Intervista doppia alla coppia di ultrarunner Zagara e Vincenzo

Matteo SIMONE 

http://www.psicologiadellosport.net 

A volte la vita mette a dura prova, fa incontrare problemi e ostacoli, situazioni difficili da gestire, affrontare e superare, poi succede di iniziare a praticare sport e tutto cambia, si sperimentano altre modalità di stare al modo, altre modalità per sperimentare benessere, fatica e sofferenza, gioie e soddisfazioni. Di seguito Zagara e Vincenzo raccontano le loro esperienze di vita e di sport rispondendo ad alcune mie domande di un po’ di tempo fa. 

Qual è stato il tuo percorso per diventare atleta? 

Zagara: “Ho iniziato con 3 amiche, ci chiamavamo quelle delle 5.50 perché le 5.50 era l’orario che ci davamo all’alba per scendere e poi incontrarci per allenarci. Poi piano piano la corsa mi ha preso sempre più. Non uscivo con il Garmin, non sapevo neanche che fosse, ma so che a volte rientravo dopo 3 ore. Più correvo e più ero felice…sicché un amico mi invitò ad iscrivermi ad una società per poi correre la mia prima gara: la Garibaldina 19km con il passaggio sui Ponti della Valle dove ad attendere c’era l’inno di Mameli. Brividi e commozione. Il mio debutto con il mio primo pettorale fu stupendo.” 

Vincenzo: “Il mio percorso è cominciato così, avevo un’edicola che ho chiuso per fallimento e mi sono trovato senza lavoro. Mangiavo sempre, fumavo e non ero mai stanco, così decisi di andare a camminare un po’ di mattina presto. Da lì ho conosciuto tantissimi amici che mi hanno portato a iscrivermi ad una società e a partecipare a gare. Sono stato per più di due anni senza lavoro e posso dire la corsa mi ha aiutato tantissimo a sopravvivere, a volte mi domando, chissà se non cominciavo a correre che fine avrei fatto.” 

Cosa spinge un gruppo di persone a incontrarsi per allenarsi? La voglia di evadere dalla quotidianità ordinaria, dalle mura domestiche, dalla comoda poltrona davanti alla TV, la voglia di guadagnarsi una doccia ristorativa. Lo sport rimette al mondo in modo diverso, da una parte fa faticare, da un’altra parte fa divertire condividendo situazioni bizzarre e particolari, uno spazio e un tempo per evadere dai pensieri e situazioni pressanti, un modo per ricaricarsi. 

Quali sensazioni sperimenti facendo sport (pre-gara, gara, post-gara)? 

Zagara: “Sensazioni: pre-gara: gioia di vedere gli amici, gara parlo, rido e sbuffo Ahahah, dopo felicità allo stato brado.” 

Vincenzo: “La mattina mi piace uscire presto e ascoltare il silenzio mattutino, mi ricarica per la giornata che affronterò.” 

Questo è il bello dello sport e della corsa in particolare provare sensazioni ed emozioni, sperimentare, uscire a ore insolite e notare che effetto fa vedere colori dell’alba, il fresco della mattina, il silenzio e altro. 

Cosa hai scoperto del tuo carattere nel praticare sport? 

Zagara: “Praticando sport ho capito che sono forte.” 

Vincenzo: “Ho scoperto che con la testa si può arrivare dovunque e i dolori che possono comparire durante una gara o un allenamento vanno risolti di testa.” 

A volte i dolori possono essere sabotatori, ce li cerchiamo noi perché forse siamo indecisi, negativi, svogliati e attendiamo un dolore per poterci fermare e in questo caso potrebbe essere utile un lavoro mentale per cercare di mettere a confronto nostre polarità opposte per trovare un compromesso, un accordo per continuare la nostra esperienza sportiva fino al traguardo. Altre volte il dolore può indicarci una vera sofferenza e allora si è forti se ci si ferma, se si è troppo ostinati si continua senza considerare i messaggi di aiuto del corpo. 

Ricordi un’esperienza che ti può dare la convinzione che ce la puoi fare? 

Zagara: “La paura di perdere mia figlia mi ha fatto capire che io ce la potrò sempre fare.” 

Vincenzo: “L’esperienza che mi ha dato forza è stato affrontare la Nove Colli e il Passatore in 7 giorni, queste due gare mi hanno cambiato totalmente la vita. Non sono mai stato un ansioso per natura, ma la vita non è mai stata semplice e facile con me. Ho imparato che il bello arriva prima o poi.” 

Le esperienze passate di riuscita aiutano ad aver fiducia in noi stessi, incrementano l’autoefficacia, nel caso di Vincenzo aver fatto due gare consecutive a distanza di una settimana e cioè 2002,4km e 100km per un totale di 302,4 km danno fiducia nel futuro di riuscire ad alzare l’asticella, di essere fiduciosi nell’andare avanti nello sforzo e nella fatica un passo alla volta. 

Ritieni utile lo psicologo dello sport? Per quali aspetti ed in quali fasi? 

Zagara: “Lo psicologo è utile, ti motiva e fa uscire la passione che forse alcuni ancora non sanno di avere.” 

Vincenzo: “Mio fratello prima del passatore mi fece leggere una frase del libro, resisto dunque sono, penso che alcune frasi dette da persone competenti aiutino molto.” 

In gare di endurance può essere importante il confronto con uno psicologo per gestire diversi aspetti quali l’insicurezza, la gestione dell’ansia di prestazione, superare infortuni e sconfitte, gestire la pretesa di riconfermarsi o il fine carriera. 

Prossimi obiettivi? Sogni realizzati e da realizzare?? 

Zagara: “I miei obiettivi tanti, fino a fare un giorno da sola il giro del mondo, perchè quando la vita ti vuole portare via la tua unica forza e ragione del vivere, ovvero tua figlia…niente più può farti male, nemmeno girare con le proprie gambe il mondo. L’obiettivo raggiunto che corro contro ogni se e ogni ma”. 

Vincenzo: “I sogni da realizzare sono tanti, ma purtroppo li decido man mano, ma non in base alla condizione fisica, perché se non faccio un ultramaratona a settimana, mi faccio dei lunghi da 40/50 km nei weekend e poi tutte le mattine mi alzo alle 3 e per le 3:30 già sto per strada a correre, per le 7 a casa e poi pronto per affrontare una giornata di lavoro, perché alla fine non corro solo per gareggiare,  corro perché ne ho voglia e a volte anche una corsa fatta da solo può valere, come emozioni e sensazioni più di una gara”. 

Vincenzo è menzionato nel libro “L’ultramaratoneta di Corato. Esperienze, sensazioni, emozioni e aspetti psicologici di un atleta di corsa delle lunghe distanze.” 

https://www.arduinosaccoeditore.eu/products/l-ultramaratoneta-di-corato/

Matteo SIMONE 21163@tiscali.it  

http://www.psicologiadellosport.net 

http://www.ibs.it/libri/simone+matteo/libri+di+matteo+simone.html  

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...