punto di vista motivazionale, è difficile a volte tenerla alta quando ci sono altri stress e fatiche nella vita quotidiana. La fatica più pericolosa che si riscontra in allenamento è forse proprio quella mentale. Dico questo nonostante sin ora non abbia ancora avuto l’occasione per confrontarmi con uno psicologo ma penso che due chiacchiere con una figura così possano a volte aiutare.”

35193376_2133525796675154_4112824166837649408_o

A volte lo sport diventa un grande investimento in termini di benessere e fa sperimentare sensazioni ed emozioni soprattutto se praticato all’aria aperta a contatto con natura e paesaggi incontaminati, inoltre c’è il grande vantaggio del senso di libertà che si percepisce e l’aggregazione con altri atleti in allenamenti e raduni per conoscersi meglio, condividere e confrontarsi: Quali sensazioni sperimenti facendo sport: allenamento, raduni, pregara, gara, post gara?Ogni volta che esco a correre cerco di essere appagato dalla natura che mi circonda, è per questo che preferisco il Trail all’asfalto, ma anche dalla sensazione di libertà che spesso mi viene data dalla corsa di per sé. Inoltre in allenamento do ascolto a come reagisce il mio corpo agli sforzi a cui lo sto sottoponendo per avere un’idea del mio stato di forma. Nel pregara, soprattutto sulla soglia di partenza, inutile dire, che l’adrenalina è a mille, ragion per cui mi ritrovo ad andare di corpo fino a tre volte prima di partire. Durante sono concentrato sul come sto gestendo le mie risorse rispetto al percorso e agli avversari, e su come reagisce il mio fisico. Nel post sono praticamente sempre felice di aver finito, di avere compiuto attività fisica che mi fa bene, di aver visto posti nuovi. Lo sono ancor di più (o di meno) in rapporto a come è andata la gara. Nei raduni è piacevole il fatto di essere tutti uniti dalla passione comune per la corsa e la montagna, mi piace inoltre confrontarmi rispetto ai loro allenamenti e modi di fare, questi ultimi tipicamente diversi a seconda della regione di provenienza.Quale può essere un tuo messaggio rivolto ai ragazzi per avvicinarsi allo sport?Trovate uno sport che vi piaccia e che vi motivi e praticatelo con passione perché lo sport fa bene, a corpo e mente proprio come dice quel proverbio, oltre che a fornirvi l’occasione per nuove conoscenze e legami sociali.”

37635135_2101453786733225_3839390004560265216_o

Lo sport aiuta ad elaborare pensieri e situazioni e in gara la mente diventa un valore aggiunto oltre alla fisicità è importante l’attenzione, la focalizzazione, l’osservazione nelle cose che si fanno soprattutto se si vuole eccedere e se non si vuole sbagliare, si tratta di attenzione e osservazione dentro se stessi, nell’ambiente circostante ed eventualmente nei confronti dei diretti avversari per essere sempre in sintonia con le proprie forze e cercare di tirare fuori il massimo da serbatoi energetici fisici e mentali anche nascosti: Quali sono i tuoi pensieri in allenamento, in gara?In gara cerco di essere sempre concentrato sul mio modo di gestione della gara stessa e di automotivarmi ripensando a tutti i perché faccio quel che faccio e a chi crede in me. In allenamento idem ma a volte pratico degli allenamenti più rilassanti per fortuna e allora penso a mille cose (il da farsi del giorno dopo, com’è andata la giornata, le spese, gli appuntamenti, ecc.).” Quali condizioni ti hanno indotto a fare una prestazione non ottimale?Probabilmente lo stato di spossatezza fisica e mentale data per esempio da una cattiva reintegrazione o dall’aver esagerato nello “spingere” all’inizio o forse più di tutto la demotivazione nata da un errore di percorso con relativa perdita di tempo e energie.

37220795_1995205237180033_5087523267602808832_o

E’ importante focalizzarsi sul momento presente ma comprendere quale potrebbe essere il nostro percorso ed è importante avere anche uno sguardo indietro ma solo per fortificarci rispetto all’autoefficacia guardando quello di buono che abbiamo fatto in passato e apprendendo da eventuali sconfitte: Quale è stata la tua gara più estrema o più difficile?Al momento è stato lo scenic trail in Ticino nel 2015 con 53km e 3800 D+ dove ho passato un momento in cui avevo pensato al ritiro (per fortuna poi ho continuato e anzi è andata benone).” Quale ritieni non poter riuscire a portare a termine?Credo che con la giusta preparazione possa riuscire a terminare qualunque gara, se ce la fanno gli altri perché non dovrei io? Il TOR de Geants è una gara che mi impressiona ad esempio, al momento non mi interessa prepararla, ma non mi dico che non possa farcela.” Come hai superato eventuali crisi, sconfitte, infortuni?Pazientando e ripensando a tutto ciò per cui avevo lottato sino ad allora per tenere alta la motivazione, e al fatto che si trattava di un periodo, che sarebbe passato.” Se potessi tornare indietro cosa faresti o non faresti?Non ho grandi rimpianti sinceramente, forse mi sarei potuto mettere d’impegno con gli allenamenti già qualche anno fa ma ho comunque avuto soddisfazioni da altri aspetti della mia vita.”

IMG_0518

E’ importante avere un’elevata autoefficacia che permetta di essere sicuri nell’affrontare gli eventi senza troppa ansia o tensione ma bisogna fare attenzione ad avere una stima troppo elevata che a volte può far abbassare la guardia e considerare gli eventi troppo semplici al punto da non impegnarsi sufficientemente o non valutare eventuali rischi o pericoli: Quali sono le difficoltà, i rischi, a cosa devi fare attenzione nella tua disciplina sportiva?Il rischio più pericoloso è secondo me quello di alzare troppo la cresta, bisogna sempre restare umili e parlare per ciò che si è dimostrato.”

 

Nella mente degli atleti ci sono sempre gare da partecipare e cercare di vincere o comunque cercare di fare del proprio meglio soprattutto se si tratta di gare nella propria zona o di livello internazionale: Quali sono i sogni che hai realizzato e quali quelli da realizzare? Penso di non aver ancora realizzato veramente dei sogni dal punto di vista dell’atleta, sono molto felice però che finalmente da quest’anno uno sponsor mi supporti (Salomon). Sogno di vincere la gara di casa, l’ultra trail del lago d’Orta e di fare bene in gare di livello e internazionali. Il mondiale di skyrunning in Scozia sarà già un’occasione ghiotta in tal senso.”

37898638_2059809004063559_5979172754723700736_n

Ringrazio Riccardo per la sua disponibilità a rispondere e per il tempo impiegato e dedicato e credo che per Riccardo il meglio debba ancora venire.

 

Matteo SIMONE

Psicologo, Psicoterapeuta
380-4337230 – 21163@tiscali.it
http://www.mjmeditore.it/autori/matteo-simone

http://www.ibs.it/libri/simone+matteo/libri+di+matteo+simone.html

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...