Alex Tucci e Roberto Martini di corsa Sul Cammino di San Tommaso 320km

#RomOrtonaNOSTOP di Alex Tucci e Roberto Marini

Matteo SIMONE

http://www.psicologiadellosport.net

320KM 10000d+ NO STOP da Roma a Ortona di corsa sul Cammino di San Tommaso. Partiti il 16 Ottobre da Piazza San Pietro a Roma, corrono verso la Basilica di San Tommaso ad Ortona attraversando le loro regioni di appartenenza, il Lazio e l’Abruzzo fra borghi, riserve e parchi. Perché lo fanno? SEMPLICEMENTE PERCHÈ GLI VA!

#RomOrtonaNOSTOP di Alex Tucci e Roberto Martini Personal Running Coach partiti il 16 Ottobre da Roma per arrivare a Ortona domenica 18 per realizzare questo loro sogno: collegare il Lazio e l’Abruzzo correndo da Roma ad Ortona no stop i 320 km del Cammino di San Tommaso. 🏃 E’ possibile seguire il loro viaggio grazie al sistema tracking curato da SeteTrack.👇

Cercheranno di percorrere in un’unica tappa i 320km del cammino, lo faranno in modalità assistita, cercando di dormire il meno possibile, non sanno quanto ci metteranno, sono partiti il 16 ottobre dal centro di Roma a San Pietro per arrivare a Ortona dopo 320km entro la domenica… avranno anche un gps con loro così è possibile vedere in tempo reale dove sono e a che punto sono della loro.

Ci tengono a precisare che non è una gara, non cercheranno di battere nessun record, sarà solo un viaggio e un’esperienza che entrambi sognano da tempo di fare, sarà un modo per esplorare e vivere il loro territorio, unendo il Lazio e l’Abruzzo con la corsa. Di seguito approfondiamo la conoscenza di Alex e Roberto attraverso risposte ad alcune mie domande.

Qual è stato il tuo percorso nella pratica sportiva?

Alex:Come la maggior parte di noi runners amatori, ci si avvicina a questo sport dopo averne provati altri. La corsa è vista da tutti come uno sport duro. Prima di iniziare a correre, ho giocato a calcio per 12 anni. È stato uno sport che ho avuto la fortuna di praticare ad un buon livello e in settori giovanili dove sono stato seguito sempre da grandi tecnici che prima della pratica del calcio stesso, mi hanno dato tanta disciplina”.

Roberto: “Ho smesso di fumare e ho iniziato a correre tutti i giorni.”

Nello sport quali fattori contribuiscono al tuo benessere e alle tue prestazioni?

Alex:Dico sempre che lo sport, specialmente lo sport di endurance è per me composto da 20% di forma fisica, 30% dalla giusta alimentazione e il 50% dalla mente che va comunque molto allenata”.

Roberto: “La mia determinazione.”

Cosa pensano i tuoi familiari e amici della tua attività sportiva?

Alex:Sono molto fortunato su quest’aspetto perché ho amici che mi stimano tanto per quello che faccio e i miei familiari, sono altrettanto entusiasti in ogni pazza idea che mi faccio venire in mente. Poi avendo anche mio padre ultra trail runner, allora posso ritenermi proprio privilegiato”.

Roberto: “Che sono tutto matto. Però mi danno pieno supporto.”

Fare cose straordinarie per alcuni può essere considerato pazzia, ma poi ci si rende conto che è importante il supporto a persone che vogliono compiere imprese considerate da tanti non ordinarie.

Cosa hai scoperto del tuo carattere nel praticare lo sport?

Alex:Ho scoperto di essere molto determinato. Ho capito che quando voglio e sogno una cosa, in un modo o nell’altro riesco ad ottenerla. Questa è una cosa molto bella e gratificante, ma se in quello che faccio non ci credo al 100% ma ho già qualche semplice dubbio, allora diventa tutto più complesso se non impossibile”.

Roberto: “Che possiamo fare molto più di quello che crediamo… basta volerlo.”

In effetti, per raggiungere obiettivi ardui e sfidanti, per tramutare sogni in realtà, bisogna avere una passione altissima, una forte motivazione, e tanta fiducia in se stessi di potercela fare e poi basta seguire percorsi di allenamento che fanno giungere fino al traguardo per apprezzare quello che si è riusciti a fare.

Quali sensazioni sperimenti nello sport?

Alex:Essendo un ultra trail runner, le sensazioni che sperimento maggiormente sono quelle legate alla fatica, come combatterla e come superarla. Praticamente mi alleno a sperimentare le famose ‘crisi’ che possono durare diversi minuti o diverse ore.  La mente lì è tutto”.

Roberto: “Pregara: determinazione. In gara: un viaggio come dentro una bolla. Post gara: pienezza e soddisfazione. Poi ci sarebbe molto altro da dire, ma forse dovrei scriverci un libro.”

Lo sport riempie la vita, fa sentire l’importanza di essere vivo, di poter fare qualcosa di importante per se stessi, qualcosa che fa star bene, fa sperimentare viaggi verso mete fatte di arrivi e conclusioni, fa chiudere periodi fatti di pianificazione, programmazione, allenamenti che ti portano alla destinazione finale. È un allenamento alla fatica e alla crisi, un adattamento graduale alle situazioni difficili che rende sempre più fiduciosi, consapevoli e resilienti.

A cosa devi prestare attenzione nel tuo sport? Quali sono le difficoltà, i rischi?

Alex:Le difficoltà maggiori nella pratica del mio sport insieme ai rischi sono gli infortuni. Essere un ultra trail runner comporta aver a che fare con l’usura del corpo. Bisogna quindi allenarsi in modo giusto e se possibile alternando anche discipline diverse”.

Roberto: “Se metti un piede nel posto sbagliato puoi romperti qualcosa o peggio finire sotto a un dirupo.”

Se pensi a tutto quello che ti potrebbe succedere non faresti mai niente, rimarresti sempre protetto, corrazzato, nascosto ma se davvero vuoi vivere, bisogna sfidare l’incertezza, uscire allo scoperto, affrontare la vita reale e lo sport ti permette di fare questo, ti allontana dal rifugio sicuro, dal tuo recinto protetto e ti fa sperimentare libertà ed intensità.

Quali condizioni fisiche o ambientali ti ostacolano nella pratica del tuo sport?

Alex:Correre in ambienti naturali, richiede maggior concentrazione, soprattutto nelle ore notturne. Non è semplice riuscire a tenere alta la concentrazione per ore e a volte giorni. Purtroppo si corrono spesso diversi rischi ed è capitato che a qualcuno gli è costata la vita”.

Roberto: “Mancanza di concentrazione.”

La pratica di sport di endurance non significa che bisogna spegnersi o consumarsi facendo sport ma far sì che si possa sperimentare anche sollievo e riposo da periodi meno impegnativi dove bisogna coccolarsi e aver cura di sé stessi, soprattutto delle parti più soggette a traumi come gli arti inferiori, schiena, articolazioni.

Cosa ti fa continuare a fare attività fisica, hai rischiato di mollare di fare sport?

Alex:Sicuramente la voglia di spingersi oltre e di voler provare sempre nuove sfide ed emozioni. Inoltre dico sempre che le corse sono ‘viaggi’ e io non voglio smettere di farlo. Il rischio di dover mollare appartiene a tutti e ce l’abbiamo in ogni momento. Io non do mai per scontato quello che riesco a fare quotidianamente e ringrazio di essere così privilegiato”.

Roberto: “Continuo a fare sport perché mi dà la possibilità di vivere esperienze incredibili.”

È importante sempre focalizzarsi nel momento presente, cavalcando il bisogno e l’esigenza presente che porta a sperimentare benessere e successo attraverso lunghi viaggi di fatica per mari e monti, pianure e colline, salite e discese, sentieri e asfalti e quando c’è un periodo avverso, come quello della pandemia che stiamo vivendo, accettarlo, farsene una ragione e rimodulare piani e obiettivi con pazienza e fiducia.

Un messaggio rivolto ai ragazzi per avvicinarli allo sport?

Alex:Spesso mi invitano nelle scuole per parlare di endurance e sogni. Il messaggio che cerco di lasciare ai ragazzi è sempre quello che non esiste l’impossibile, nella vita e nello sport. Se pensiamo di avere delle difficoltà davanti a noi, basta cambiare la prospettiva delle cose, guardarle in modo diverso, rimboccarsi le maniche e andare decisi a realizzare quello che desideriamo”.

Roberto: “Se vuoi cambiare il tuo corpo allenati, ma se vuoi cambiare la tua vita inizia a correre.”

Si può cambiare la propria vita semplicemente cambiando il proprio stile di vita.

Ritieni utile la figura dello psicologo dello sport? Per quali aspetti e fasi?

Alex:La figura dello psicologo, io non lo ritengo utile solo nello sport, ma in tutto. Lo psicologo è proprio colui che ti invita e insegna a dover guardare le cose da prospettive diverse. Penso che nello sport non esista una fase dove è più o meno importante. Penso che la sua importanza sia sempre valida e di grande aiuto”.

Roberto: “Si certo per dare supporto nei momenti di difficoltà.”

Lo psicologo serve anche a dare un indirizzo soprattutto nei periodi di crisi come un infortunio, sconfitta, mancanza di motivazione, o anche in un periodo di pandemia come questo che stiamo vivendo.

Come hai superato eventuali crisi, infortuni, sconfitte, difficoltà?

Alex:Con tanta pazienza, senza voler bruciare le tappe e con una grande forza di volontà nel voler rimettermi sempre in gioco cercando di tornare a fare quello che mi piace fare”.

Roberto: “Con la testa, piano piano passo dopo passo.”

Sport di endurance, sport protratto per lunghi chilometri aiuta ad avere un approccio di attesa, di fiducia, di speranza, si risolve tutto senza fretta, un po’ per volta a piccoli passi, andando avanti gradualmente e con attenzione.

Un’intervista a Roberto Martini è riportata nel libro “Sport, benessere e performance. Aspetti psicologici che influiscono sul benessere e performance dell’atleta”, edito da Prospettiva Editrice.

Segnalo alcuni miei libri: Cosa spinge le persone a fare sport?; Triathlon e ironman. La psicologia del triatleta; Maratoneti e ultrarunner; Lo sport delle donne; Sport, benessere e performance; Carlos Castaneda incontra don Juan, uno sciamano divenuto suo maestro; Ultramaratoneti e gare estreme; Sviluppare la resilienza; Doping Il cancro dello sport; O.R.A. Obiettivi, Risorse, Autoefficacia; Psicologia dello sport e dell’esercizio fisico; Psicologia dello sport e non solo.

Libri: http://www.ibs.it/libri/simone+matteo/libri+di+matteo+simone.html

Dott. Matteo SIMONE 380-4337230 – 21163@tiscali.it

Psicologo, Psicoterapeuta, Terapeuta EMDR

Sito web: www.psicologiadellosport.net

Blog: http://ilsentieroalternativo.blogspot.it/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...