Marco Lombardi vince la 6 ore di Corato ed è Campione Italiano 30 miglia

Ogni volta che vengo, rimango rapito dal vostro meraviglioso territorio

Matteo SIMONE

http://www.psicologiadellosport.net

 

Si è svolta a Corato la 3^ edizione della “6 Ore – Memorial Bice Fino e Giacomo Gravina” su un percorso di 1213 metri, tale manifestazione era valida anche quale Campionato Italiano 30 miglia. Il vincitore assoluto della 6 ore e della 30 miglia è stato Marco Lombardi SM35 di Atl. Libetas Runners Livorno con il crono di 03h28’57” e quindi Campione Italiano 30 miglia.

59285917_10213569289402346_6756536052611022848_n.jpgCompletano il podio della 30 miglia due atleti di Barletta Sportiva: Giuseppe Mangione che vince il titolo italiano categoria SM55 in 03h55’36” e Giuseppe Zaza SM40 che vince il titolo italiano categoria SM40 in 03h57’26” ma al termine della 6 ore si invertono le posizioni sul podio.

Per quanto riguarda la gara femminile, Addolorata Trisolino SF40 ha vinto il titolo assoluto con il crono di 04h35’33” precedendo Luisa Zecchino SF50 04h41’00” e Teresa Chieppa SF50 05h06’31”.

Di seguito, approfondiamo la conoscenza di Marco attraverso alcune domande: Ciao carissimo com’è andata l’avventura in Puglia?Ciao caro Matteo, è un vero piacere essere intervistato da te. Era dal Luglio 2016, da quando partecipai per la seconda volta alla ‘6 ore della Disfida’ a Barletta, che non tornavo in Puglia. Ogni volta che vengo, rimango rapito dal vostro meraviglioso territorio, ma soprattutto dall’accoglienza che voi, gente del sud, riservate ai vostri ospiti.

In Puglia c’è un grande movimento di ultramaratoneti e aumentano le gare organizzate da loro che conoscono le esigenze e i bisogni dei corridori e di eventuali accompagnatori: Soddisfatto per la vittoria?Sono molto soddisfatto per la vittoria, e sinceramente non credevo di farcela, poiché al via c’erano molti forti atleti, tra cui spiccava il nome di Carmine Buccilli, una forza della natura, che da qualche anno si sta cimentando nelle ultramaratone ed a mio avviso, è uno dei più forti nel panorama mondiale.”

WhatsApp-Image-2019-04-29-at-09.08.11-Medium

Vincere una gara di ultramaratona è una vera prova di forza e resistenza fisica e mentale che ripaga degli allenamenti duri e impegnativi: Hai trovato buona accoglienza?Vorrei veramente ringraziare il patron Riccardo Blasi, l’amico e forte atleta Giuseppe Mangione e tutto lo staff organizzativo della “6 ore Coratina” per la splendida accoglienza e ospitalità che mi hanno riservato. Erano 2 anni che a malincuore, a causa di problematiche legate al lavoro, dovevo rinunciare all’invito che Riccardo e lo staff mi avevano fatto. Ma quest’anno volevo essere presente, perché mi ero promesso di partecipare a questo splendido evento e dimostrare la mia riconoscenza.”

61277295_10213714866321678_3717122675169034240_n.jpg

Riccardo e Giuseppe ci sanno veramente fare nell’organizzare una gara di ultramaratona e nel trattare le persone dal più forte all’ultimo arrivato non tralasciando niente, perché loro sanno cosa significa faticare per tante ore: Sei andato con famiglia o amici?Sono andato a Corato da solo, arrivando il Sabato sera e ripartendo la Domenica dopo la gara.” Dedichi a qualcuno questa vittoria?Dedico questa vittoria a mia moglie, ai miei 4 figli, a mio padre Gino ed al grande Riccardo Blasi.” Cosa hai raccontato al lavoro, in famiglia, agli amici?In famiglia ed agli amici ho raccontato che sono stato davvero onorato e fortunato ad aver partecipato a questa fantastica gara e che vedere molte persone gioire per la mia vittoria, mi ripaga di ogni sacrificio e rinuncia.”

58419789_634045653685534_7372751262724390912_n.jpg

Una gara studiata dagli organizzatori meticolosamente e partorita 3 anni fa con il grande contributo Riccardo Blasi e dell’ultramaratoneta di Corato, il grandissimo Giuseppe Mangione entrambi supportati dalla squadra “Barletta Sportiva” che recluta tante persone per istradarle all’attività fisica: Ti è piaciuto il percorso e la gente del posto?Il percorso, di circa 1 km e 200 metri, che si snoda lungo le caratteristiche vie del centro storico di Corato, mi è piaciuto moltissimo, relegandosi a mio parere, tra le più belle gare di 6 ore in Italia e all’estero.”

58443881_634045447018888_5866468354700607488_n

Un grande impegno e sacrificio per gli atleti partecipare a gare lontano da casa, soprattutto se si ha una famiglia numerosa, ma si torna a casa con tante sensazioni ed emozioni da condividere con i propri cari: Cosa hai portato a casa? “A casa ho portato i ricordi di una fantastica giornata di sport, e conservo gelosamente nel cuore i sorrisi, gli applausi, e la gioia di tutti i presenti. Torno felice di aver potuto riabbracciare cari amici e di averne conosciuti di nuovi altrettanto meravigliosi.” Ora cosa vedi davanti a te?Davanti a me, spero di ritrovare il miglior Marco Lombardi; sarà molto dura, perché il tempo passa e le condizioni ottimali per allenarsi al top purtroppo non ci sono, tuttavia, tu che mi conosci saprai che non mollo e ci proverò contro ogni avversità.”

58463126_634045520352214_20838584319737856_n

Il passatore è una gara di prova per tanti, per tanti che ambiscono alla maglia azzurra, per tanti che si mettono in gioco affrontando gli atleti più forti a livello nazionale e internazionali e per tanti come me per incontrare tanti amici e fare una grande esperienza di gara della lunga distanza di 100km da Firenze a Faenza: Al Passatore riuscirai ad essere tra i primi 10 e sotto le 8 ore?L’obiettivo di questa prima parte dell’anno, è proprio quello di rientrare nella top 10 del Passatore con un tempo inferiore alle 8 ore. Non so se ci riuscirò, anche perché ogni anno la concorrenza è sempre più agguerrita, ma ce la metterò tutta per centrare l’obiettivo.”

59138215_634045407018892_6809151424916619264_n

Sotto le 8 ore e nei primi 10 sarebbe una bella conferma per Marco e un’ottima prestazione anche se non si va in Nazionale ma importante è anche la sfida con se stessi e vivere lo sport con la consapevolezza dei propri mezzi e capacità cercando di continuare a far bene e star bene in salute: Un messaggio ai ragazzi del mondo?Il messaggio che voglio dare ai giovani del mondo in generale, è quello di lottare onestamente per realizzare i propri sogni, rimanendo sempre con i piedi per terra, lavorando duro ogni giorno con dedizione e spirito di sacrificio. Solo in questo modo potranno materializzare quelli che prima erano solo pensieri e desideri.”

59426381_10213569305922759_3208570685869785088_n

Concordo con Marco, qualsiasi cosa si voglia fare è bene impegnarsi da subito perché la strada può essere lunga e insidiosa ma non infinita, e sempre senza scorciatoie accentando ii propri limiti: Un messaggio agli atleti che si approcciano alle ultra?Ai giovani che si cimentano nel mondo delle ultramaratone consiglio di seguire il loro istinto, ma con razionalità, senza fare il passo più lungo della gamba. Dico loro, di non aver paura e che inevitabilmente dopo il buio viene sempre la luce, quindi anche se inizialmente i risultati non sono quelli sperati, perseverare è l’arma migliore per centrare l’obiettivo.”

 

Vero, sarebbe consigliabile non volere tutto e subito ma rispettare i tempi e soprattutto se stessi, senza violentarsi troppo, senza pretendere troppo da se stessi, avendo fiducia e pazienza e confrontandosi con i più esperti come lo è lo stesso Marco: Hai ancora sogni?Certo che ho dei sogni, sono loro che ci spingono ad agire, a provarci, a metterci alla prova, senza i sogni l’esistenza perde senso e si atrofizza. I sogni e la fantasia sono la linfa della vita e per quanto mi riguarda, il mio nutrimento. Anche il mito indiscusso Pietro Mennea riguardo ai sogni diceva: <<La fatica non è mai sprecata. Soffri ma… SOGNI>>. Ti mando un grosso abbraccio e ti ringrazio per la splendida intervista. Ci vediamo al Passatore e complimenti per tutto quello che fai, a presto.”

 

E’ chiaro che bisogna avere sempre una direzione, una meta, un obiettivo da raggiungere, un sogno da trasformare in realtà più o meno grande che ci faccia mettere in moto e mobilitare energie e forze fisiche e mentale per placare i nostri desideri e renderci soddisfatti. Un grande grazie a Marco per la sua cortesia e per le sue parole utili a molti di noi dell’ambiente ma anche per chi è al di fuori.

 

Marco Lombardi è menzionato nel libro “L’ultramaratoneta di Corato”.

 

Matteo SIMONE

http://www.unilibro.it/libri/f/autore/simone_matteo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...