Insieme è molto meglio nella condivisione dell’esperienza di fatica

Passa la fatica, rimane la consapevolezza della forza interiore acquisita

Matteo SIMONE

http://www.psicologiadellosport.net

 

Lo sport diventa allenamento alla vita, alle intemperie interiori. La fatica diventa amica, più è grande la fatica e più ne sarai riconoscente quando è finita, più è ripida la salita e più sarai soddisfatto quando sei in cima. Se vuoi, se ci credi, tutto passa, tutto cambia, passa la fatica, passa la salita, quello che rimane è la consapevolezza della forza interiore acquisita che aiuterà non solo nello sport ma anche nella vita quotidiana, lavorativa, familiare, relazionale, individuale.

50758741_10212928239976511_2915959241212690432_nInsieme è molto meglio nella condivisione dell’esperienza di fatica e poi anche di gioia, entusiasmo, soddisfazione. Lo sport davvero avvicina persone, culture, mondi e rende felici e resilienti sintonizzandosi sull’obiettivo da portare avanti seguendo mete e direzioni ed essendo sempre pronti a rimodulare tutto cavalcando l’onda del cambiamento e utilizzando risorse residue, che diventano a volte sorprendenti e rinnovabili. Questo è il vantaggio dello sport.

Dietro lo sport c’è un mondo fatto di tanta fatica e impegno con passione e determinazione, tanti pensieri e dubbi, tante sfide e sogni da realizzare, tante prove in allenamento e gara, tante persone dietro gli atleti; chi rema a favore e chi contro, ma anche tante gioie e soddisfazione oltre a tanti aspetti da curare quali forza fisica e mentale, resistenza, fiducia in sé, clima di squadra, coordinazione, si porta a casa sempre tanti insegnamenti, esperienze che fanno crescere e maturare.

Continua a leggere

Annunci

Lo sport avvicina persone e culture per condividere fatica e divertimento

Matteo SIMONE

http://www.psicologiadellosport.net

 

Lo sport abbatte barriere culturali e generazionali, avvicina persone, paesi, popoli, rende liberi. Puoi salire quando vuoi sul treno dello sport, non c’è un età per iniziare o per smettere, puoi stare davanti o dietro, se sei stanco puoi rallentare, decidi tu quando scendere, non devi dar conto a nessuno se non a te stesso, puoi arrivare ultimo ma sarai sempre acclamato.

50673270_10212929035636402_7482536485145542656_n.jpgA volte lo sport contagia, confonde, fa perdere il senso del tempo, il tempo che passa, il traguardo che arriva; a volte lo sport fa incontrare persone e paesaggi, fa viaggiare nei sogni e nella realtà. Questo è lo sport che vogliamo, certi treni passano, bisogna prenderlo al volo e lasciarsi trasportare per strade, ville, parchi e monti.

Continua a leggere

Simone Leo: La Brasil 135 per chiudere il cerchio delle 7 ultra più dure al mondo

Mi mancava nell’elenco delle gare che sognavo!

Matteo SIMONE

http://www.psicologiadellosport.net

 

Da un po’ di anni seguo le imprese degli ultramaratoneti e partecipo io stesso ad alcune gare per conoscere questo mondo sorprendente e privilegiato, per comprendere cosa passa nella mente degli ultrarunner e nella mia stessa mente. Mi imbatto in ultramaratoneti che si metono in gioco sfidando se stessi e portando a termine gare considerate imprese e lunghi viaggi della durata superiore ai 200km con condizioni climatiche assurde e terreni anche impervi e con dislivello.

50542051_1984448088334983_1502907811053436928_nQualcuno direbbe che sono pazzi, che sono masochisti, che non hannno altro di importante da fare. Ma io approfondendo questo mondo noto che ci sono persone molto mature e respondabili che approfondiscono al conoscenza di loro stessi partecipando a queste gare con preparazione anche estrema e dettagliata con attenzione al proprio corpo e alla propria salute e integrità. Inoltre per certe gare è prevista un’asistenza obbligatoria a cura di persone che costituiscono un team e che diventao indispoensabili per il buon esito dell’impresa. Tutto ciò si costruisce nel tempo cautamente e gradulamente faciendo esperineza sul campo partecipando a gare sempre alzando l’asticella e provando a organizare anche gare impegnative a seguito dell’esperienza acquisita.

Continua a leggere

Antonello Landi, Campione del Mondo corsa con le ciaspole categoria Master 40

Matteo SIMONE

http://www.psicologiadellosport.net

 

Si è svolta in Val di Non la 46° edizione della Ciaspolada, il cui titolo Mondiale maschile è stato vinto da Cesare Maestri dell’AMORINI TSL TEAM ITALY VALLI BERGAMASCHE LEFFE in 28’46” che ha preceduto lo statunitense Joseph Gray dell’ELMORE GRUPPO in 29’30” e Alessandro Rambaldini dell’AMORINI TSL TEAM ITALY VALLI BERGAMASCHE LEFFE in 30’12”.

50539544_10212941017695946_7320225393242275840_nIl titolo Mondiale femminile è stato vinto da Anna Laura Mugno dell’ORECCHIELLA GARFAGNANA in 36’54” che ha preceduto Isabella Morlini dell’ATLETICA REGGIO – BALDAS in 37’19” e la statunitense Michelle Hummel dell’ELMORE GRUPPO in 37’35”.

Per quanto riguarda la classifica a squadra, il titolo maschile è andato all’Italia grazie, oltre che a Cesare Maestri e Alessandro Rambaldini, anche a Filippo Barizza del BARIZZA SPORT LIBERTAS 30’31” con un tempo totale di 01h29’29” precedendo gli Stati Uniti 01h34’59”, la Spagna 01h35’01”, il Canada 01h37’18”, la Francia 01h46’10”, il Regno Unito 02h12’27” e la Germania 02h14’35”.

Continua a leggere

Luca Parisi: Mi sono sentito campione ogni volta che ho tagliato il traguardo

Matteo SIMONE

http://www.psicologiadellosport.net

 

Si è svolta la “Corsa di Miguel” il 20 gennaio 2019 e in tale occasione Luca Parisi ha provato a puntare in alto cercando di vincere la competizione ma si classifica al terzo posto con il crono di 30’20” sperimentando comunque una vittoria personale. Di seguito, Luca racconta la sua passione per la corsa rispondendo ad alcune mie domande: Ti sei sentito campione nello sport?Mi sono sentito campione ogni volta che ho tagliato il traguardo di una competizione.Cosa hai scoperto di te stesso nel praticare sport?Ho imparato a vincere le difficoltà e a superare gli ostacoli così come nello sport anche nella vita.Come superi eventuali crisi, sconfitte, infortuni?Guardo sempre al futuro ma anche al passato al fine di evitare di rifare gli stessi errori.

50534690_10212935304473119_3557770351876243456_nLa corsa in particolare a volte diventa una sana abitudine, un’opportunità di svago, di crescita personale gestendo allenamenti e gare in compagnia o anche da soli: Qual è stato il tuo percorso per diventare un Atleta?Premesso che non mi definisco un vero e proprio atleta, gli atleti quelli veri sono stipendiati per fare la propria attività sportiva e a me interessa solo superare i miei limiti. Ho iniziato a correre in un parco vicino casa in compagnia di un ragazzo di nome Raffaele, che mi ha fatto conoscere la corsa in maniera molto più seria, rispetto a un primo approccio da principiante, poi ho avuto diversi allenatori, tra i quali Armando Martini venuto a mancare da qualche giorno, e infine da meno di un anno corro allenandomi completamente da solo, corro da circa 18 anni.”

Continua a leggere

La corsa di Miguel per condividere lo sforzo e la fatica insieme

Matteo SIMONE

http://www.psicologiadellosport.net

 

La corsa di Miguel cos’è? È una classica della capitale, è una gara da non mancare in ricordo di un desaparecido argentino Miguel Sanchez, lavoratore, runner, poeta.

Perché partecipare? Per esserci con il cuore, il corpo e la mente; per condividere un ricordo; per condividere lo sforzo e la fatica insieme raggiungendo traguardi importanti o simbolici; un’occasione per conoscere gente uguale a noi, diversa da noi, ordinaria o straordinaria, veloce o lenta, abile o con altre abilità. Tanti incontri, tanti amici per fare parte di un team e condividere fatica e divertimento.

50519311_813332105673275_5621403696953819136_oPerché esserci? Per incontrare amici prima della partenza, durante il percorso, dopo l’arrivo; per incontrare nuovi amici; per apprendere da se stessi mettendosi in gioco, per apprendere dagli altri diversi o più esperti.

Continua a leggere