Maddalena Lanzilotti all’ultramaratona “Ultra Mirage el Djerid 100km”

Matteo SIMONE

http://www.psicologiadellosport.net

 

Il 29 settembre 2018 si è svolto in Tunisia a Tozeur l’ultramaratona “Ultra Mirage el Djerid 100km” il cui vincitore è stato l’atleta del Marocco Rachid      El Morabity con il crono di 09h11’ precedendo di pochi minuti il norvegese Sondre Amdahl 09h17’24” e il marocchino Mohamed EL MORABITY 10h16’46”. La svedese Elizabeth Barnes vince la gara femminile classificandosi in quarta posizione assoluta con il crono di 10:25:19 arrivando pochi minuti dopo il terzo uomo e precedendo la francese Oriane Dujardin 12h58’04” e la tunisina Chefia Hendaoui 13h35’08”.

IMG_6490Maddalena Lanzilotti si classifica ottava nella classifica femminile e seconda atleta italiana con il crono di 16h07’50”. Maddalena di seguito racconta la sua avventura: Come è andata?Nel 2018, vengo contattata per far parte del Trofeo Puglia Campionato Iuta Ultra Trail ero contenta ed emozionata per ciò e in quel periodo stavo preparando la (100 km di Seregno) su strada ma mi sono detta si dai proviamoci lo stesso i trail mi piacciono molto, mi svagano anche di più godendomi i panorami e i percorsi. Precisamente 25 marzo 2018 mi infortunio scivolando su una pietra così son dovuta pendermi un po’ di riposo forzato perdendo tutto il lavoro fatto comunque sono sempre stata positiva anche perché’ per lo meno un motivo c’era sapevo che una frattura passa e tutto si aggiusta, si, ferma per 4 mesi circa con esito frattura rotula ginocchio sx.

Il l8 luglio decido di fare qualcosa che mi potesse ridare un nuovo brivido … qualcosa che sognavo da anni e cioè il DESERTO… arriva il grande giorno 29/09/2018… tutto è pronto scarpe, maglia, cappello, calze, crema piedi, cibo, zenzero, papaia, parmigiano, uova sodo, noci…infine l’acqua obbligatorio 2 litri di acqua io ne avevo 2,5l, mi conosco il caldo non è il mio forte… soffro di più anche se il peso era di più, meglio soffrire meno il caldo. Ore 04.30 suona la sveglia…ore 5.30 destinazione luogo partenza gara…Ore 7.00 lo START… ci siamo adrenalina a palla…cuore batte …occhi lucidi… ci si saluta …ci si augura in bocca a lupo…ecco ci siamo…. START GO GO GO. Vai Maddy, parti pure meglio più veloce ma non toppo ho ascoltato il mio amico Rached il quale mi aveva detto meglio più veloce perché più fresco e percorso più scorrevole quindi sono andata finche’ potevo i cancelli nemmeno li pensavo.”

 

In effetti, proposi di convocare Maddalena Lanzilotti a Cotugno Giovanni, incaricato dalla IUTA per formare una rappresentativa Pugliese per la partecipazione al trofeo delle Regioni e Maddalena fu molto contenta e entusiasta da entrare subito nel clima di squadra con gli altri atleti convocati: Criticità, difficoltà, crisi? Cosa o chi ti ha aiutato? Cosa hai raccontato a casa?Obiettivi erano i check point per riempire le borracce di acqua, ve ne erano 5 circa uno ogni 20 km a parte il primo dopo 15 km.

IMG_6523Ebbene primo check point 2.10’ (cancello 4 ore) bene mi sono detta pieno recupero…stavo benissimo con una media top ma sapevo che sarebbe durata poco anche perché’ alle 10.30 il sole era già bello caldo e tosto siamo a circa 41/42 gradi … si va avanti inizia a sentirsi la sabbia … fine chiara e farinosa … ma il caldo di più, non ci si può nascondere da nessuna parte, ed ecco le mosche mamma mia non le sopportavo si appiccicavano al viso non ne volevano sapere di andare via; sono circa le 11.30 il secondo ceck point siamo al 35° km sto ancora bene nonostante il caldo mi fermo i volontari mi riempiono borracce chiedono se ho bisogno doccia di acqua al volo un po’ di datteri e si riparte per il prossimo ceck point che doveva essere al 50° km ma alla fine vi era circa 2 km dopo, capite che 1km intorno alle 14 nel deserto sulla sabbia non li fai in 6/7’ e nemmeno i top… quindi avevo terminato l’acqua, in lontananza non mi accorgo di un italiano che supero, vado avanti trovo Ala una ragazza bellissima della Giordania la ricordo così (siamo poi diventate grande amiche) le chiedo se mi potesse dare da bere perché’ sentivo la bocca secca, subito senza pensarci 2 volte mi sporge il tubo del suo camel bag ed io mi sento rinascere, si parte assieme ma lei era stanca così proseguo, mi riprende l’italiano di Alessandria, Franco Gallina e si accorge che ero un po’ più cotta di lui balcollante per il caldo, mi offre l’acqua che aveva, facciamo circa 1 km insieme fino al ceck point circa al 52° km finalmente i volontari con la pompa ci buttano acqua in testa e sulle gambe per riprenderci, era il top poi mi siedo tolgo scarpe calze svuoto sabbia mangio qualcosa e riparto ma non da sola incontro Roberto Marino un ragazzo che vive sul lago d’Iseo decido di proseguire con lui abbiamo parlato tantissimo diciamo che ce la siamo raccontati…di tanto in tanto ci fermavamo per svuotare le scarpe e magari anche qualche pipì ci scappava, in queste lunghe gare controllo sempre il colore della mia pipì, sempre meglio essere prudenti, spesso ci si bagnava la testa, le mani, i polsi sempre facendo attenzione a non consumare troppa acqua.

IMG_6532Eravamo ormai al 65° km … così pian pianino abbiamo iniziato a veder andar via il sole caldo e finalmente si iniziava a star meglio, appena si poteva si provava a correre ma subito dopo pochi centinaia di metri nulla, troppa sabbia, si riprendeva il cammino… ad un certo punto ci ritroviamo a fare una salitina (alla faccia di chi dice che il deserto è piatto!) subito dopo sentiamo urlare e vediamo una 4×4, era la moglie di Roberto con le sue amiche, si trovavano lì di passaggio per visitare la zona, eravamo felicissimi, quando corri dei tratti molto lunghi queste piccole emozioni a me danno una carica e un’energia che dimentico tutta la stanchezza e mi gazo. Bene si prosegue, iniziavo a vedere il tramonto, i dromedari, la 1 stella a sx la ricordo bene. Dico Roby guarda la stella polare, dai ci sta illuminando, quella ci porterà al traguardo è un portafortuna! Lui… Maddy che spettacolo. Poi mi dice Maddy vai tu ne hai, io sono stanco ho pure mal di stomaco!

IMG_6535Ecco Roby prendi questo zenzero ti farà stare meglio, se non va bene ho un marsupio con tutto quello che può servire fidati sono un’infermiera ho di tutto qui… ho anche una lettera in inglese x eventuali urgenze! Mi ha guardato si è messo a ridere mi fa: NOOOO GRANDE MADDY! Capite che in queste situazioni poco mi importava di arrivare 1 ora prima o dopo, volevo continuare con lui mi trovavo bene ma era troppo stanco non riusciva, anche il camminare diventava un problema per lui così in lontananza si intravede un runner, bene dico dai dai lo/la prendiamo su su Roby a quel punto abbiamo fatto circa 500 mt insieme ad una ragazza e dopo un po’ ero tranquilla lasciavo Roberto in compagnia della ragazza anche perché’ iniziava a essere buio e avevo notato che lui in quel momento avesse più bisogno di sostegno non per vantarmi ma io avevo dentro una energia megagalattica e non vedevo l’ora di arrivare alla fine di  tagliare quel traguardo che ho sempre sognato o guardato immagini in televisione e riviste. Cosi pian pianino mi allontano ogni tanto mi giravo e urlavo forza forza su dai non mollate il Finish è lì che ci aspetta! Ebbene Maddy, questo mi son detta, ora si va da soli e così pian pianino tra cammino e corsa si proseguiva ormai era buio intorno a me un cielo stellato da favola, la luna, la sabbia e lo spettacolo dei dromedari che la luce frontale che li rifletteva loro, il buio della notte tutto ciò.”

 

IMG_6542.jpgL’esperienza degli ultrarunner sono sempre bizzarre e sorprendenti, soprattutto il deserto mette alla prova le persone con vaste distese di sabbia con la sabbia che si infila dappertutto, con la sensazione di sete sempre addosso, con spazi infiniti: Che sapore ti ha lasciato questa gara?E’ stata un’emozione unica , intanto si proseguiva facendo sempre attenzione all’acqua a mangiare qualcosa di tanto in tanto alternando come sempre dolce e salato e bere Sali… era arrivato il momento di mangiare anche qualche pezzo in più di zenzero, e sempre proseguendo guardo garmin ero quasi a 80 km  giusto per svuotare scarpe e ricontrollare borracce dell’acqua questo era l’ultimo ceck point il prossimo era il traguardo diciamo che mancano 20/22  km al traguardo… giusto una mezza mi dico dai dai su su Alza ste chiappe e ste gambe più mi muovo prima arrivo; in situazioni simili pensi a molte cose…  pensavo a mio marito che era a casa e sapevo che mi seguiva pensieroso, alla mia famiglia, a mia mamma che non era al corrente ciò per non farla preoccupare, alla mia cagnolina Neve che tutte le volte che vede il borsone si infila dentro perché’ non vuole che vada via (cosi sono costretta a mettere il borsone fuori dalla porta) pensa che la abbandoni allora mi dico Maddy alza le gambe e vaiiii non voltarti indietro  tanto non sei da sola (ci sono con te le stelle e i tuoi 2 angeli custodi che ti guardano) cosi guardavo avanti cercando di fare attenzione a non sbagliare strada ed era facile data la stanchezza e il buio dopo un po’ mi abbandona anche il garmin ma ormai mancava poco dovevo andare avanti anche se ogni tanti dicevo caspita ma nessuno incontro?!

IMG_6552Cosi cammina cammina ed ecco che intravedo dopo ore in solitaria delle luci, delle voci… mi dico sono vere non sono allucinazioni!!!?? Si…  Si… si… il traguardo Il FINISH così tanto atteso. Salto e urlo dalla gioia sembravo una bimba, ormai la fatica non c’era più anche se non c’è mai stata fin dal primo momento neanche la paura del recupero frattura del ginocchio c’è stata ma solo così al giorno dopo guardo la classifica mi ritrovo con 1 donna italiana 8 donna Assoluta e 46 assoluta questa è stata la mia 1 esperienza nel deserto del Sahara.”

 

Tutto passa, tutto scorre, passa la fatica, passano le allucinazioni e i deliri visivi e uditivi, rimangono ricche esperienze con persone che condividono sogni e speranze, partenze e arrivi, crisi e difficoltà: Che significato ha per te questa gara?Tutti noi passiamo dei momenti difficili nella vita di tutti i giorni chi più chi meno, poi ne arrivano alcuni che ti travolgono come un uragano ma sai che devi sempre combattere e se ce la fai e perché’ c’è ancora bisogno di te in questa terra o magari qualcuno ha ancora bisogno di te e di capire che non bisogna mai arrendersi bisogna sempre provarci cosi non avremo mai rimpianti, qualcuno di voi queste parole le ha già sentite da me ma io non smetterò mai di dirle, è importante svagare la mente in qualcosa che vi piace, qualcosa che vi faccia sentire liberi e bene. Nel 2013 quando ho iniziato a capire e auto incoraggiarmi che potevo farcela pur avendo avuto 2 gravi problemi di salute quello che negli ultimi anni ormai affligge un po’ tanta gente giovane e non giovane e quindi grazie grazie grazie ancora alla corsa che mi ha fatto rinascere… Ebbe inizia così la mia avventura con la corsa.”

 

IMG_6553A volte lo sport è risolutivo, permette di sperimentare una seconda vita più consapevole, permette di mettersi in gioco sperimentando una vita più reale: Cosa hai imparato dall’esperienza o dagli altri atleti?Quando corro non sono mai sola perché’ corro sempre con la speranza nel cuore!” Cosa porti a casa?La GIOIA del traguardo e di rivedere le persone che amo e gli amici!”

 

Gli ultrarunner sono infermabili, instancabili, insaziabili, ingordi, sempre alla ricerca di nuovi stimoli, sensazioni, emozioni, incontri per sperimentarsi, mettersi alla prova, sfidare se stessi e gli altri: Quali sono ora tue mete, direzioni, obiettivi?Dopo appena 20 gg dal deserto anche i campionati italiani 24h andati bene.”

 

Nel libro “Lo sport delle donne” riporto un’intervista a Maddalena Lanzilotti.

http://www.prospettivaeditrice.it/index.php?id_product=425&controller=product

 

Matteo SIMONE

http://www.mjmeditore.it/autori/matteo-simone

http://www.ibs.it/libri/simone+matteo/libri+di+simone+matteo.html

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...