Francis Desandrè: Tot Dret 130km, 5 amputati sulle alte vie del “Tor Des Geants”

Matteo SIMONE

http://www.psicologiadellosport.net

 

Quando succedono eventi critici che fanno soffrire, catastrofici e traumatici, si attraversa un tunnel e non si sa se si riuscirà ad uscirne fuori e quando tempo ci vorrà. Se si riesce a riprendere in mano le redini della propria vita e a cavalcare l’onda del cambiamento con le risorse residue a disposizioni riuscendo a prendere nuovi direzioni che portano a raggiungere obiettivi, mete, vette sfidanti difficili ma non impossibili trasformando sogni in realtà, allora si sperimentano sensazioni ed emozioni uniche, forti, intense che fanno sentire veramente vivi, felici, gioiosi. Attraverso risposte ad alcune mie domande approfondiamo la conoscenza di Francis Desandrè, 50 anni, Team “Gamba in spalla”: Cosa hai scoperto di te stesso nel praticare attività fisica?Laddove voglio arrivare arrivo, ognuno di noi deve credere in se stessi per primi.” Come hai superato eventuali crisi, sconfitte, infortuni?Appena mi succede qualcosa penso subito alla soluzione riparatrice e guardo avanti.”

41616224_10217761499737170_1338010122340794368_nFrancis sembra essere davvero una persona resiliente, lui che ha avuto l’amputazione a una gamba non è rimasto a casa ma ha voluto uscire fuori dalla zona di confort del divano di casa e mettersi in moto con le sue evidenti difficoltà ma con estrema attenzione e cercando di comprendere sempre di più come fare per non rinunciare ad attività che molti praticano con estrema passione e pertanto si è messo in gioco nello sport facendo cose impensabili e partecipando anche a gare di ultrarunning in montagna che prevedono percorsi con dislivelli altimetrici, insomma i è messo la gamba in spalla e l’ha portata in giro per allenamenti e gare sperimentando sempre più benessere emotivo e relazionale s sperimentando anche autoefficacia e resilienza superando qualsiasi barriera fisica o mentale: Ti sei sentito campione nello sport almeno un giorno della tua vita?Sì, tutte le volte che porto a termine una prova (non guardo classifiche).” Qual è stato il tuo percorso per diventare un Atleta?Osservando gli altri.” Qual è stata la gara della tua vita, dove hai sperimentato le emozioni più belle?La prima gara di Trail a Quart portata a termine.” Quale è stata la tua gara più difficile? “Il 4k alpine endurance, salita al Col Loson sulle alte vie a quota 3.299 s.l.m.”

Una certa dose di umorismo aiuta a risolvere diverse situazioni, aiuta a rendere più serena la vita, aiuta a essere più positivi e propositivi: Ti va di descrivere un episodio curioso o divertente della tua attività sportiva?La mia prima sciata con la protesi a Cervinia, al momento di scendere dalla seggiovia sono caduto e la protesi si è sfilata andandosene per fatti suoi, al che l’operatore fermò subito l’impianto urlando: “AIUTO questo si è rotto”, nella seggiovia dietro vi era il mio defunto amico Pierino che con la fermata brusca della seggiovia si dondolava sghignazzando e gridando all’operatore “Stai tranquillo è con me.” Pierino è noto a Cervinia, è di casa e sciava con una gamba sola! L’operatore disse: “ok”. Esperienza buffa.”

41522497_1509199975848637_4498292052814987264_nLo sport non è solo “rose e fiori”, non è tutto facile, si tratta di attraversare momenti e periodi di agitazione, ansia, tensione, soprattutto se uno vuol cercare di fare del proprio meglio, soprattutto se si tratta di affrontare gare considerate estreme: Quali sono le sensazioni che sperimenti facendo sport: pregara, in gara, post gara?Sono ansioso e vivo male il pregara, tendenzialmente non dormo la notte.Quali sono le difficoltà, i rischi, a cosa devi fare attenzione nel tuo sport?Beh molte, si passa al limite dell’esposto con precipizi notevoli.” Quali sono le condizioni che ti hanno indotto a fare una prestazione non ottimale?I crampi, ne soffro tanto.”

Lo sport incrementa la consapevolezza dei propri mezzi, risorse, caratteristiche, capacità, possibilità, limiti ma anche la fiducia in sé che aiuta a potenziare gli aspetti considerati critici e ad alzare gradualmente l’asticella: Cosa ti fa continuare a fare sport?La tenacia.” Riesci ad immaginare una vita senza lo sport?Al momento non è contemplato.Ritieni utile la figura dello psicologo dello sport?Non saprei, credo tanto in me stesso pure conoscendo bene qualsiasi forma di limitazione in ogni campo sia sportivo che culturale.”

40464236_10212603744113636_9051322686428413952_nLo sport permette di sperimentare che si può fare tutto se c’è passione e intenzione, che se ci credi e ti impegni si può arrivare ovunque, se veramente ci tieni a qualcosa metti in atto strategie corrette e stili di vita adeguati che concorrono al successo, al benessere, alla performance senza tentazioni di barare o ricorrere a scorciatoie illecite che fanno male a se stessi e allo sport: Quale può essere un messaggio rivolto ai ragazzi per avvicinarsi allo sport?Innanzitutto lontano dal fumo e bevande, volete dimostrare qualcosa ok lo sport, qualsiasi sport, vi aspetta.” C’è stato il rischio di incorrere nel doping?Mai…e poi non mi voglio ingannare.”

A volte l’atleta ha bisogno di essere supportato e sostenuto, soprattutto se si tratta di un atleta con “Gamba in spalla”, e allora ben vengano persone, istituzioni, amici, parenti che vengano non in soccorso ma in sostegno soprattutto nelle operazioni pre e post gara o allenamento: Nello sport chi ha contribuito al tuo benessere o alla tua performance?Inail mettendomi a disposizione protesi di riguardo.” I tuoi famigliari ed amici cosa dicono circa il tuo sport?Mi sono vicini e ne diventano condizionati.”

41469717_1812457235470224_3521677362276073472_nCredo che il meglio debba ancora venire per Francis e il suo Team “Gamba in spalla”. Francis dimostra davvero di essere tanto resiliente avendo progetti davvero ambiziosi ed è importante il suo esempio per tanti per provarci comunque nonostante ci siano degli impedimenti di qualsiasi sorta, la vita è bella e va vissuta al massimo giorno per giorno, senza limitazioni o barriere mentali: Quali sono i tuoi prossimi obiettivi? Quali sono i sogni da realizzare?Il totdret 130km, quest’anno come prima Mondiale (credo secondo le mie ricerche) vedere una staffetta 5 amputati sulle alte vie a 3000 metri anche di notte e 12000 metri di dislivello + e ovviamente anche in discesa che ci porterà da martedì sera del 11 settembre partenza da Gressoney fino Courmayeur in h24, con la collaborazione e benedizione del organizzatrice del “Tor Des Geants” Alessandra Nicoletti. Credo per quest’anno possa bastare, è farina del mio sacco, oltre che atleta ne sono il coordinatore, ho già un progetto ancora più ambizioso per il 2019 che svelerò all’ arrivo di Courmayeur venerdì 14 settembre se i giornalisti faranno domande in merito. A detta di tutti: “se cadi ti rialzi”, ma soprattutto: “non aspettarti nulla da altri, se poi arriva meglio”.”

41516694_10217761499377161_4536471138095595520_nQuando si sperimenta qualcosa che procura benessere si cerca di coltivarla e portarla avanti il più possibile. Nella mente degli atleti ci sono sempre progetti, obiettivi e mete da raggiungere, sfidanti e difficili, con impegno ed entusiasmo.

 

Matteo SIMONE

Psicologo, Psicoterapeuta
380-4337230 – 21163@tiscali.it
http://www.mjmeditore.it/autori/matteo-simone

http://www.ibs.it/libri/simone+matteo/libri+di+matteo+simone.html

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...