CORRI per VIA FILLAK per riappropriarsi del quartiere

26 agosto ore 09.00 allenamento collettivo con partenza da piazza de Ferrari

Matteo SIMONE

http://www.psicologiadellosport.net

 

Ricominciare dallo sport correndo domenica 26 agosto ore 09.00 da piazza de Ferrari verso il porto antico, riorganizzarsi, mettersi in movimento condividere percorsi e direzioni insieme. Riprendere dallo sport correndo per VIA FILLAK, un percorso di 4 Km nelle viuzze e nei caruggi del centro storico di Genova.

FullSizeRender34Iniziativa di Felice Zingarelli e Fabrizio Oliva: “Allenamento collettivo a passo libero APERTO A TUTTI, Alla fine verrà offerta una piccola colazione presso la trattoria Rosmarino (che verrà usata anche come base logistica per eventuali cambi e deposito borse) dove verrà chiesto un CONTRIBUTO LIBERO a favore della associazione “IL POLLICINO” PER I BIMBI di VIA FILLAK. Diffondere tra altri gruppi podistici o amici che amano semplicemente correre. Il tutto per non dimenticare la gente che ha perso la vita, che ha perso una casa e sopratutto ricordarsi che su quel ponte avremmo potuto esserci noi una delle tante volte che ci siamo passati. Vivi, Ama,Corri. Ps per motivi organizzativi confermatemi la vostra presenza in privato. Per INFO FELICE 3398301524 FABRIZIO 3289459346.”

Nella vita ci sono prove davvero durissime da affrontare, gestire e superare; non si è mai pronti per questo, le fasi da attraversare sono durissime ed è importante accettare e rispettare i propri tempi e le proprie modalità per riprendere in mano le redini della propria vita e ritornare alla quotidianità.

2L’impatto di un evento stressante sui bambini e gli adulti comporta tante sensazioni, provare forti emozioni, pensieri, comportamenti quali cercare di rimuovere dalla memoria l’accaduto, cercare di non parlare e di non rivivere quello che è successo, evitare ciò che ricorda l’accaduto.

I primi momenti sono i peggiori, il panico, la confusione, il congelamento, tutte sensazioni ed emozioni terribili che nessuno vorrebbe sentire e sperimentare che spiazzano. Si rimane sorpresi e impotenti davanti all’inimmaginabile che crea danni, lutti, dolore, perdite enormi.

IMG_6457Dopo i primi momenti comunque bisogna avere la prontezza, l’istinto, il coraggio di mettere in salvo se stessi e i propri cari, un po’ alla volta bisogna comprendere quello che è successo, quello che ci sta accadendo, quello che non siamo pronti ad affrontare, gestire, superare e organizzarsi.

In questi momenti si cerca di far rete con gli altri, ognuno diventa una risorsa per l’altro, se c’è un coordinamento, in base alle proprie competenze, esperienze, professionalità.

Si ha bisogno di qualcuno che si prende cura, che si preoccupa, che sostiene e supporta, che sostituisce la fragilità del momento, l’incapacità di provvedere a se stessi. Si è in tanti ad intervenire, ognuno diventa una risorsa se ben organizzata, se ben strutturata, se ben organizzata. Si creano relazioni, nuovi ponti, resti di collaborazioni per aiutare ad aiutarsi quelli che hanno bisogno in questo momento a causa di qualcosa molto grande e terribile.

IMG_6090Tante sono le associazioni che intervengono per dare un po’ di sollievo, un piccolo aiuto materiali, morale, psicologico. L’aiuto psicologico è importante a seguito di episodi critici, disturbanti, traumatici; la persona ha bisogno di essere messa al sicuro, di essere tutelata, di capire, di rinforzare le proprie capacità di affrontare la situazione.

FullSizeRenderwL’aiuto psicologico ha come obiettivo l’aiutare la persona a riprendere in mano le redini della propria vita, per poter uscire gradualmente dal tunnel, per potersi rialzare e riprendere a correre la propria vita con nuove modalità e nuove sfide.

Sono interventuo da sabato a martedì per supporto psicologico rivolto alle persone coinvolte nel disastro soprattutto, molti interventi con gente disperata e traumatizzata, molti ora fuori di casa senza certezze, tanti “scioccati” per essere passati sul ponte appena in tempo o arrivati in ritardo, tanti familiari in pensiero, tanti che hanno visto e udito dalle finestre, immagini e suoni che hanno bisogno di essere raccontati, elaborati, desensibilizzati.

FullSizeRenderqwRingrazio tante persone che ho conosciuto e da ognuno ho preso qualcosa, uno sguardo, una cortesia, un insegnamento. Ringrazio Giuseppe Pace che mi ha accompagnato tra le zone sfollate, mi ha raccontato del suo quartiere, mi ha ospitato a casa sua, mi ha fatto conoscere la sua famiglia, ha condiviso con me momenti tristi ma anche momenti di ripresa, di gioco, di condivisione.

Ringrazio gli scout che si sono dislocati alla postazione in via Fillach dispensando vivande e accortezze a tutti i presenti continuamente e ripetutamente, facendosi carico del benessere dei presenti e valutando momento per momento quello che poteva servire e come procurarselo.

Ringrazio i vari colleghi psicologi che hanno operato, appartenenti alle diverse associazioni, ognuno con l’obiettivo di fare qualcosa per l’altro, di occuparsi del dolore e della sofferenza dell’altro, di essere presente, visibile, pronto a intervenire spontaneamente o su richiesta.

L’aiuto psicologico aiuta a riorganizzarsi, a trovare nuove risorse interne personali, familiari, amicali, di rete locale. L’aiuto psicologico ha come obiettivo di sviluppare la fiducia in se stessi e negli altri, di aiutare ad accettare gradualmente l’accaduto e il cambiamento che ne è derivato, a trovare nuove direzioni, a rimodulare obiettivi.

IMG_6065Il trauma lascia sempre sconforto, ferite aperte, destabilizza. Non si è mai pronti a cambiamenti di vita disastrosi, drastici. Succede l’imprevisto, l’inaspettato e non si è pronti per subire, per stare con il dolore, la sofferenza, la rabbia, la frustrazione, la vergogna, l’incredulità.

L’aiuto psicologico aiuta a sostenere, a supportare, a distrarre, a indirizzare, a trovare modalità utili con strumenti efficaci per elaborare l’accaduto, per normalizzare in un primo momento i sintomi e poi per aiutare la persona a sviluppare la consapevolezza di ciò che percepisce nel momento presente, di quello che è successo; per non rimuovere, per non congelare, per non dimenticare ma per sistemare in modo sicuro nella propria esistenza come un’esperienza terribile ma che gradualmente si può attraversare e superare un passo alla volta insieme.

FullSizeRender456L’aiuto psicologico ha l’obiettivo di sviluppare la resilienza nelle persone, aiutare a ricostruire fiducia e relazioni, ricostruire se stessi, la propria attività. L’aiuto psicologico ha l’obiettivo di ritornare gradualmente alla quotidianità, di riprendere le cose lasciate in sospeso, di prendersi cura di sé, di trovare modalità per coccolare e coccolarsi.

 

Matteo SIMONE

380-4337230 – 21163@tiscali.it

http://www.mjmeditore.it/autori/matteo-simone

http://www.ibs.it/libri/simone+matteo/libri+di+matteo+simone.html

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...