Antonello Landi, Campione del Mondo corsa con le ciaspole categoria Master 40

Matteo SIMONE

http://www.psicologiadellosport.net

 

Si è svolta in Val di Non la 46° edizione della Ciaspolada, il cui titolo Mondiale maschile è stato vinto da Cesare Maestri dell’AMORINI TSL TEAM ITALY VALLI BERGAMASCHE LEFFE in 28’46” che ha preceduto lo statunitense Joseph Gray dell’ELMORE GRUPPO in 29’30” e Alessandro Rambaldini dell’AMORINI TSL TEAM ITALY VALLI BERGAMASCHE LEFFE in 30’12”.

50539544_10212941017695946_7320225393242275840_nIl titolo Mondiale femminile è stato vinto da Anna Laura Mugno dell’ORECCHIELLA GARFAGNANA in 36’54” che ha preceduto Isabella Morlini dell’ATLETICA REGGIO – BALDAS in 37’19” e la statunitense Michelle Hummel dell’ELMORE GRUPPO in 37’35”.

Per quanto riguarda la classifica a squadra, il titolo maschile è andato all’Italia grazie, oltre che a Cesare Maestri e Alessandro Rambaldini, anche a Filippo Barizza del BARIZZA SPORT LIBERTAS 30’31” con un tempo totale di 01h29’29” precedendo gli Stati Uniti 01h34’59”, la Spagna 01h35’01”, il Canada 01h37’18”, la Francia 01h46’10”, il Regno Unito 02h12’27” e la Germania 02h14’35”.

Il titolo a squadra femminile è andato all’Italia grazie, oltre che ad Anna Laura Mugno e Isabella Morlini, anche a Simonetta Minestrini dell’AMORINI TSL TEAM 39’40” con un tempo totale di 01h53’53”, precedendo gli Stati Uniti 01h57’17”, la Spagna 02h24’18” e il Regno Unito 02h44’52”.

Da evidenziare la 7^ posizione di Antonello Landi dell’AMORINI TSL ITALY POTENZA PICENA che vince il titolo di Campione del Mondo Categoria Master 40 in 30’54”. Di Seguito, approfondiamo la conoscenza di Antonello attraverso risposte ad alcune mie domande di un po’ di temo fa: Come hai scelto il tuo sport?Quasi per caso da ragazzino, con le gare scolastiche, poi in seguito con una piccola società di atletica in un piccolo paesino.”

49572494_10213490022472644_7060357112802574336_n

Hai dovuto scegliere di prendere o lasciare uno sport a causa di un percorso di studi o carriera lavorativa?No, anzi l’atletica mi ha aperto le porte del lavoro: mediante le ‘Fiamme Azzurre’ ho ottenuto la possibilità di avere un futuro e soprattutto la possibilità di praticare atletica a tempo pieno da professionista in un determinato periodo.”

In che modo lo sport ha contribuito al tuo benessere? Per fare sport ad un certo livello bisogna seguire uno stile di vita, che contribuisce al benessere fisico, psicologico. A volte si devono fare delle rinunce non fare tardi la sera, riposarsi bene specie prima delle gare, seguire un alimentazione adeguata.”

50099078_1079529398896108_283081573652234240_n

Se davvero vuoi fare bene, bisogna mettercela tutta, fare tanta attenzione agli ingredienti del successo, a tutto ciò che contribuisce alla performance e questo Antonello ha ben chiaro: Cosa ti ha fatto mollare o cosa ti fa continuare a fare sport?La passione alimenta la mia motivazione e la mia competizione con me stesso, e poi sono molto motivato dalla mia famiglia che mi segue e mi sostiene sia in allenamento che in gara. Oggi, dopo anni, è grazie a questo se porto avanti questa disciplina iniziata da ragazzino.” Riesci ad immaginare una vita senza lo sport?No, è proprio lo sport che pratico che costella la mia vita di diverse emozioni.

Dai paesini, per caso, vengono fuori tanti campioni, che iniziano con pochi mezzi a disposizione, poche strutture, ma tanta voglia di far bene, di impegnarsi, di eccellere: Nel tuo sport quali sono le difficoltà e i rischi? A cosa devi fare attenzione? Quali abilità bisogna allenare?Nell’atletica si incontrano diverse difficoltà, quali l’assenza di strutture adatte soprattutto per i giovani, totale assenza di percorsi urbani: si è costretti a correre in strade trafficate, oppure fare km in macchina per correre in sentieri naturali. Sicuramente si deve fare attenzione ad una corretta alimentazione, specie per la preparazione di una maratona, poi usare scarpe idonee per evitare infortuni. Le abilità variano dalle capacità del singolo atleta: in base alla stagione agonistica in corso, e dalle gare in programma, lavoro aerobico oppure di sintesi.

49734920_1162011407296064_5815493891830317056_n

Sono tanti gli ingredienti del successo, e l’atleta metaforicamente diventa come un ottimo cuoco, deve essere informato su tutto, strumenti, attrezzi, alimentazione, scarpe, tutto contribuisce all’eccellente forma, alla performance: Cosa mangi prima, durante e dopo una gara?Due ore prima della gara consumo the con fette biscottate e marmellata se la gara non supera i 10 km e si svolge di mattina, se la gara e una 21 km aggiungo anche barrette di magnesio e cereali. Durante la gara invece solo se supera i 30 km integro con dei ‘carbon gel’ a distanza di 5 km e dopo il 15° km e la sera prima assumo pasti a base di carboidrati. Dopo una gara solo liquidi, integrazione di Sali minerali e dopo 2/3 ore amminoacidi per il recupero muscolare ma non sempre ne ho bisogno, preferisco il recupero naturale con la corsa lenta di recupero.

50094281_10213490022632648_3654173959441612800_n

La gara non finisce al traguardo ma continua i momenti, le ore, i giorni successivi, è importante un reintegro di quanto si è consumato a livello energetico ed un sano recupero: Quali sono le condizioni fisiche o ambientali che più spesso ti hanno indotto a non concludere la gara o a fare una prestazione non ottimale?Quasi mai non ho portato a termine una gara, solo in condizioni fisiche critiche, anche se non rispettavo i miei ritmi preferivo continuare e concludere la mia competizione.”

Cosa e quali persone hanno contribuito al tuo benessere nello sport o alla tua performance?La mia famiglia contribuisce molto al mio personale benessere, e grazie al suo supporto migliora la mia performance, ma anche la motivazione personale alimentata dai mie successi mi dà la forza e stimolo di continuare.”

49742752_10213490021952631_2204096659900596224_o

Importante, per fare le cose bene ed a lungo, una grande passione, una forte motivazione interna, ma ancora più importante è il sostegno, l’incoraggiamento, il supporto degli altri soprattutto da parte dei famigliari, da soli tutto di venta più difficile: Qual è stata la gara della tua vita dove hai sperimentato le emozioni più belle?La gara che ha contribuito a costruire il mio futuro è stata l’edizione dei Campionati Mondiali Juniores a Lisbona conquistando un 3° posto. La gara più emozionante però è stata la maratona di New York, nella quale c’era un numerosissimo pubblico che mi ha regalato un caloroso tifo.

1048595_10205500131170355_6575847727800844316_o.jpgL’autoefficacia si costruisce quando sei ancora giovane e sperimenti i primi successi, con l’andare del tempo si costruisce una personalità forte, sicura e vincente grazie anche al ricordare le precedenti esperienze di successo e le sensazioni di benessere sperimentate in tali occasioni, inoltre è importante il calore, l’incoraggiamento dei fan e del pubblico: C’è un’esperienza che ti possa dare la convinzione che ce la puoi fare?L’esperienza che ha segnato la mia carriera atletica è stata la perenne presenza del mio allenatore, che mi spingeva a superare i momenti difficili, insegnandomi a non arrendermi mai. Ciò che fa di un allenatore il migliore non è la tecnica giusta o i metodi più avanzati, ma la presenza sia fisica che morale, che ti dà la sicurezza di un genitore.”

292127_3417071913248_1000639511_n

Il vero allenatore ti deve guardare, ti deve comprendere, deve essere presente, vederti faticare, pronto a rivalutare i programmi di allenamento ed a rimodulare gli obiettivi, si tratta di una co-costruzione tra atleta ed allenatore della personalità vincente, basata su una fiducia reciproca e con competenze diverse, l’uno usa i muscoli e la testa, l’altro le teorie e l’esperienza: Quali meccanismi psicologici ti aiutano nello sport?Passione e coinvolgimento della famiglia.” Familiari e amici cosa dicono circa il tuo sport?Sono molto favorevoli e collaborativi.” Ti va di descrivere un episodio curioso o divertente della tua attività sportiva?Quando ad un raduno in montagna sono uscito da solo e mi sono perso nei boschi, i mie amici hanno organizzato una ricerca improvvisata, solo dopo ore sono rientrato a destinazione.

49767961_10213490022912655_1632852248457379840_o.jpg

Quando uno ama lo sport può capitare di perdersi nello sperimentare il benessere, è come farsi catturare da uno stato di trance, vai avanti, ti allontani seguendo il tuo benessere e poi ti accorgi di quanto tempo è passato e quanta strada hai fatto: Hai sperimentato l’esperienza del limite nelle tue gare?Si, specie nelle maratone.” Quali sensazioni sperimenti o hai sperimentato nello sport: allenamento, pre-gara, gara, post gara?Durante gli allenamenti sono dubbioso circa la preparazione in vista di un gara, in pre-gara c’è sempre un po’ di ansia da prestazione che però viene vinta dalla voglia di correre, in post gara invece si elabora il risultato e si condivide con i tuoi amici e avversari di gara. Ma tutto questo deve essere capeggiato soprattutto dal divertimento.” Quale è stata la tua gara più difficile?Quando ho dovuto portare a termine una gara campestre con molto fango e pioggia con una sola scarpa munita di chiodi.”

902864_4080525859182_77781958_o

Hai rischiato di incorrere nel doping nella tua carriera sportiva? C’è un messaggio che vorresti dare per sconsigliare il doping? “(Tocchiamo un tasto dolente!!!) Si, ho avuto compagni di stanza in molti raduni che successivamente sono risultati positivi agli esami, comportando la squalifica. Io non ho mai fatto uso di sostanze dopanti e invito gli altri atleti ad uscire dall’illusione che provoca il doping in quanto l’eventuale risultato in gara rappresenta in realtà una sconfitta personale, compromettendo le regole di questo e di tutti gli sport. In Italia, soprattutto in Campania, i controlli sono poco efficienti e avvengono di rado.”

49717987_10213490021712625_5558866490632962048_n.jpg

Come hai gestito eventuali crisi, sconfitte, infortuni?Per coloro i quali praticano sport naturale sono soggetti a cali di prestazione che si superano con sedute di allenamento più graduali. Quindi posso dire di aver gestito i miei infortuni contando su diverse sessioni di allenamento.” Hai mai rischiato per infortuni o altri motivi di smettere di essere atleta? Qualche tempo fa ho avuto seri problemi muscolari e a causa di questi, che impedivano ogni mio tentativo di correre, ho pensato di abbandonare le mie fidate scarpe da running, ma armato di pazienza e volontà ho superato questo momento.

17264288_10208455988013007_7142915813953456652_n

Pensi che potrebbe essere utile lo psicologo dello sport? Si perché nello sport è importante essere equilibrati psicologicamente avendo una buona autostima inoltre non bisogna contare solo sulle doti fisiche, ma anche e soprattutto avere una buona gestione mentale. Nel mio caso però, dopo una lunga esperienza, posso affermare di non sentirne il bisogno.

 

Sarebbe importante insegnare ai più giovani a porsi degli obiettivi da raggiungere ed esercitarsi in tal senso con l’aiuto della famiglia inizialmente che ti consiglia e ti supporta e con un’educazione scolastica più orientata all’esperienza di vita quotidiana: Quale messaggio vuoi rivolgere ai ragazzi per farli avvicinare a questo sport?In questi ultimi anni ho notato un calo drastico di prestazione da parte dei giovani, solo alcuni emergono. È sufficiente osservare una classifica ‘all-time’ del 1989 e soffermarsi sulla 56° posizione il cui tempo era 29’58 su una distanza di 10.000 m in pista e confrontarla con la classifica del 2015 la cui 10° posizione mostrava un tempo di 30’07 sulla medesima distanza. Il messaggio che voglio trasmettere ai giovani è quello di porsi un obbiettivo da raggiungere a tutti i costi affrontando tutte le difficoltà, atmosferiche, fisiche e psicologiche, senza arrendersi.

fb_img_1494706858582

Quali sono i tuoi prossimi obiettivi a breve, medio e lungo termine? Quali sono i sogni realizzati e da realizzare?I miei obbiettivi a breve termine riguardano le gare su strada più caratteristiche, a medio termine i campionati italiani di 10km e a lungo termine una maratona. I sogni realizzati sono quelli di aver indossato la ‘maglia azzurra’ della nazionale, i sogni da realizzare invece perseguono l’obbiettivo di poter dare sempre di più.” Antonello Landi.”

 

Bella testimonianza di un atleta semplice e resiliente. L’intervista ad Antonello è riportata nel mio libro “SPORT, BENESSERE e PERFORMANCE Aspetti psicologici che influiscono sul benessere e performance dell’atleta. Prospettiva editrice”.

http://www.prospettivaeditrice.it/index.php?id_product=397&controller=product

 

Matteo SIMONE

Psicologo, Psicoterapeuta

380-4337230 – 21163@tiscali.it

http://www.mjmeditore.it/autori/matteo-simone

http://www.ibs.it/libri/simone+matteo/libri+di+matteo+simone.html

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...