René Cuneaz: Sono contento di essere tornato vicino al personale sulla mezza

Matteo SIMONE

Psicologo, Psicoterapeuta

 

Lo sport aiuta a prendere direzioni per seguire sogni, obiettivi e mete. A volte ci sono imprevisti durante questi lunghi percorsi che portano alla performance come gli infortuni e il vero campione è colui che sa trarre lezioni importanti, sa essere resiliente nel capire di dover riorganizzare la sua vita mettendo da parte una fetta importante che è lo sport.

gara423 (1).jpgRenè dopo aver raggiungto l’apice della sua carriera con notevoli risultati soprattutto in mezza maratona e full maratona entrando nel giro della Nazionale e partecipando a ritiri importanti, si è dovuto arrendere a causa di un infortunio protratto nel tempo che l’ha lasciato ai box. Renè ha partecipato alla 2^ Milano Half Marathon, in novembre 2018 vincendo in 01h06’05”. Di seguito Renè racconta le sue impressioni rispondendo ad alcune mie domande: Ciao carissimo, complimneti per il tuo ritorno in forma e i tuoi risultati di prestigio?Grazie mille sono contento di essere tornato vicino al personale sulla mezza e di averla gestita in quel modo.”

E’ stata dura la consapevolezza di dover abbandonare i suoi sogni ma si è messo all’opera comperendendo cosa poteva fare in quel momento, come riorganizare la sua vita, quali altri piani poteva portare avanti, con quali persone si poteva fidare e affidare. E dopo un lungo periodo fatto di visite, riabilitazione, esami, riprese è ritornato più entusuiasta e determinato di prima correndo sulla scena nazionale e riprendendosi le sue vittorie avvicinandosi alle sue migliori performance: Com’è stata l’attesa?Non è stato facile. Quando stai fermo per mesi pensi di non poter più correre come prima. Ho curato maggiormente fattori di potenziamento muscolare con esercizi di core stability che prima ho sempre trascurato per mancanza di tempo. Mi hanno aiutato molto nella ripresa.”

gara427.jpg

Il corpo, la mente e il cuore ricordano quello di buono che sono stati capaci di fare e ci vuole solo un po’ di refresh per ritornare come prima e a volte è possibile spereimentare la crescita post traumatica, cioè si torna in campo più determinati di prima, con risorse rinnovate, con più consapevoleza: Ci credevi che saresti potuto tornare a riprendere la tua forma? La forma sapevo di ritrovarla ma non credevo arrivasse così presto.”

Quando si riprendere dopo lunghi periodi di stop sembra che dovresti recuperare tutto quello che non c’è stato e invece bisogna essere prudenti e cauti, saper scegliere e seguire proprio intuito e sensazioni corporee, sentire i consigli di amici, familiari e soprattutto allenatori e staff medico che da il pronti si corre sempre più veloce: Quando pensi di attaccare i personali sui 10k, mezza e maratona?Il 2019 spero porti i personali su tutte e tre le distanze. In base alla forma fisica deciderò quando e dove correre. Al momento sto correndo poco per vari fastidi fisici di assestamento e spero di riprendere gradualmente i km necessari per poter raggiungere tali obiettivi.”

IMG-20181014-WA0003.jpg

A volte si perdono dei treni importanti, ma dietro ogni treno perso ce n’è un altro ritrovato, forse Renè ha avuto modo di ritrovare se stesso, di coltivare amicizie e passioni che aveva trascurato a causa dei tanti impegni lavorativi e sportivi, quindi si fa sempre in tempo a scegliere nuovi treni da poter saltare su serenamente senza fretta: C’è il pensiero della maglia azzurra?Sinceramente, fino allo scorso anno, mi sono sempre stressato per cercare di raggiungere la maglia azzurra. Dopo l’infortunio ho capito che la corsa (come ogni altro sport) deve essere vissuta con serenità. Quindi correró per battere me stesso e non penserò più ad una convocazione in nazionale. Poi se arriverà sarò molto felice.”

In caso di crisi, problemi, diffocoltà è imortante non sentirsi abbandoare, è importante notare la presenza di vere persone che contano nella propria vita, dietro l’atleta c’è un mondo di dubbi e insicurezze e la presenza di persone che sostengono e coccolano è importante per risollevarsi, per ritrovare nuove strade percorribili, per dedicarsi a piani B in compagnia con spensieratezza e per apprezare la ciclicità dell’espereinza: Chi ti ha supportato, sostenuto, coccolato questo lungo periodo di stop?In questo periodo ho avuto tante persone che si sono preoccupate. Gli amici, i compagni di squadra e di allenamenti, il mio allenatore Giorgio, la mia famiglia che mi ha sempre detto di portare pazienza, i fisioterapisti che mi sono stati vicino aiutandomi per il rientro.” Ti sei sentito abbandonare da amici, sponsor, organizzatori di gare?Avevo mille obiettivi e quando mi hanno riscontrato la microfrattura al bacino mi è caduto il mondo addosso. Ma grazie a tante persone sono riuscito ad uscirne bene. Tanti amici mi sono stati vicino ma non per questo mi sono sentito abbandonato da altri. Da parte degli organizzatori di gare alle quali partecipo da anni sono stato contattato non per correre ma per sapere del mio infortunio. Questo mi ha fatto molto piacere.”

IMG-20181028-WA0014 (1).jpg

Ho avuto l’onore di conoscere Renè in quel di Aosta dove ora ho degli amici cari conosciuti in Kenya a Iten la città dei Campioni dove spero un giorno di incontrare anche Renè dove potrebbe cercare di fare ancora un salto di qualità confermando le sue qualità e il suo talento nell’essere un maratonaeta valido e capace: Ci stai facendo un pensiero per un periodo di allenamento ad Iten in Kenya?Dopo aver sentito i racconti dei miei amici Omar e Marco, reduci da uno stage ad Iten, mi sono incuriosito. Prima o poi un’esperienza sugli altipiani kenyani dovrò farla. Magari per poi cercare un buon crono in una maratona veloce. Vedremo in futuro se riuscirò ad organizzarmi con il lavoro.”

Screenshot_20180920_133044.jpgLo sport è importante nella vita di una persona, a volte può divetnare un lavoro da atleta ma non è facile, bisogna fare delle scelte già da quando si è ragazi tra studio e scuola, è difficile portare avanti tanti impegni tra sport, studio ed eventuale lavoro, si fa quel che si può: Stai pensando ad un gruppo sportivo militare?Ho sempre sognato di poter fare il professionista per poter raggiungere i miei limiti. Purtroppo, già con lo sci di fondo, ero stato escluso dal centro sportivo Esercito. Per poter entrare in un centro sportivo devono uscire bandi di concorso mirati ed avere titoli che danno punteggio. Avevo ottenuto dall’azienda per la quale lavoro, la Cogne Acciai Speciali di Aosta, tre mesi di aspettativa. Avevo iniziato ad allenarmi come un professionista e stavo notando i miglioramenti che puoi avere se ti alleni e riposi, se non devi alzarti alle 5 di mattina per fare le 8 ore in fabbrica ed allenarti con le gambe pesanti, senza dover essere stressato per riuscire a fare tutto prima di timbrare l’entrata in azienda, senza dovermi trascinare al lavoro dopo un allenamento tremendo o fermarmi a metà perché troppo stanco. Peccato non averla sfruttata al meglio per colpa di questo edema osseo già in atto al momento dell’aspettativa. So che dovrò continuare a correre così, come ho sempre fatto, cercando di ottenere il massimo con i mezzi che ho. Dovrebbero cambiare il sistema in Italia, in modo da agevolare gli atleti ritenuti di interesse nazionale. Dovrebbero cercare, magari permettendo loro di lavorare con un part time (e non 40/48 ore a settimana), di farli crescere e migliorare con un rischio minore di infortuni. Il centro sportivo è l’unica possibilità (in Italia) per fare i professionisti, ma ci sarebbero molti modi per portare un atleta ad ottenere prestazioni migliori. In altre nazioni lo stanno facendo. In Italia invece è più facile criticare se le cose non vanno bene piuttosto che rivoluzionare.”

Screenshot_20181022_181655.jpg

Nella mente degli atleti, soprttutto negli atleti che sono rimasti a riposo per diverso tempo, ci sono tante gare da partecipare, tempi da abbassare, persone con le quali confrontarsi: Prossime mete, obiettivi, direzini, sogni?Prossimi obiettivi sono riprendere a correre i km di un anno fa, divertirmi, andare di nuovo fortino e non farmi male.”

Nella vita bisogna essere disposti ad accettare tutto quello che avviene, ma non solo accettarl, anche elaborarlo per far diventare bruchi farfalle, per far sbocciare fuori, per andare più forti e conspaevoli, per cavalcare sempre nuove onde del cambiamento con risorse sorprendenti e inimmaginabili che abbiamo a disposizione e che bisogna cercarle bene con fiducia all’occorrenza: Cosa hai appreso in questo lungo perido di fermo e di attesa?Ho imparato che bisogna sapersi ascoltate. Quando c’è dolore bisogna fermarsi. Bisogna capire se il fastidio può essere di assestamento oppure se l’unica soluzione è fermarsi per non peggiorare la situazione. Non è facile quando vuoi ottenere dei risultati ma a volte è meglio stare fermi una settimana subito che sei mesi dopo. Ho anche capito che è meglio sostituire una corsa a settimana con allenamenti alternativi come bici, potenziamento muscolare o altri sport per staccare mentalmente e fisicamente. Grazie ancora e speriamo di vederci presto. Magari per una corsetta in quel di Aosta.”

 

Matteo SIMONE

Psicologo, Psicoterapeuta

https://www.facebook.com/theheartofkenyanrunning/

http://www.ibs.it/libri/simone+matteo/libri+di+matteo+simone.html

https://www.libreriauniversitaria.it/libri-autore_simone+matteo-matteo_simone.htm

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...