Mimmo Ricatti vince la CorriMonte, secondo Matteo Notarangelo

La gara femminile è stata vinta da Raffaella Filanino

Matteo SIMONE

 

La 9^ edizione della CorriMonte “Memorial Vito Prezioso”, organizzata a Monte S. Angelo dal gruppo podistico “Gruppo Podistico Montanari DOC”, è stata vinta da Mimmo Ricatti di “Terra dello sport ASD” in 32’39”.

67805238_2532719986758399_1299608287171313664_nMimmo ha preceduto tre atleti della “SSD ARL Dynamic Fitness”: Matteo Notarangelo, fortissimo atleta di casa in 32’41”, affiancandolo e superandolo proprio alcuni metri prima dell’arrivo; Pasquale Antonio Pio Notarangelo, altro atleta di casa in 33’45 e Vincenzo Trentadue in 33’45”; a seguire Antonello Petrei della “A.S.D. Daunia Running” in 33’48”.

La gara femminile è stata vinta da Raffaella Filanino dell’Atletica Disfida di Barletta in 39’34” che ha preceduto Marilena Brudaglio dell’Atletica Tommaso Assi Trani in 42’14”, a seguire Sonia Quattrocchi “A.S.D. Daunia Running” in 42’47”, Alessandra Foglia della ASD Running Academy Lucera in 43’37”, Silvia Acquaviva della “Martina Franca Running ASD” in 44’05”.

67839571_2658672117484960_8684553670718652416_nGrande merito agli atleti meno giovani della categoria SM80: Leonardo Serena del “GS Atl. Stracagnano” che ha completato i 10 km di gara in 59’33” precedendo di pochi secondi Andrea De Toma della SSD ARL Dynamic Fitness”in 59’33”.

In gara c’era anche Matteo Palumbo, ex atleta professionista del Gruppo Sportivo Carabinieri, il più’ forte di tutti i tempi a Manfredonia, un eroe nazionale per la cittadina di Manfredonia con i seguenti personal best: 3000 m in 8’09″67 a Ravenna il 25.06.2000; 5000 m in 13’54″04  a Ponzano il 30.06.2000; 10,000 m in 28’49″35 a Conegliano il 22.06.2001; mezza maratona 21,097 m in 1h03’04” il 29.09.2002; maratona 42,196 m in 2h12’59” a Carpi il 14.10.2001. Un esempio per tutti qualche anno fa e anche ora che continua a correre e stare con la gente dando consigli.

67811538_10218829621960585_4063059793823137792_nInteressandomi di psicologia dello sport e benessere, alcuni anni fa chiesi al vincitore Mimmo Ricatti di rispondere ad alcune domande e riporto di seguito le risposte: Chi ha contribuito al tuo benessere nello sport o alla tua performance?Tante persone ogni giorno contribuiscono alla buona riuscita delle mie avventure. Le persone che mi circondano spesso mi regalano la positività e la forza per cimentarmi in ogni passo della mia via.”

 

Mimmo è circondato da tante persone che gli vogliono bene, tanti fan, amici e parenti e colleghi che fanno il tifo per lui in ogni momento ed in ogni situazione: E’ lunghissima la carriera di Mimmo tantissime le su gare: Quali sono le tue sensazioni pregara, in gara, post gara? Puoi provare timore, fibrillazione, panico, tensione o chissà quanti altri stati. Io amo competere e la competizione è diventata per me come un luogo bellissimo in cui realizzarmi.”

67848009_2663616223657216_7252624665292570624_n

Ho conosciuto Mimmo Ricatti alcuni anni fa e mi ha sorpreso la sua determinazione ed impegno nel fare sport, nel pretendere tanto da se stesso ma anche dai suoi amici di squadra e di allenamenti: Hai dovuto scegliere nella tua vita di lasciare uno sport a causa di una carriera scolastica o lavorativa? Ho avuto molte fortune. Una di quelle è stata fare del mio sport un lavoro. Fantastico connubio!” Riesci ad immaginare una vita senza lo sport? La vita senza sport non è immaginabile perché lo sport è vita!”

 

Mimmo cerca di comprendere come curare con attenzione tutti gli aspetti inerenti la prestazione atletica: l’allenamento fisico, la nutrizione, non trascurando l’aspetto mentale: Come hai superato crisi, sconfitte, infortuni? “Crisi, sconfitte e infortuni sono tessere dello stesso puzzle di cui fanno parte anche i successi, le vittorie e i risultati. Se si accolgono questi nella propria vita bisogna accettare anche quegli altri come esperienze che possano farci maturare e capire.”

67874183_10214152502302304_1973082429316923392_n

A volte se qualcosa non va è importante approfondire, conoscere, sapere, informarsi, documentarsi, si scopre che è possibile fare qualcosa in modo diverso, in modo migliore, si impara a conoscersi meglio: Ritieni utile lo psicologo dello sport? Per quali aspetti e in quali fasi? “Lo psicologo serve quando serve ma anche quando sembra che non serva. Non si tratta di un rimedio estremo. Bensì di una pratica che può darci un ritmo, una tranquillità, una condizione di consapevolezza di alto livello.

67490919_10218829650241292_6576249337163022336_n.jpg

E’ vero non bisogna aspettare di avere dei sintomi, delle crisi, dei disturbi per ricorrere allo psicologo, l’aspetto mentale andrebbe allenato così come si allena l’aspetto fisico.

Domenico è menzionato nei libri: “O.R.A. Obiettivi, risorse, autoefficacia. Modello di intervento per raggiungere obiettivi nella vita e nello sport”, Aras Edizioni; “Sviluppare la resilienza. Per affrontare crisi, traumi, sconfitte nella vita e nello sport”, MJM Editore; “Sport, Benessere e Performance. Aspetti psicologici che influiscono sul benessere e performance dell’atleta”, Prospettiva Editrice. Un’intervista a Domenico Ricatti è riportata nel mio ultimo libro “Maratoneti e ultrarunner. Aspetti psicologici di una sfida”, edito da Edizioni Psiconline.

 

Matteo SIMONE 380.4337230

https://www.libreriauniversitaria.it/libri-autore_simone+matteo-matteo_simone.htm

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...