Stefano Romano, Nove Colli Running 202,4km: E’ sempre la testa che muove le gambe

Ritengo che la possibilità di andare ai Mondiali della 24 ore sia concreta e realizzabile

Matteo SIMONE

http://www.psicologiadellosport.net

 

La 22^ edizione della Nove Colli Running di 202,4km è stata vinta da Paolo Bravi in 19h42’09” che ha preceduto Matteo Grassi 20h40’19”, Luca Verducci 21h16’16”, Stefano Romano 21h52’07”. Tra le donne vince Maria Ilaria Fossati in 24h13’52” che precede l’italo-polacca Emilia Aleksandra Kotkowiak 26h57’35” e l’italo-albanese Mirela Hilaj 27h 51′ 54″.

Di seguito approfondiamo la conoscenza di Stefano Romano attraverso risposte ad alcune mie domande: Ti sei sentito campione nello sport almeno un giorno della tua vita?Sinceramente no. Anche dopo aver vinto gare importanti con molti iscritti non ho mai avuto la sensazione di essere un campione, per quanto molte persone intorno a me iniziassero ad usare questo appellativo nei miei confronti. È possibile che questa percezione non mi apparterrà mai completamente, anzi lo ritengo probabile. Nell’ultramaratona la sfida è sempre con se stessi e il risultato è relativo, con il tempo ho compreso che il percorso è molto più importante della prestazione e che il vero miglioramento è pensare di non aver fatto ancora nulla ed avere ancora molto da dimostrare e da dare. Per questo motivo non solo non mi ritengo un campione, ma fisso il livello per potermi considerare tale ad un punto molto elevato.

 

Ogni vissuto è soggettivo con proprie sensazioni, emozioni, percezioni. Ognuno porta avanti progetti, sfide, sogni. E’ importante il percorso che si intende fare mettendosi in gioco e impegnandosi per raggiungere mete e obiettivi: Qual è stato il tuo percorso per diventare atleta?Come molti altri ultramaratoneti, sono sportivo per caso. Non ho mai praticato nessuno sport fino a 22 anni, quando iniziai a nuotare in piscina. La corsa arrivò solo 3 anni dopo, ma sempre solo a livello amatoriale, senza fare più di una gara all’anno. Solo dal 2012, anno in cui terminai la mia prima maratona, scattò qualcosa dentro di me. Iniziai seriamente con il triathlon con l’obiettivo di terminare un Ironman, ma con il tempo mi specializzai nell’ultramaratona quando, in seguito ad un problema fisico alla fine del 2015, volli provare la Sei ore di Torino a marzo del 2016. Pensai che se dovevo correre piano tanto valeva farlo a lungo. Rimasi folgorato dall’esperienza e dall’enorme soddisfazione che provai nel percorrere 66 km, all’altalena di emozioni che mi attraversò, all’orgoglio per essere arrivato per la prima volta fra i primi 10 assoluti. L’anno dopo vinsi con oltre dieci km in più e da quel momento mi dedicai ancora più intensamente all’allenamento. In seguito ad alcuni problemi personali fra la fine del 2017 e l’inizio del 2018 la mia crescita atletica si interruppe, ma da un anno a questa parte mi sto dedicando anima e corpo all’ultramaratona. Prima facevo due o tre gare all’anno con tre o quattro allenamenti settimanali, mentre oggi se posso mi alleno tutti i giorni ed effettuo una decina di gare all’anno.”

IMG_0122

E’ importante sviluppare la consapevolezza delle proprie capacità e capire cosa si può fare riorganizzandosi sempre in base a quello che si scopre giorno per giorno: Nello sport chi ha contribuito al tuo benessere o alla tua performance?Credo che il fatto di sentirsi amati, apprezzati e compresi nelle proprie passioni sia importante in ogni aspetto della vita. Quindi, anche nello sport e a maggior ragione in una specialità dove ci si mette a nudo e in discussione fino in fondo. La sensazione di avere incontrato nel mio cammino alcune persone che hanno coltivato e incoraggiato la mia anima, oltre a prendersi cura del mio corpo, ha contribuito in modo decisivo ad aumentare le mie prestazioni, soprattutto a partire dall’estate scorsa.”

Concordo, lo sport di endurance non è solo massacrarsi di allenamenti e di fatica ma anche ristabilirsi a dovere con le opportune cure e attenzioni: Qual è stata la gara dove hai sperimentato le emozioni più belle?La gara più bella è sempre l’ultima, e devo dire che l’esperienza della Novecolli è stata davvero incredibile. I paesaggi magnifici, la pioggia costante, gli odori notturni rischiarati dalla luna piena. E poi quando tutto sembra andare alla grande, sbaglio strada e percorro oltre 4 km in più. Accetto, torno indietro e vado avanti. Se c’era una possibilità su mille che abbandonassi, ritornando sulla strada giusta, quella possibilità non esiste più. Gli ultimi km sono durissimi, arranco su uno stradone al mattino, ma alla fine trovo sempre le risorse per scattare, al punto che al traguardo appaio fresco e agile. Questa mia caratteristica, lo sprint finale, la trovo molto interessante. Abbiamo energie inesauribili, alla fine è sempre la testa che muove le gambe, a ribadire il primato dell’elettricità sulla meccanica.”

 

Gli ultramaratoneti non parlano solo di esperienze di fatica e sofferenza ma anche di percezioni e odori, a volte l’ultramaratona è come una poesia: Quale è stata la gara più difficile?Sicuramente il Campionato italiano della 24 ore del 2018 a Cesano Boscone. Arrivavo molto carico per vincere, ma mi trovai davanti a un vero osso duro come Tiziano Marchesi, che dopo quasi 17 ore mi era avanti di oltre un giro, circa 1 km e mezzo. Io ero senza assistenza, completamente sfatto e con la certezza di non poterlo mai superare. Aveva un’espressione così sicura di sé, un passo leggero e nel rettilineo accelerava sempre. Mollai di colpo e tornai a Torino. Ripensando a quel gesto, mi rendo conto di quanto fosse sbagliato quell’approccio. Correre senza divertirsi, ascoltare le proprie sensazioni e dare importanza alle proprie emozioni non porta da nessuna parte. Diventai veramente il criceto intrappolato in un meccanismo che non comprendevo.”

VAN_4982-(ZF-6395-16660-1-001).jpg

A qualcuno succede di puntare in alto e di essere troppo sicuro e poi annullare tutto ciò che ruota intorno al mondo degli utrarunner, questo fa star male, si annullano relazioni ed emozioni: Qual è una tua esperienza che ti possa dare la convinzione che ce la puoi fare?Da circa un anno mi sono separato. Affrontare questa esperienza ha rappresentato una sfida enorme, la più dura della mia vita. Le difficoltà economiche, la solitudine, la sensazione di aver fallito come padre e come uomo. Oggi sono molto più forte di prima, sono felice e ho una vita piena che mi riserva ogni giorno sorprese. Ho una grande fiducia nel futuro e, di conseguenza, grandi aspettative sportive. Ne sono dovuto uscire da solo, a volte letteralmente strisciando in uno spazio angusto, con la sensazione di soffocare da un momento all’altro. In gara, questa consapevolezza mi fa affrontare qualsiasi crisi come un momento di passaggio, una fase che prima o poi terminerà, dietro alla quale posso ancora trovare la forza di reagire.”

 

Nella vita quotidiana si affrontano situazioni spiacevoli e difficili così come nella vita sportiva, è bene sempre fare il punto della situazione e riorganizzarsi per andare avanti e scoprire nuovi stimoli che mettano in moto passioni ed energie nuove: Un episodio curioso o divertente della tua attività sportiva?Ad Asolo nel 2018 feci la mia prima gara fuori dalla provincia di Torino, per me era tutto nuovo e non sapevo che obiettivo darmi. Partii indeciso se essere il primo del secondo gruppo o l’ultimo del gruppo di testa, ma quando cominciarono le prime salite mi resi conto di andare molto più veloce degli altri. Rapidamente mi collocai in terza posizione e sfruttai una piega del regolamento per terminare la gara dopo 50 km invece che farne 100 come previsto, sapendo che i primi due avrebbero tirato dritto. Vinsi, perché era troppo allettante. In cima al Monte Grappa arrivai davanti a gente forte come Marco Lombardi. Faceva freddissimo, il vento era gelido e diluviava. Io ridevo e bevevo birra senza un cambio. Rimanendo a torso nudo per qualche istante, osservavo chi arrivava con un principio di ipotermia. Mentre ci riportavano indietro ad Asolo mi resi conto di quello che avevo fatto, ma naturalmente nell’ambiente rimarrò sempre il furbetto che si è fermato a metà per vincere. Almeno fino a quando non vincerò la 100 km su strada considerata fra le più dure di Europa, cosa che mi sono ripromesso di fare il prima possibile.”

 

A volte fa comodo vincere facile per consolidare la fiducia in sé e per prepararsi per impegni più importanti e stimolanti: Quali sensazioni sperimenti facendo sport (pregara, in gara, post gara)?Parlando di gare, prima c’è sempre un po’ di agitazione, ma quando si comincia tutto fluisce e va accettato. Alla fine si raccoglie esattamente quello che abbiamo seminato. Come recita una bella frase, le medaglie si vincono in allenamento e si ritirano in gara. A volte quando tutto finisce, oltre alla soddisfazione e al rimpianto se qualcosa è andato storto, compare anche una punta di malinconia, perché quanto si è fatto è frutto di un’esperienza unica, di allenamenti spartani, sveglie all’alba se non nel cuore della notte. E da questo, trovo sempre la motivazione per cercare di alzare ulteriormente l’asticella.”

maratonetieultrarunner

E’ un circolo, una giostra, ci si allena, ci si prepara, si stabiliscono mete, si arriva in partenza, c’è un po’ di ansia o tensione ma anche piacere di essere presenti incontrando amici e poi si parte vivendo una ricca esperienza durante la gara portando a casa sempre ricchi insegnamenti: Quali sono le difficoltà e i rischi? A cosa devi fare attenzione nel tuo sport?Credo che il rischio maggiore di un’esperienza così intensa non sia tanto nel massacrarsi il fisico, ma vada ricercato nell’identità. Io prima di essere un’ultramaratoneta sono un padre, ho la fortuna di avere una vita professionale molto ricca e soddisfacente, amo la bella vita, il cibo, la birra, la musica e ogni forma artistica. Quando si diventa schiavi delle proprie prestazioni, ricercando l’approvazione altrui a tutti i costi, si cade nell’errore di vedere la propria vita secondo un’unica prospettiva. Lì si annidano i pericoli maggiori: il doping, la dipendenza dai social, ma anche il ricorso ad espedienti come salire nella macchina del proprio accompagnatore per qualche km sapendo di non essere visto. Mi chiedo perché e non so darmi una risposta. Non girano soldi nell’ultramaratona ed il movimento, per quanto in crescita, è ancora ad un livello poco più che amatoriale. Alcune gare, come la nove colli o la UMS, sono quasi clandestine, nel senso che nei percorsi sono ben poche le persone a sapere cosa stai realmente facendo. Il rischio maggiore è pensare di essere davanti ad un pubblico e diventare schiavi della propria recita. Ma quando cade la maschera, non ci si riconosce più nello specchio.”

 

La mente è strana e fa brutti scherzi, ognuno è padrone di se stesso ma anche schiavo della sua mente, importante è sentirsi in pace con se stessi e cercare di lasciare agli altri propri trucchi che ammazzano lo sport: Quali condizioni ti hanno indotto a fare una prestazione non ottimale?Oltre alle difficoltà logistiche legate agli spostamenti e all’organizzazione di vita, un fattore determinante è la qualità del sonno. La mia ultima maratona in questo senso è stata in questo un’esperienza illuminante. Dormivo malissimo da giorni e la notte prima della gara fu, tanto per cambiare, in bianco. L’obiettivo di scendere sotto le 2 ore e 50 minuti lo smarrii al trentaduesimo km, quando ero ancora in media per raggiungerlo. Una crisi nera, mi sentii fisicamente vuoto, all’improvviso stanchissimo. Fui superato da decine di concorrenti ma non ebbi la forza di stare dietro a nessuno. Finii in 3 ore e 11 minuti, per me un disastro. Ma mi resi conto analizzando la performance che senza un riposo adeguato non è possibile correre sui tuoi limiti così a lungo.”

 

Sono tante le chiavi della performance, a Iten mettono al primo posto l’allenamento seguito dal mangiare e dal riposo: Cosa ti fa continuare a fare sport?L’idea di essere ancora in una fase di potenziale miglioramento. Ma penso che quando questa stagione, fisiologicamente, terminerà, potrò anche accettare l’idea di continuare per semplice passione e per continuare a permettermi di mantenere il mio stile di vita.”

 

Ora è il momento di spingere e di capire cos’altro posso fare per essere più performante e ambire a qualcosa di importante: Come superi crisi, sconfitte, infortuni?Con la costanza e la fiducia nelle proprie risorse. L’essere umano è un animale strano, ma è nato per correre a lungo, ritengo che sia un qualcosa insito nella nostra natura più profonda. Tutti sanno correre e tutti possono farlo. Milioni di anni fa i nostri antenati erano predatori di animali di media taglia, che inseguivano per giorni in gruppi paritari formati da uomini e donne. Questa immagine è per me potentissima e almeno una volta nella vita vorrei riuscire a tramutarla in realtà con altre persone. Gli infortuni e le sconfitte fanno parte del gioco, ma quando in gioco c’è la tua stessa sopravvivenza non puoi fermarti. Allo stesso modo, non credo esista realmente qualcosa in grado di fermarti definitivamente se non la morte. L’esempio di Alex Zanardi, uno dei miei miti sportivi, racconta meglio di queste parole quello che intendo.”

23472736_10210184674989101_4227567974937806799_n

In effetti bisogna sempre elaborare e trasformare quello che accade, riorganizzarsi sempre, essere fiduciosi soprattutto in se stessi e continuare a sognare: Un messaggio ai ragazzi per avvicinarsi allo sport?Imparare ad essere umili per riuscire ad essere ambiziosi. La società moderna ti fa apparire tutto bello, facile e a portata di mano. Non è così, da adulti ci si risveglia comprendendo fino in fondo il valore della bellezza e il dono dell’umiltà. In questo spero davvero di essere un esempio positivo per i miei figli, i miei teppisti come li chiamo affettuosamente.” C’è il rischio di incorrere nel doping? Un messaggio per sconsigliarne l’uso?Io non prendo nessun farmaco da anni, nemmeno antidolorifici o integratori alimentari. E nonostante questo non mi fermo mai, non manco un giorno da lavoro dal 2017, quando mia figlia Diana mi accecò accidentalmente per qualche giorno. Credo basti raccontare questo per far capire come la penso. Se ho un dolore, me lo tengo, anzi lo ringrazio per avermi fatto capire qualcosa di più vero e profondo del mio corpo. E sul doping sono radicale. Tutti possono sbagliare per ignoranza o essere deboli. I recenti casi nell’ultramaratona anche di persone molto conosciute e quotate mi ha fatto riflettere molto. Ma oltre all’aspetto umano e alla vicinanza che sento con alcune persone, ritengo che il problema possa essere risolto solamente prevedendo una squalifica a vita in caso di positività. Oltre a ciò, ritengo che dietro a tutto questo ci siano molti interessi. Per me ad esempio è incredibile che nel 2019 la marijuana sia considerata sostanza dopante e una pasticca di Aulin no, ma lo accetto.”

 

Gli adulti sono prima di tutto figure di riferimento per i ragazzi per trasmettere lezioni di vita attraverso sani stili di vita e principi: Familiari e amici cosa dicono circa il tuo sport?I miei figli, soprattutto Eleonora che è la maggiore e ha nove anni, credo sia molto orgogliosa di me. Spesso racconta delle imprese del suo papà, del fatto che corre per 100 km di seguito. E quando non torno con coppe o medaglie, rimane delusa… I miei amici e le mie amiche invece trovo che, pur considerandomi un po’ matto, in fondo ammirino la mia determinazione. Non è da tutti anche solo concepire di essere in grado di fare determinate cose. Secondo una recente statistica a fronte di milioni di runners abituali, in Italia, sono solo circa 40000 persone quelle che terminano una maratona. Ciononostante, sono certo che almeno la metà dei podisti sistematici, se interpellati, risponderebbero che il loro sogno sarebbe di correre per 42195 metri senza fermarsi.”

 

Vero, anche se una grande parte di persone si dedica all’ultramaratona, c’è comunque una gran parte che teme la maratona che prima era considerata una gara estrema da arrivarci preparatissimi e da provarla dopo anni e anni di allenamenti e d esperienze di gare: Cosa hai scoperto di te stesso nel praticare attività fisica?La scoperta più grande è stata la prima: è semplicemente un qualcosa che mi fa stare meglio. Ho ridotto il fumo, senza eliminarlo completamente. Sono più concentrato, attivo. Non ho problemi fisici e non mi ammalo mai. E quando vado a correre, per me è come fare la mia piccola buona azione quotidiana verso me stesso. Non tutti si concedono almeno un’ora di evasione giornaliera facendo un’attività divertente che migliora la qualità della loro vita. E questo non è un privilegio, è semplicemente una scelta.”

471-thickbox_default

Non si può sentire: ho ridotto il fumo! Stefano devi azzerare il fumo! Scherzo, ognuno è in contatto con i propri bisogni ed esigenze e mobilita energie per soddisfarli: Riesci a immaginare una vita senza sport?Non più. Quando vedo gente di oltre settanta anni che corre nei circuiti per 24 ore di seguito, camminando e barcollando, mi commuovo. Probabilmente finirò come loro, rimanendo incomprensibile alla maggior parte delle persone, se non da chi pratica questo sport meraviglioso.”

 

Vero, anch’io ho fatto un tratto alla 100km del Passatore con un ragazzo in canotta classe ’31, davvero un bell’esempio, un bel testimonial: Hai mai pensato di smettere di essere atleta?Solo una volta ho avuto questo pensiero, quando mi trovarono una spina calcaneare sotto il piede sinistro. Non riuscivo ad appoggiare il piede al mattino e ho zoppicato vistosamente per settimane. Mi faceva male camminare e correndo il dolore si attenuava per qualche minuto, tornando a farsi sentire dopo poche ore più forte di prima. I medici mi consigliarono di ridurre se non di smettere. Non li ascoltai e andai avanti, fino a quando riuscii a risolvere il problema con un plantare funzionale. Attualmente sono molto attratto dallo stile minimalista e dalle fivefingers, che ho provato e mi sono piaciute moltissimo.

 

Arrivano i momenti bui ma come arrivano così possono andar via, importante capire come starci in quei momenti senza disperarsi troppo: Ritieni utile lo psicologo dello sport?Assolutamente sì, soprattutto nell’ultramaratona. Ma io sono laureato in Psicologia, quindi sono troppo di parte.” Sogni da realizzare?Parlando di sogni, ne ho uno in particolare. Un ricordo di infanzia, mio fratello che aveva l’accappatoio con i 5 cerchi olimpici. Non posso andare alle Olimpiadi, perché non esiste una singola distanza dell’ultramaratona inserita nel novero delle specialità olimpiche. Ma ritengo che la possibilità di andare ai Mondiali della 24 ore sia concreta e realizzabile, se non a questo giro al prossimo, quando avrò acquisito una maggiore esperienza. Lì, forse, nell’improbabilissimo caso di un podio, forse davvero mi sentirei un campione. Il solo pensiero mi fa piangere e mi stimola nello stesso tempo. Stiamo parlando di sogni, ma siamo gente strana noi ultra. Ci siamo abituati troppo bene, perché di solito i nostri sogni, alla fine, si avverano sempre.

 

In fondo in fondo anche gli ultramaratoneti hanno un cuore e si emozionano sognando come bambini ma impegnandosi al massimo per cercare di trasformare i propri sogni in realtà.

Segnalo il mio ultimo libro “Maratoneti e Ultrarunner. Aspetti psicologici di una sfida”, edito da Edizioni Psiconline.

https://www.edizioni-psiconline.it/anteprime/maratoneti-e-ultrarunner-aspetti-psicologici-di-una-sfida.html

 

Matteo SIMONE 21163@tiscali.it

+393804337230 Psicologo, Psicoterapeuta

http://www.aostarunningcamp.it/

https://ilsentieroalternativo.blogspot.it/

http://www.ibs.it/libri/simone+matteo/libri+di+matteo+simone.html

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...