Vito Intini batte il Record Mondiale di 12 ore su Tapis Roulant

Matteo SIMONE

http://www.psicologiadellosport.net

 

Ora è ufficiale! Sabato 8 Dicembre al Marathon Expo PalaBigi di Reggio Emilia, l’ultrarunner Vito Intini, atleta dell’ASD Amatori Putignano, ha battuto il Record Mondiale di 12 ore su Tapis Roulant percorrendo 152,500km prima detenuto dall’italiano Daniele Baranzini con 148,12 km. Vito Intini è già detentore del record del mondo di 24 ore su Tapis Roulant.

47682475_1975106039277592_7875505857922859008_n.pngNon c’è un età per iniziare a fare sport così come non c’è un’età per smettere di fare sport o di smettere di essere competitivi, Vito Intini continua a mettersi in gioco e a ottenere risultati di rilievo. Di seguito approfondiamo la sua impresa attraverso risposte ad alcune mie domande di un po’ di tempo fa: Cosa ti spinge a continuare ad essere ultramaratoneta?Le motivazioni sono un po’ cambiate. Prima era per raggiungere e conoscere i propri limiti oggi più per sfida verso la legge biologica dell’invecchiamento.”

 

E’ importante considerare altri aspetti oltre all’allenamento fisico, aspetti da curare e da allenare per bene, che aiutano a impegnarsi con fiducia in se stessi, con tecniche che ti permettono di saltare razionalità, come visualizzazioni e meditazione: Quali meccanismi psicologici ti aiutano a partecipare a gare estreme?La meditazione. L’introspezione e la convinzione di essere preparato infine anche tecniche di visualizzazioni uso di frequente.”

 

47684825_2051445491583186_5079011926617358336_nApprofondendo il mondo degli ultrarunner, si scopre che è un mondo bizzarro, divertente, affascinante, un mondo per pochi privilegiati: Ti va di raccontare un aneddoto?Ne sono tanti. Allora per motivi di lavoro viaggio spesso in giro per l’Europa. Non sempre riuscivo a correre visto il clima rigido nel nord e le giornate corte d’inverno. Per questo motivo ho iniziato a scegliere Alberghi con la palestra per poter correre sul tapis roulant. Dopo molti anni parlando con Antonio Mammoli (durante la permanenza a Gibilterra per il mondiale della 100 km) scoprii che esistevano anche i record di ultramaratona sul tapis roulant. Lui era detentore del record Italiano sulla 100 Km. Per una scommessa con lui ci provai anch’io scoprendo così che mi sentivo a pieno agio su quel macchinario. Da allora molti alberghi hanno dovuto sostituire il loro treadmill dopo il mio soggiorno. Settimana scorsa è stato un albergo di Perugia.”

 

48249833_2050661824994886_3938199717229363200_nPiù aumenta l’impegno nelle gare, più aumenta la distanza, più diventa necessario non solo allenamento fisico ma anche mentale per andare avanti e superare momenti, anche gli allenatori si arrendono nell’allenare atleti in distanza superiori alle maratone, sanno che diventa importante allenare la componente mentale: In quali circostanze hai dimostrato l’importanza del potere della mente?L’importanza della mente non è una circostanza particolare dove lo dimostri ma è proprio tutto l’approccio della gara dove continuamente è una rapporto tra mente e corpo. Io lavoro molto su questo, non solo sulle visualizzazioni, su come affrontare la gara, ci sono diverse tecniche che uso, quella anche di essere preparatissimo agli eventi di grandissima difficoltà. Mi immagino anche già prima di fare la gara quanto siano difficili i momenti di crisi, come affrontare, come reagire, è chiaro che non ti puoi preparare su tutto quello che può capitare. La mente è molto brava a trovarsi delle scuse, però queste attività e la durata negli anni possono essere gestiti solo se tu lavori anche con la mente, ti alleni con la mente, non solo fisicamente a fare tanti km, abbiamo tanti atleti in Italia che vanno forti in Italia ma sono pochissimi gli atleti che durano a lungo, non è una questione di vecchiaia sicuramente.”

 

48252732_1975105829277613_2554120212303577088_nNell’ultramratona come negli altri sport di endurance contano le motivazioni e per Vito una grande motivazione sembra essere conoscere sempre di più i propri limiti, a maggior ragione ora che si è avanti con l’età, ma Vito riesce a dimostrare che documentandosi bene anche attraverso letture scientifiche internazionali di lingua inglese, può avere più strumenti per gestire la gara e ottenere ancora eccellenti performance: Quali sono i benefici nel praticare lo sport di lunghe distanze?In realtà a livello fisico non ce ne sono benefici, inutile girarci intorno e costruire degli alibi per cui è giusto fare queste distanze. Personalmente sono d’accordo con le teorie dei vari Pizzolato, Albanesi e altri che definiscono una distanza critica per ogni soggetto che sicuramente per la maggior parte degli esseri umani non raggiunge neanche la maratona, sono d’accordo con loro, dunque non c’è niente che possa dirci che sia salutare. Poi invece per quanto riguarda in generale i benefici nella vita quotidiana affrontare difficoltà di questo spessore mi ha fatto capire la debolezza o le debolezze che ho, spesso uno è convinto per indole o per educazione di essere superiore questo spessore ti rendi conto che puoi diventare un piccolo bambino che piagnucola e non è in più grado di ragionare come adulto.”

 

48266556_2051445541583181_2524047499837046784_nL’allenamento non è solo correre a più non posso ma fare i conti con la gestione della gara in quel momento, in quel contesto, gestire alimentazione, temperatura atmosferica, quindi essere il meno impulsivo e valutare bene la propria condotta di gara che ti porta ad essere prudente e con energie da far bastare fino alla fine gara: Quali risorse hai scoperto di avere praticando sport?In realtà non è che scopro le risorse, si scopre piuttosto ciò che non si è in grado, ciò che non si possiede, e che spesso si crede di possedere, questo senso di onnipotenza che ognuno di noi porta dentro di sé, credendo di essere il centro dell’universo, questo sport ti fa capire che non è così, che tu sei semplicemente un frammento nell’universo e tutta la forza e l’impegno che poi ci puoi mettere, in realtà è talmente piccolo e in ogni momento può essere distrutto da una piccola debolezza della mente, insomma ti toglie un po’ l’importanza che si crea nel mondo dell’ultramaratona, come se fossero delle persone migliori o più forti, in realtà non è così, è un gioco e ci sono giochi sicuramente anche giochi più divertenti che correre le ultramaratone e più salutari.”

 

48368573_2051346068259795_6187102390789865472_nE’ risaputo che le gare di endurance, di sport prolungato, in condizioni più avverse, quasi estreme, è la testa che fa la differenza, la notevole esperienza ti permettere di gestire situazioni, crisi, difficoltà: Cosa hai scoperto di te, degli altri, dello sport?Di me non c’è niente da scoprire, sono trasparente con me stesso, dialogo spesso con me stesso, come se fossi di fronte a me e mi interrogo. Invece degli altri ho scoperto che anche se tu hai delle nozioni che vuoi trasferire a loro ho notato che puoi trasferire i tipi di allenamento, come allenarsi però lì dove fai il gap dove fai il salto di qualità è quello mentale. In Italia è quasi impensabile, la psicologia viene vista come una malattia, solo se hai problemi ti confronti con uno psicologo mentre questo negli altri paesi avviene frequentemente. Essendo nato e cresciuto in Germania e avendo i genitori Italiani, io ho questo dualismo di culture, la interculturalità che mi porto dalla nascita mi ha facilitato sempre il confrontare la mente con il corpo.

 

ImmaginePer approfondimenti “Ultramaratoneti e gare estreme” e di prossima uscita il libro “Maratoneti e ultrarunner. Aspetti psicologici di una sfida”. Inoltre è menzionato diverse volte Intini nel libro “L’ultramaratoneta di Corato”, sia dal sottoscritto che dal coautore Giuseppe Mangione.

http://www.arduinosaccoeditore.eu/products/l-ultramaratoneta-di-corato/

 

Matteo SIMONE

http://www.mjmeditore.it/autori/matteo-simone

http://www.unilibro.it/libri/f/autore/simone_matteo

http://www.ibs.it/libri/simone+matteo/libri+di+matteo+simone.html

https://www.ibs.it/ultramaratoneta-analisi-interminabile-libro-vari/e/9788898615872

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...