Conosci il Gargano? La 100 km nel Gargano si svolgerà sabato 28 settembre 2019

L’ultramaratona sarà prova del 17° Grand Prix IUTA 2019 di Ultramaratona

Matteo SIMONE

http://www.psicologiadellosport.net

 

Conosci la Puglia? Il Gargano? Lo sport diventa un treno che ti porta in giro per continenti, nazioni, città e paesi per sperimentare fatica e condivisione, per incontrare gente e approfondire la conoscenza di se stessi e degli altri. Il treno dello sport a volte passa e bisogna farsi trovare pronti e decisi alla fermata per prenderlo al volo e lasciarsi trasportare per strade, ville, parchi e monti.

70473519_10214421470186333_3395573342894292992_nLa 100 km nel Gargano si svolgerà sabato 28 settembre 2019 a Cagnano Varano (FG). L’ultramaratona sarà prova del 17° Grand Prix IUTA 2019 di Ultramaratona. La manifestazione è organizzata dall’ASD Stracagnano. Il percorso della gara si sviluppa interamente nel Parco Nazionale del Gargano. La gara prevede traguardi intermedi di 21 km, 42 km, 50 km.

E’ possibile iscriversi alla gara fino al 25 settembre 2019: – dal 1°agosto al 31 agosto: € 50,00; – dal 1° settembre al 25 settembre: € 60,00; sconto 5,00 € per tesserati IUTA o Club Supermaratoneti. Email: pasquale.giuliani@tiscali.it

La 100 km inizia con il decidere di fare tale impresa, con il credere di poterci riuscire, con il documentarsi su tali competizioni, con lo stilare un programma di massima che possa permettere di concludere tale gara, con il consultare diversi personaggi che hanno compiuto tale impresa, con il rivolgersi ad un tecnico.

2cf76228-91f5-4f49-b67b-55bde3ebd0b1.jpegLa 100 km non finisce all’arrivo ma con l’assicurarsi di essere integri all’arrivo e nei giorni successivi. Nella preparazione della 100 km non bisogna tralasciare nessun dettaglio, è opportuno ascoltare i suggerimenti di coloro che hanno già sperimentato tale evento sia per ciò che concerne la gara che per quello che riguarda la preparazione.

Durante la preparazione è consigliabile svolgere le sedute di allenamento della durata prevista nel proprio programma di allenamento, così come è importante cercare di partecipare ad alcune gare di lunga distanza quali le 50-60 km. È importante avvicinarsi alla gara continuando ad ascoltare i consigli di coloro che ci sono già passati per quanto riguarda, per esempio, la giusta alimentazione nel periodo precedente la gara o il saggio recupero pregara.

3d5bfa5f-f911-4f6d-9e00-09eae1aa65a0.jpgImportante è anche sapere a cosa si può andare incontro e come prevenire ciò, per esempio disidratazione, ipotermia, ecc. Durante la gara di 100 km è importante seguire un approccio volto all’attenzione, autoconsapevolezza, ascolto interno. Questo approccio permette di giocare d’anticipo. Essere attenti ai minimi segnali, essere consapevoli di quello che sta succedendo, ascoltare le proprie sensazioni permette di correre subito ai ripari, di aggiustare il tiro, di prevenire il peggio.

In una gara lunga 100 km, la cui durata massima prevista è di venti ore è importante valutare attentamente se la propria andatura, se è un po’ più veloce di quella di cui ci si può permettere potrebbe compromettere l’esito della gara. Importante è l’attenzione all’abbigliamento più adatto in modo da non rischiare, per esempio, un’eventuale ipotermia. Importante è prevedere l’uso della torcia adeguata se si prevede di correre nelle ore notturne o comunque per tratti bui.

69704390_2175806685880304_8306009319267106816_o.jpgPer tutti questi motivi, quindi, è consigliabile giocare d’anticipo, dunque non sottovalutare il minimo dettaglio, perfino l’eventualità di rischiare di non trovare la propria borsa con il cambio al punto previsto. La gara inizia quando si considera di voler e poter raggiungere un certo obiettivo.

Considerato che l’obiettivo è fattibile si passa all’azione e cioè si stila un programma di massima che possa permettere di raggiungere l’obiettivo stabilito. È importante anche stabilire degli obiettivi intermedi che, per quanto riguarda il percorrere una competizione di 100 km, potrebbero essere partecipazioni a maratone e ultramaratone e allenamenti prolungati per diverse ore.

64243968_10213833186479608_2703521139321208832_n.jpgDiventano importanti non gli obiettivi intermedi ma quello finale. È importante anche il periodo precedente la grande meta nel quale si focalizza il più possibile l’obiettivo stabilito mettendo da parte eventuali distrazioni o altri fattori che potrebbero comprometterne la riuscita.

L’esperienza sia in modo diretto, partecipando ad alcune gare, sia attraverso interviste, racconti e testimonianze da parte di atleti di queste discipline di sport di endurance e di ricerca personale, mi ha permesso di scrivere alcuni libri, tra i quali “Ultramaratoneti e gare estreme“, edito da Prospettiva Editrice e “Maratoneti e ultrarunner. Aspetti psicologici di una sfida”, edito da Edizioni Psiconline.

Neil libri enfatizzo gli aspetti della psicologia dello sport quali la consapevolezza delle proprie risorse e dei propri limiti, l’autoefficacia individuale, la resilienza che si sviluppa con la pratica dell’endurance e che diventa utile anche nella vita quotidiana, tutto diventa più gestibile ed affrontabile, si può fare tutto con studio, attenzione e senza fretta.

 

Matteo SIMONE 380.4337230

http://www.psicologiadellosport.net/eventi.htm

http://www.unilibro.it/libri/f/autore/simone_matteo

http://www.prospettivaeditrice.it/index.php?id_product=357&controller=product

https://www.libreriauniversitaria.it/libri-autore_simone+matteo-matteo_simone.htm

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...